13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/09/2015, 00.00

    VATICANO

    Papa: Parrocchie, monasteri, santuari d'Europa aperti per i migranti. Anche in Vaticano



    Dopo la preghiera mariana dell’Angelus, Francesco ricorda la misericordia di Madre Teresa e lancia un appello a parrocchie, comunità religiose, monastero, santuario d’Europa: “Ognuno ospiti una famiglia, incominciando dalla mia diocesi di Roma. Anche le due parrocchie del Vaticano”. Il sordomuto del Vangelo odierno “simbolo del non credente che compie un cammino verso la fede”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Ogni parrocchia, comunità religiosa, monastero o santuario d’Europa “ospiti una famiglia di migranti. Di fronte alla tragedia di decine di migliaia di profughi che fuggono dalla morte per la guerra e per la fame, e sono in cammino verso una speranza di vita, il Vangelo ci chiama ad essere ‘prossimi’ dei più piccoli e abbandonati. A dare loro una speranza concreta”. Lo ha detto oggi papa Francesco dopo la preghiera mariana dell’Angelus.

    Il pontefice ricorda la misericordia di Madre Teresa, di cui in questi giorni ricordiamo la morte: “La Misericordia di Dio viene riconosciuta attraverso le nostre opere, come ci ha testimoniato la vita della beata”. Subito dopo aggiunge: “La speranza è combattiva, con la tenacia di chi va verso una meta sicura. Pertanto, in prossimità del Giubileo della Misericordia, rivolgo un appello alle parrocchie, alle comunità religiose, ai monasteri e ai santuari di tutta Europa ad esprimere la concretezza del Vangelo e accogliere una famiglia di profughi. Un gesto concreto in preparazione all’Anno Santo. Ogni parrocchia, ogni comunità religiosa, ogni monastero, ogni santuario d’Europa ospiti una famiglia, incominciando dalla mia diocesi di Roma. Anche le due parrocchie del Vaticano accoglieranno in questi giorni due famiglie di profughi”.

    Il papa si appella poi “ai miei fratelli Vescovi d’Europa, veri pastori, perché nelle loro diocesi sostengano questo mio appello, ricordando che Misericordia è il secondo nome dell’Amore: «Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me»”.

    In precedenza, il pontefice commenta il Vangelo odierno, ovvero il racconto del sordomuto: “Un evento prodigioso che mostra come Gesù ristabilisca la piena comunicazione dell’uomo con Dio e con gli altri uomini. Il miracolo è ambientato nella zona della Decapoli, cioè in pieno territorio pagano; pertanto quel sordomuto che viene portato da Gesù diventa simbolo del non-credente che compie un cammino verso la fede. Infatti la sua sordità esprime l’incapacità di ascoltare e di comprendere non solo le parole degli uomini, ma anche la Parola di Dio. E san Paolo ci ricorda che «la fede nasce dall’ascolto della predicazione»”

    La prima cosa che Gesù fa, sottolinea il papa, “è portare quell’uomo lontano dalla folla: non vuole dare pubblicità al gesto che sta per compiere, ma non vuole nemmeno che la sua parola sia coperta dal frastuono delle voci e delle chiacchiere dell’ambiente. La Parola di Dio che il Cristo ci trasmette ha bisogno di silenzio per essere accolta come Parola che risana, che riconcilia e ristabilisce la comunicazione”.

    Vengono poi evidenziati due gesti di Gesù: toccare orecchie e lingua dell’uomo “bloccato” nella comunicazione, e l’implorazione del miracolo dall’alto, dal Padre. L’insegnamento che traiamo da questo episodio, spiega Francesco, “è che Dio non è chiuso in sé stesso, ma si apre e si mette in comunicazione con l’umanità. Nella sua immensa misericordia, supera l’abisso dell’infinita differenza tra Lui e noi, e ci viene incontro. Per realizzare questa comunicazione con l’uomo, Dio si fa uomo”.

    Ma questo Vangelo ci parla anche di noi: “Spesso noi siamo ripiegati e chiusi in noi stessi, e creiamo tante isole inaccessibili e inospitali. Persino i rapporti umani più elementari a volte creano delle realtà incapaci di apertura reciproca: la coppia chiusa, la famiglia chiusa, il gruppo chiuso, la parrocchia chiusa, la patria chiusa… e quello non è di Dio. Quello è nostro, è il nostro peccato”.

