25/12/2014, 00.00
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: Natale, il mondo e ognuno di noi accolga la "tenerezza di Dio"

"Questa è la domanda che il Bambino ci pone con la sua sola presenza: permetto a Dio di volermi bene? E ancora: abbiamo il coraggio di accogliere con tenerezza le situazioni difficili e i problemi di chi ci sta accanto, oppure preferiamo le soluzioni impersonali, magari efficienti ma prive del calore del Vangelo? Quanto bisogno di tenerezza ha oggi il mondo! Pazienza di Dio, vicinanza di Dio, tenerezza di Dio".

Città del Vaticano (AsiaNews) - Come accogliamo la "tenerezza di Dio" che con la sua pazienza ha aspettato "di fronte alla corruzione di uomini e popoli" e nella notte di Natale ha portato la luce a un popolo che camminava nelle tenebre. "Mi lascio raggiungere da Lui, mi lascio abbracciare, oppure gli impedisco di avvicinarsi?". Ruota intorno a questa domanda la riflessione di papa Francesco nella notte di Natale quando, al termine della messa celebrata nella basilica di san Pietro, ha preso tra le braccia la statua del Bambinello posta davanti all'Altare della Confessione e, in processione, l'ha portata fino al Presepe allestito nella Cappella della Presentazione. Ad accompagnarlo, anche dieci bambini in abiti tradizionali, provenienti da diversi Paesi del mondo: Corea, Filippine, Italia, Belgio, Libano e Siria.

La liturgia della notte di Natale, ha sottolineato il Papa "ci presenta la nascita del Salvatore: come luce che penetra e dissolve,  la più densa oscurità"., nella quale camminiamo anche noi.

"L'origine delle tenebre che avvolgono il mondo si perde nella notte dei tempi. Ripensiamo all'oscuro momento in cui fu commesso il primo crimine dell'umanità, quando la mano di Caino, accecato dall'invidia, colpì a morte il fratello Abele (cfr Gen 4,8). Così, il corso dei secoli è stato segnato da violenze, guerre, odio, sopraffazione. Ma Dio, che aveva riposto le proprie attese nell'uomo fatto a sua immagine e somiglianza, aspettava. Dio aspettava. Egli ha atteso talmente a lungo che forse ad un certo punto avrebbe dovuto rinunciare. Invece non poteva rinunciare, non poteva rinnegare sé stesso (cfr 2 Tm 2,13). Perciò ha continuato ad aspettare con pazienza di fronte alla corruzione di uomini e popoli. La pazienza di Dio. Quanto è difficile capire questo: la pazienza di Dio verso di noi! Lungo il cammino della storia, la luce che squarcia il buio ci rivela che Dio è Padre e che la sua paziente fedeltà è più forte delle tenebre e della corruzione. In questo consiste l'annuncio della notte di Natale. Dio non conosce lo scatto d'ira e l'impazienza; è sempre lì, come il padre della parabola del figlio prodigo, in attesa di intravedere da lontano il ritorno del figlio perduto; e tutti i giorni, con pazienza. La pazienza di Dio".

"In questa santa notte, mentre contempliamo il Bambino Gesù appena nato e deposto in una mangiatoia, siamo invitati a riflettere. Come accogliamo la tenerezza di Dio? Mi lascio raggiungere da Lui, mi lascio abbracciare, oppure gli impedisco di avvicinarsi? 'Ma io cerco il Signore' - potremmo ribattere. Tuttavia, la cosa più importante non è cercarlo, bensì lasciare che sia Lui a cercarmi, a trovarmi e ad accarezzarmi con amorevolezza. Questa è la domanda che il Bambino ci pone con la sua sola presenza: permetto a Dio di volermi bene? E ancora: abbiamo il coraggio di accogliere con tenerezza le situazioni difficili e i problemi di chi ci sta accanto, oppure preferiamo le soluzioni impersonali, magari efficienti ma prive del calore del Vangelo? Quanto bisogno di tenerezza ha oggi il mondo! Pazienza di Dio, vicinanza di Dio, tenerezza di Dio".

"La risposta del cristiano non può essere diversa da quella che Dio dà alla nostra piccolezza. La vita va affrontata con bontà, con mansuetudine. Quando ci rendiamo conto che Dio è innamorato della nostra piccolezza, che Egli stesso si fa piccolo per incontrarci meglio, non possiamo non aprirgli il nostro cuore, e supplicarlo: 'Signore, aiutami ad essere come te, donami la grazia della tenerezza nelle circostanze più dure della vita, donami la grazia della prossimità di fronte ad ogni necessità, della mitezza in qualsiasi conflitto'. Cari fratelli e sorelle - la conclusione di Francesco - in questa notte santa contempliamo il presepe: lì «il popolo che camminava nelle tenebre ha visto una grande luce» (Is 9,1). La vide la gente semplice, la gente disposta ad accogliere il dono di Dio. Al contrario, non la videro gli arroganti, i superbi, coloro che stabiliscono le leggi secondo i propri criteri personali, quelli che assumono atteggiamenti di chiusura. Guardiamo il presepe e preghiamo, chiedendo alla Vergine Madre: O Maria, mostraci Gesù!".

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: Ci sono tenebre nei cuori umani, ma più grande è la luce di Cristo
25/12/2019 11:23
Papa: Col battesimo, il cristiano diviene ‘cristoforo’, ‘portatore di Gesù’ nel mondo
02/08/2017 10:29
Papa: solo indossando “l’abito dell’amore” potremo andare alla "festa del Cielo"
05/04/2007
Papa: sono con i cristiani perseguitati di Mosul e del Medio Oriente
20/07/2014
Papa: nelle prove dobbiamo avere la "esemplare" pazienza di una persona adulta, "la pazienza di Dio"
17/02/2014