24 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/01/2018, 10.38

    VATICANO

    Papa: Noi come i Magi: vedere la stella, camminare, offrire gratuitamente



    Nella messa per la solennità dell’Epifania, papa Francesco suggerisce di imitare i Magi: alzare “lo sguardo al cielo”, non accontentarsi di “vivacchiare, di galleggiare”. “Il successo, il denaro, la carriera, gli onori, i piaceri ricercati come scopo dell’esistenza… brillano per un po’, ma si schiantano presto e il loro bagliore svanisce. Sono stelle cadenti”. “Donare gratuitamente, per il Signore, senza aspettarsi qualcosa in cambio: questo è segno certo di aver trovato Gesù”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – “Il nostro percorso incontro al Signore, che oggi si manifesta come luce e salvezza per tutte le genti”, è orientato dai gesti dei Magi: essi “vedono la stella, camminano e offrono doni”. Così papa Francesco ha sintetizzato il senso della solennità di oggi, Epifania del Signore, nella messa celebrata stamane nella basilica di san Pietro. Riprendendo alcune frasi dall’episodio del Vangelo (Matteo 2, 1-12), che ricorda l’episodio dell’adorazione dei Magi venuti dall’Oriente, il papa ha sottolineato tre azioni:

    Vedere la stella. È il punto di partenza. Ma perché, potremmo chiederci, solo i Magi hanno visto la stella? Forse perché in pochi avevano alzato lo sguardo al cielo. Spesso, infatti, nella vita ci si accontenta di guardare per terra: bastano la salute, qualche soldo e un po’ di divertimento. E mi domando: noi, sappiamo ancora alzare lo sguardo al cielo? Sappiamo sognare, desiderare Dio, attendere la sua novità, o ci lasciamo trasportare dalla vita come un ramo secco dal vento? I Magi non si sono accontentati di vivacchiare, di galleggiare. Hanno intuito che, per vivere davvero, serve una meta alta e perciò bisogna tenere alto lo sguardo”.

    “Perché, tra quanti alzavano lo sguardo al cielo, tanti altri non hanno seguito quella stella, «la sua stella» (Mt 2,2)? Forse perché non era una stella appariscente, che splendeva più di altre… La stella di Gesù non acceca, non stordisce, ma invita gentilmente. Possiamo

    chiederci quale stella scegliamo nella vita. Ci sono stelle abbaglianti, che suscitano emozioni forti, ma che non orientano il cammino. Così è per il successo, il denaro, la carriera, gli onori, i piaceri ricercati come scopo dell’esistenza. Sono meteore: brillano per un po’, ma si schiantano presto e il loro bagliore svanisce. Sono stelle cadenti, che depistano anziché orientare. La stella del Signore, invece, non è sempre folgorante, ma sempre presente: ti prende per mano nella vita, ti accompagna. Non promette ricompense materiali, ma garantisce la pace e dona, come ai Magi, «una gioia grandissima» (Mt 2,10)”.

    Camminare, la seconda azione dei Magi, è essenziale per trovare Gesù. La sua stella, infatti, domanda la decisione del cammino, la fatica quotidiana della marcia; chiede di liberarsi da pesi inutili e da fastosità ingombranti, che intralciano, e di accettare gli imprevisti che non compaiono sulla mappa del quieto vivere. Gesù si lascia trovare da chi lo cerca, ma per cercarlo bisogna muoversi, uscire. Non aspettare; rischiare. Non stare fermi; avanzare. È esigente Gesù: a chi lo cerca propone di lasciare le poltrone delle comodità mondane e i tepori rassicuranti dei propri caminetti. Seguire Gesù non è un educato protocollo da rispettare, ma un esodo da vivere”.

    Il pontefice mostra poi la differenza fra il camminare dei Magi e il “rimanere fermi” di Erode e dei sacerdoti del tempio: “C’è Erode, turbato dal timore… ma lui non si muove, sta chiuso nel suo palazzo. Anche «tutta Gerusalemme» (v. 3) ha paura: paura delle novità di Dio. Preferisce che tutto resti come prima e nessuno ha il coraggio di andare. Più sottile è la tentazione dei sacerdoti e degli scribi. Essi conoscono il luogo esatto e lo segnalano a Erode, citando anche la profezia antica. Sanno, ma non fanno un passo verso Betlemme. Può essere la tentazione di chi è credente da tempo: si disquisisce di fede, come di qualcosa che si sa già, ma non ci si mette in gioco personalmente per il Signore. Si parla, ma non si prega; ci si lamenta, ma non si fa il bene. I Magi, invece, parlano poco e camminano molto”.

    Infine, la parola “Offrire…. Il Vangelo si realizza quando il cammino della vita giunge al dono. Donare gratuitamente, per il Signore, senza aspettarsi qualcosa in cambio: questo è segno certo di aver trovato Gesù, che dice: «Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date» (Mt 10,8). Fare il bene senza calcoli, anche se nessuno ce lo chiede, anche se non ci fa guadagnare nulla, anche se non ci fa piacere. Dio questo desidera… Offrire un dono gradito a Gesù è accudire un malato, dedicare tempo a una persona difficile, aiutare qualcuno che non ci suscita interesse, offrire il perdono a chi ci ha offeso”.