    Eppure, conclude il pontefice prima della preghiera, “all’origine della nostra vita cristiana, nel Battesimo, ci sono proprio quel gesto e quella parola di Gesù: ‘Effatà! - Apriti!’. E il miracolo si è compiuto: siamo stati guariti dalla sordità dell’egoismo e dal mutismo della chiusura e del peccato, e siamo stati inseriti nella grande famiglia della Chiesa; possiamo ascoltare Dio che ci parla e comunicare la sua Parola a quanti non l’hanno mai ascoltata, o a chi l’ha dimenticata e sepolta sotto le spine delle preoccupazioni e degli inganni del mondo. Chiediamo alla Vergine Santa, donna dell’ascolto e della testimonianza gioiosa, di sostenerci nell’impegno di professare la nostra fede e di comunicare le meraviglie del Signore a quanti incontriamo sul nostro cammino”.

    Dopo l’Angelus e dopo l'appello per i profughi, il papa si appella - in spagnolo - per la pace fra Venezuela e Colombia. Poi dice: "Ieri a Gerona in Spagna sono state proclamate tre beate, religiose dell'Istituto delle suore di san Giuseppe di Gerona. Malgrado le minacce e le intimidazioni, queste donne rimasero al loro posto coraggiosamente per assistere i malati confidando in Dio. La loro eroica testimonianza dia forza e speranza a quanti oggi sono perseguitati a motivo della fede cristiana.E sappiamo che sono tanti". Infine, prima dei saluti ai gruppi presenti, un "pensiero" per i Giochi d'Africa di Brazzaville. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/10/2015 VATICANO
    Papa: Coraggio e forza d’animo per dire no all’odio in Terra Santa
    Prima dell’Angelus, dopo la canonizzazione di quattro nuovi santi, Francesco lancia un appello per la pace in Medio Oriente: “Dio rafforzi in tutti, governanti e cittadini, il coraggio di opporsi alla violenza e di fare passi concreti di distensione. Nell’attuale contesto medio-orientale è più che mai decisivo che si faccia la pace nella Terra Santa: questo ci chiedono Dio e il bene dell’umanità”.

    16/04/2016 13:23:00 VATICANO – GRECIA
    Papa: L’Europa sia terra di accoglienza, i migranti non sono numeri ma volti

    Incontrando la popolazione di Lesbo, Francesco esprime “ammirazione” per il popolo greco che – nonostante le difficoltà – accoglie chi soffre: “Dio saprà ricompensare questa generosità, come quella di altre nazioni circostanti, che fin dai primi momenti hanno accolto con grande disponibilità moltissimi migranti forzati”. Le preoccupazioni della gente “sono legittime”, ma non bisogna mai dimenticare che davanti a noi abbiamo persone che soffrono. La preghiera comune.



    17/07/2016 11:27:00 VATICANO
    Papa: Più importante del servizio sono l’ascolto e l’accoglienza dell’ospite

    Francesco commenta la visita di Gesù a due sorelle, Marta e Maria: una “attiva” e l’altra “contemplativa”. L’atteggiamento giusto è di chi “valuta la cosa più importante, cioè la presenza dell’ospite, di Gesù”. Dopo la preghiera mariana un ricordo dopo la strage di Nizza: “Dio, Padre buono, accolga tutte le vittime nella sua pace, sostenga i feriti e conforti i familiari; Egli disperda ogni progetto di terrore e di morte, perché nessun uomo osi più versare il sangue del fratello”. Un saluto "ai bravi fratelli cinesi" in piazza.



    01/03/2015 VATICANO
    Papa: Non dimentichiamo coloro che soffrono in Siria, Iraq e Venezuela. Preghiamo per loro
    Francesco commenta il brano evangelico della Trasfigurazione di Cristo: "Gesù si rivela come l'icona perfetta del Padre, l'irradiazione della sua gloria. È il compimento della rivelazione. La sua strada porta sempre alla felicità, l'amore trasfigura tutto". Il compito che lascia agli apostoli e a noi fedeli è semplice: "Ascoltate e seguite il Salvatore". Dopo la preghiera mariana, un appello per i popoli del Medio Oriente: "Preghiamo insistentemente perché al più presto si ponga fine all'intollerabile brutalità di cui sono vittime".

    20/12/2015 VATICANO
    Papa: Per celebrare davvero il Natale, soffermiamoci sui “luoghi dello stupore”
    L’altro, dice Francesco, è uno di questi luoghi: “In lui dobbiamo riconoscere un fratello, perché dalla nascita di Gesù ogni volto porta impresse le Sue sembianze”. Poi vengono “la Storia, nella quale Cristo scombina le carte” e la Chiesa “una Madre che, pur tra macchie e rughe, lascia trasparire i lineamenti della Sposa amata e purificata da Cristo Signore”. Un appello per il processo per la pace in Siria e Nicaragua, una preghiera per le popolazioni indiane colpite dall’alluvione. E la tradizionale benedizione dei Bambinelli.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®