14/05/2018, 10.43
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: Gesù è nostro amico e resta fedele alla sua amicizia anche se noi non lo siamo

Abbiamo ricevuto come “destino” l’amicizia con il Signore. “Lui non rinnega questo dono, non ci rinnega, ci aspetta fino alla fine. E quando noi per la nostra debolezza ci allontaniamo da Lui, Lui aspetta, Lui aspetta, Lui continua a dire: ‘Amico, ti aspetto. Amico cosa vuoi? Amico, perché con un bacio mi tradisci?’”.

Città del Vaticano (AsiaNews) – Gesù è nostro amico e resta fedele alla sua amicizia anche se ci si allontana da lui o addirittura se lo si tradisce, come Giuda. L’ha detto papa Francesco nella messa che ha celebrato stamattina a Casa santa Marta, prendendo spunto dalla Liturgia della Parola odierna, dove - nella festa di san Mattia - più volte viene usata la parola “sorte” e noi, nelle parole del Papa, abbiamo ricevuto in “sorte”, cioè come “destino” non per “caso”, l’amicizia con Gesù.

“Noi – ha sostenuto Francesco - abbiamo ricevuto questo dono come destino, l’amicizia del Signore, questa è la nostra vocazione: vivere amici del Signore, amici del Signore. E lo stesso avevano ricevuto gli apostoli, più forte ancora, ma lo stesso. Tutti noi cristiani abbiamo ricevuto questo dono: l’apertura, l’accesso al cuore di Gesù, all’amicizia di Gesù. Abbiamo ricevuto in sorte il dono della tua amicizia. Il nostro destino è essere amici tuoi. E’ un dono che il Signore conserva sempre e Lui è fedele a questo dono”.

Tante volte, però, noi non lo siamo e ci allontaniamo “con i nostri peccati, con i nostri capricci” ma “Lui è fedele all’amicizia”. Gesù quindi, come ricorda il Vangelo odierno (Gv 15,9-17), non ci chiama più “servi” ma “amici” e conserva questa parola fino alla fine perché è fedele. Persino con Giuda: l’ultima parola che gli rivolge, prima del tradimento, è “amico” non gli dice “vattene”. “Gesù è il nostro amico. E Giuda, come dice qui, è andato per la sua sorte nuova, per il suo destino che lui ha scelto liberamente, si è allontanato da Gesù. E l’apostasia è quello: allontanarsi da Gesù. Un amico che diventa nemico o un amico che diventa indifferente o un amico che diventa traditore”.

Al posto di Giuda – come narra la Prima Lettura (At 1,15-17.20-26) – viene, quindi, eletto a sorte Mattia “per essere testimone della Risurrezione”, “testimone di questo dono di amore”. “L’amico – ha ricordato il Papa – è quello che condivide proprio i segreti” con l’altro. “Vi ho chiamati amici perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l’ho fatto conoscere a voi”, dice infatti Gesù nel Vangelo. Si tratta, dunque, di un’amicizia che “abbiamo ricevuto in sorte, cioè come destino”, come l’aveva ricevuta Giuda e Mattia. “Pensiamo a questo, Lui non rinnega questo dono, non ci rinnega, ci aspetta fino alla fine. E quando noi per la nostra debolezza ci allontaniamo da Lui, Lui aspetta, Lui aspetta, Lui continua a dire: ‘Amico, ti aspetto. Amico cosa vuoi? Amico, perché con un bacio mi tradisci?’. Lui è il fedele nell’amicizia e noi dobbiamo chiedergli questa grazia di rimanere nel suo amore, rimanere nella sua amicizia, quella amicizia che noi abbiamo ricevuto come dono in sorte da Lui”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: anche Giuda fa parte del disegno di Dio
18/10/2006
Papa: la Risurrezione "non è l'happy end di un film", ma "una vittoria umile di Dio, che umanamente sembra un fallimento"
16/04/2014
Papa: Gesù “si è fatto piccolo” e per ascoltare la voce di Dio bisogna farsi piccoli
23/06/2017 11:05
“Lo spirito della GMG non finisce”: il ritorno a casa dei giovani pakistani
06/08/2016 12:35
Papa: Giuda, la “perfetta pecora smarrita” che non capisce la tenerezza di Dio
06/12/2016 11:18