19 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/11/2017, 12.18

    VATICANO

    Papa: Il cattivo esercizio dell’autorità. La beatificazione di sr Rani Maria a Indore



    All’Angelus, papa Francesco critica “quanti hanno un’autorità, sia civile, sia ecclesiastica”. “L’autorità è un aiuto, ma se viene esercitata male, diventa oppressiva, non lascia crescere le persone e crea un clima di sfiducia e di ostilità e porta anche alla corruzione”. “Personalmente mi addolora vedere persone che psicologicamente vivono correndo dietro alle onorificenze”. La beata Regina (Rani) Maria Vattalil, martire. “Il suo sacrificio sia seme di fede e di pace, specialmente in terra indiana”. Era chiamata “la suore del sorriso”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Le “critiche severe agli scribi e ai farisei” sulla bocca di Gesù sono anche delle “importanti consegne ai cristiani di tutti i tempi, quindi anche a noi”, per evitare “un cattivo esercizio dell’autorità”. Lo ha detto papa Francesco commentando il vangelo della messa di oggi (Matteo 23,1-12) con i pellegrini radunati in piazza san Pietro per l’Angelus. Il pontefice ha anche ricordato la beatificazione avvenuta ieri in India di suor Rani (Regina) Maria Vattalil, uccisa nel 1995 a causa della fede.

    Citando le critiche a scribi e farisei che “dicono e non fanno”, e che “legano fardelli pesanti e difficili da portare e li pongono sulle spalle della gente, ma essi non vogliono muoverli neppure con un dito”, Francesco ha aggiunto: “Un difetto frequente in quanti hanno un’autorità, sia civile, sia ecclesiastica, è quello di esigere dagli altri cose, anche giuste, che però loro non mettono in pratica in prima persona… Questo atteggiamento è un cattivo esercizio dell’autorità, che invece dovrebbe avere la sua prima forza proprio dal buon esempio, per aiutare gli altri a praticare ciò che è giusto e doveroso, sostenendoli nelle prove che si incontrano sulla via del bene. L’autorità è un aiuto, ma se viene esercitata male, diventa oppressiva, non lascia crescere le persone e crea un clima di sfiducia e di ostilità e porta anche alla corruzione”.

    “Gesù denuncia apertamente alcuni comportamenti negativi degli scribi e dei farisei: «Si compiacciono dei posti d’onore nei banchetti, dei primi seggi nelle sinagoghe, dei saluti nelle piazze» (vv.6-7). Questa è una tentazione che corrisponde alla superbia umana e che non è sempre facile vincere. E’ l’atteggiamento di vivere solo per l’apparenza”.

    Le “consegne” ai discepoli sono nel non farsi chiamare “rabbi” o “guida” perché “uno solo è il vostro Maestro e voi siete tutti fratelli…. uno solo è la vostra Guida, il Cristo”.

    “Noi discepoli di Gesù - ha continuato il papa - non dobbiamo cercare titoli di onore, di autorità o di supremazia. A me personalmente mi addolora vedere persone che psicologicamente vivono correndo dietro alle onorificenze… poiché tra di noi ci dev’essere un atteggiamento fraterno. Siamo tutti fratelli e non dobbiamo in nessun modo sopraffare gli altri. Se abbiamo ricevuto delle qualità dal Padre celeste, le dobbiamo mettere al servizio dei fratelli, e non approfittarne per la nostra soddisfazione e interesse personale. Non dobbiamo considerarci superiori agli altri; la modestia è essenziale per una esistenza che vuole essere conforme all’insegnamento di Gesù, il quale è mite e umile di cuore ed è venuto non per essere servito, ma per servire”.

    “La Vergine Maria - ha concluso -  «umile e alta più che creatura» (Dante, Paradiso, XXXIII, 2), ci aiuti, con la sua materna intercessione, a rifuggire dall’orgoglio e dalla vanità, e ad essere docili all’amore che viene da Dio, per il servizio dei nostri fratelli e per la loro gioia, che sarà anche la nostra”.

    Dopo la preghiera mariana, Francesco ha ricordato che ieri, a Indore (India), è stata proclamata beata Regina (Rani) Maria Vattalil, religiosa della Congregazione delle Suore Clarisse Francescane, martire.

    “Suor Vattalil - ha aggiunto il pontefice - ha dato testimonianza a Cristo nell’amore e nella mitezza, e si unisce alla lunga schiera dei martiri del nostro tempo. Il suo sacrificio sia seme di fede e di pace, specialmente in terra indiana. Era tanto buona che la chiamavano ‘la suora del sorriso’”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/04/2010 INDIA
    L’assassino pentito di suor Rani: “I cristiani, speranza per l’India”
    Samandar Singh si è pentito dopo aver ucciso la religiosa nel 1995. Oggi è un uomo diverso, che aiuta i tribali e considera la famiglia di suor Rani “la sua famiglia”. Ma conferma il clima di odio anti-cristiano che attraversa l’India e invita i suoi connazionali a vedere la verità sulla presenza dei missionari nel Paese.

    17/04/2010 INDIA
    Suor Rani Maria, martire della fede: il suo assassino si è convertito
    A quindici anni dal martirio della religiosa, uccisa per il suo impegno a favore dei poveri e per la sua fede cristiana, il sacerdote che ha curato l’inchiesta diocesana racconta ad AsiaNews la vita e le opere della madre. La conversione del suo assassino, un contadino indù, dovuta alla sua intercessione.

    30/03/2014 VATICANO
    Papa: Come il cieco guarito, “venire alla luce”, rinascere a nuova vita
    All’Angelus papa Francesco contrappone il cieco che arriva fino a credere in Gesù e i “presunti vedenti che continuano a rimanere ciechi nell’anima”. La nostra vita talvolta è “simile a quella del cieco” e talvolta a “quella dei dottori della legge: dall’alto del nostro orgoglio giudichiamo gli altri, e perfino il Signore!”. L’invito a leggere il vangelo di Giovanni per “la strada della luce e la strada della cecità”. Il saluto ai militari italiani che “lavorano per la pace”.

    16/11/2017 10:22:00 INDIA
    Suor Meena Barwa: condividere la passione di Cristo per essere testimoni del Vangelo

    La suora dell’ordine delle Servitrici è sopravvissuta ad uno stupro durante i pogrom anticristiani di Kandhamal. “La mia sofferenza non sarà invano”. Un ex detenuto ha iniziato una nuova vita dopo che la suora è andata a trovarlo in carcere. Sister Rani Maria, la prima martire donna dell’India, “è già santa”.



    26/04/2010 INDIA
    “Il martirio di suor Rani Maria è una benedizione e un dono”
    La sorella di suor Rani Maria racconta lo sgomento per il brutale omicidio, il conforto per la scoperta del disegno di Dio, la gioia del perdono e della conversione dell’assassino. Vissuti insieme alla famiglia. Intervista a suor Selmy Paul, sorella di suor Rani.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®