17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/12/2017, 11.49

    VATICANO

    Papa: Santo Stefano, il messaggio di Gesù è scomodo e ci scomoda



    All’Angelus, papa Francesco spiega il legame “molto forte” fra la festa del primo martire e il Natale.  Il messaggio di Gesù “sfida il potere religioso mondano e provoca le coscienze”. Le parole di perdono di Stefano ai suoi persecutori, “espressioni umanamente impensabili”, “possibili soltanto perché il Figlio di Dio è venuto sulla terra ed è morto e risorto per noi”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – “Il messaggio di Gesù è scomodo e ci scomoda, perché sfida il potere religioso mondano e provoca le coscienze”: così papa Francesco ha commentato il significato della festa di oggi, santo Stefano, primo martire cristiano, che si celebra il giorno dopo il Natale. Fra le due ricorrenze, ha detto il papa, c’è “un legame… e molto forte”.

    “Santo Stefano mise in crisi i capi del suo popolo, perché, «pieno di fede e di Spirito Santo» (At 6,5), credeva fermamente e professava la nuova presenza di Dio tra gli uomini; sapeva che il vero tempio di Dio è ormai Gesù, Verbo eterno venuto ad abitare in mezzo a noi, fattosi in tutto come noi, tranne che nel peccato. Ma Stefano viene accusato di predicare la distruzione del tempio di Gerusalemme. L’accusa che rivolgono contro di lui è di aver affermato che «Gesù, questo Nazareno, distruggerà questo luogo e sovvertirà le usanze che Mosè ci ha tramandato» (At 6,14)”.

    “In effetti, il messaggio di Gesù è scomodo e ci scomoda, perché sfida il potere religioso mondano e provoca le coscienze. Dopo la sua venuta, è necessario convertirsi, cambiare mentalità, rinunciare a pensare come prima, cambiare. Stefano è rimasto ancorato al messaggio di Gesù fino alla morte. Le sue ultime preghiere: «Signore Gesù, accogli il mio spirito» e «Signore, non imputare loro questo peccato» (At 7,59-60) sono eco fedele di quelle pronunciate da Gesù sulla croce: «Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito» (Lc 23,46) e «Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno» (v. 34). Quelle parole di Stefano sono state possibili soltanto perché il Figlio di Dio è venuto sulla terra ed è morto e risorto per noi; prima di questi eventi erano espressioni umanamente impensabili”.

    “Stefano supplica Gesù di accogliere il suo spirito. Cristo risorto, infatti, è il Signore, ed è l’unico mediatore tra Dio e gli uomini, non soltanto nell’ora della nostra morte, ma anche in ogni istante della vita: senza di Lui non possiamo fare nulla (cfr Gv 15,5). Pertanto anche noi, davanti a Gesù Bambino nel presepio, possiamo pregarlo così: ‘Signore Gesù, ti affidiamo il nostro spirito, accoglilo’, perché la nostra esistenza sia davvero una vita buona secondo il Vangelo.

    Gesù è il nostro mediatore e ci riconcilia non soltanto con il Padre, ma anche tra di noi. Egli è la fonte dell’amore, che ci apre alla comunione con i fratelli, rimuovendo ogni conflitto e risentimento. Sappiamo che cosa brutta sono i risentimenti. Fanno male e ci fanno male. E Gesù cambia questi risentimenti".

    “A Maria, Madre del Redentore e Regina dei martiri – ha concluso - eleviamo con fiducia la nostra preghiera, perché ci aiuti ad accogliere Gesù come Signore della nostra vita e a diventare suoi coraggiosi testimoni, pronti a pagare di persona il prezzo della fedeltà al Vangelo”.

    Dopo la preghiera mariana, Francesco ha rinnovato gli auguri natalizi ai presenti: “Siano questi, per voi e per i vostri familiari, giorni in cui gustare la bellezza di stare insieme sentendo che Gesù è in mezzo a noi”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/12/2013 VATICANO
    Papa: La festa di santo Stefano primo martire dissolve l'immagine "fiabesca" del Natale
    All'Angelus papa Francesco chiede un momento di silenzio e preghiere per i cristiani perseguitati. "Sono più oggi che nei primi tempi della Chiesa" E' necessaria la testimonianza e la denuncia delle violazioni alla libertà religiosa e alla discriminazione. Contemplare il presepe perché cresca nelle famiglie e nelle comunità "quel clima di intesa e di fraternità che tanto giova al bene comune".

    26/12/2007 VATICANO
    Papa: il martirio cristiano, un atto d’amore anche verso i persecutori
    Nella festa di santo Stefano, Benedetto XVI ricorda missionari, sacerdoti, vescovi, suore e fedeli laici ancora oggi perseguitati, imprigionati, torturati, privati della libertà a causa della fede e del loro legame col papa. Il martire offre la forza disarmante della verità e dell’amore di fronte alla violenza brutale dei nemici.

    26/12/2016 12:21:00 VATICANO
    Papa: S. Stefano, anche oggi la Chiesa sperimenta dure persecuzioni fino alla suprema prova del martirio

    All’Angelus di oggi, papa Francesco ricorda che il martirio “continua ad essere presente nella storia della Chiesa, da Stefano fino ai nostri giorni”. “Il mondo odia i cristiani per la stessa ragione per cui ha odiato Gesù”. Essere vicini anche con “il nostro pianto” a quanti subiscono oggi il martirio. I martiri di oggi “in numero maggiore rispetto a quelli dei primi secoli” e uccisi “con la stessa crudeltà”. Un momento di preghiera in silenzio per  le vittime dell’aereo russo precipitato nel Mar Nero.



    26/12/2014 VATICANO
    Papa: Santo Stefano, nelle prove a causa della fede, la violenza è sconfitta dall'amore
    All'Angelus, papa Francesco ricorda che la festa del primo martire continua "la celebrazione del Natale", spogliandola di "quel falso rivestimento dolciastro che non le appartiene". Un ricordo per "quanti sono discriminati, perseguitati e uccisi per la testimonianza resa a Cristo". La libertà religiosa "un diritto inalienabile di ogni persona umana".

    21/04/2015 VATICANO
    Papa: la Chiesa di oggi è “Chiesa di martiri”, di tanti sgozzati, bruciati vivi, buttati in mare “perché cristiani”
    “Pensiamo ai nostri fratelli sgozzati sulla spiaggia della Libia; pensiamo a quel ragazzino bruciato vivo dai compagni perché cristiano; pensiamo a quei migranti che in alto mare sono buttati in mare dagli altri, perché cristiani; pensiamo – l’altro ieri – a quegli etiopi, assassinati perché cristiani … e tanti altri. E tanti altri che noi non sappiamo, che soffrono nelle carceri, perché cristiani …”.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®