    “Guardiamo - ha concluso - le nostre mani, spesso vuote di amore, e proviamo oggi a pensare a un dono gratuito, senza contraccambio, che possiamo offrire. Sarà gradito al Signore. E chiediamo a Lui: ‘Signore, fammi riscoprire la gioia di donare’”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/01/2016 VATICANO
    Papa all’Epifania: Per la Chiesa “non c’è un’altra strada. La missione è la sua vocazione”
    Nella celebrazione della messa per l’Epifania, papa Francesco ribadisce la natura missionaria – non proselitista - della Chiesa. La Chiesa vive del “mysterium lunae”: essa riflette la luce da Dio, “non può illudersi di brillare di luce propria”. “Come i Magi tante persone, anche ai nostri giorni, vivono con il “cuore inquieto” che continua a domandare”. Davanti al bambino e a sua Madre, “presentiamogli i nostri doni: la nostra libertà, la nostra intelligenza, il nostro amore”.

    06/01/2015 VATICANO
    Papa: seguire il cammino dei Magi, "modelli di conversione" verso l'incontro con Cristo
    "Rappresentano gli uomini e le donne in ricerca di Dio nelle religioni e nelle filosofie del mondo intero: una ricerca che non ha mai fine". Come loro i cristiani siano "attenti, instancabili, coraggiosi e con la luce della Parola di Dio, un Vangelo in tasca". "Anche coloro che sembrano lontani sono seguiti, inseguiti dal Signore".

    06/01/2018 12:15:00 VATICANO
    Papa: L’augurio di Natale alle Chiese orientali. Essere premurosi come i Magi

    All’Angelus, papa Francesco augura che la festa di Natale “sia fonte di nuovo vigore spirituale e di comunione tra tutti noi cristiani”. La Giornata Missionaria dei Ragazzi. “Seguire l’esempio dei Magi: pronti a scomodarci per incontrare Gesù nella nostra vita”.



    06/01/2013 VATICANO
    Il papa fa gli auguri di Natale alle Chiese ortodosse dell'oriente
    All'Angelus, Benedetto XVI spiega la "leggera differenza" fra la festa di Natale (celebrata dagli ortodossi) e l'Epifania (celebrata dalla Chiesa cattolica). Maria e Giuseppe rappresentano il "ceppo" di Israele; i Magi rappresentano i popoli, le civiltà, le culture, le religioni "in cammino verso Dio". Il saluto a familiari e amici dei quattro vescovi ordinati stamattina in san Pietro. L'incoraggiamento ai bambini "per la diffusione del Vangelo e per aiutare concretamente i coetanei che ne hanno più bisogno". I cortei dei Re Magi, occasione di annuncio per quanti si sono "allontanati" dalla Chiesa e per quanti "cercano Dio".

    06/01/2012 VATICANO
    Papa: La Chiesa offre la luce di Cristo al mondo (e all’occidente) “immerso nelle nebbie”. Annunciati i nuovi cardinali
    All’Angelus, Benedetto XVI riafferma il senso della festa dell’Epifania: Gesù è il sole che illumina l’esistenza dell’uomo e dei popoli, e alla Chiesa è affidato l’annuncio di questo mistero di salvezza. Gli auguri alle Chiese orientali, che domani celebrano il Natale (secondo il calendario giuliano). L’invito ai bambini per la Giornata missionaria della Santa Infanzia. L’annuncio del nuovo Concistoro con la nomina di 22 nuovi cardinali. Nella lista, vi sono il prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; mons. John Tong, vescovo di Hong Kong; sua beatitudine George Alencherry, arcivescovo maggiore di Ernakulam‑Angamaly dei Siro-malabaresi (India).



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Il Vaticano domanda ai vescovi legittimi di farsi da parte per lasciare spazio a quelli illegittimi

    John Baptist Lin

    Lo scorso dicembre mons. Pietro Zhuang Jianjian di Shantou (Guangdong) è stato obbligato ad andare a Pechino dove “un prelato straniero” del Vaticano gli ha chiesto di lasciare la cattedra al vescovo illecito Giuseppe Huang Bingzhang. La stessa richiesta gli è stata fatta lo scorso ottobre. Mons. Giuseppe Guo Xijin, vescovo ordinario di Mindong dovrebbe diventare l’ausiliare o il coadiutore del vescovo illecito Vincenzo Zhan Silu. Sinicizzare la Chiesa cinese: sostenere il principio dell’indipendenza e seguire la leadership del Partito comunista.


    VATICANO – PERU'
    Papa in Perù: Giovani, il cuore non si può ‘fotoshoppare’, perché è lì che si gioca l’amore vero



    All’Angelus nella Plaza de Armas, papa Francesco ai giovani di seguire Gesù con tutto se stessi, senza scoraggiarsi, su esempio di san Martino di Porres, il santo meticcio. La preghiera silenziosa per la pace nella Repubblica del Congo. Ai vescovi, l’esempio di san Toribio di Mogrovejo, un infaticabile evangelizzatore: “Oggi lo chiameremmo un vescovo ‘di strada’”. Alle religiose contemplative l’invito a pregare per l’unità della Chiesa peruviana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®