21/06/2012, 00.00
VATICANO - M.ORIENTE
Invia ad un amico

Papa: Siria, la riconciliazione fermi una violenza che rischia di coinvolgere l'intera regione

Nuovo appello di Benedetto XVI che evidenzia anche le responsabilità della comunità internazionale. L'incontro con i partecipanti all'assemblea della Riunione delle Opere in Aiuto alle Chiese Orientali (R.O.A.C.O.).

Città del Vaticano (AsiaNews) - Nuovo, accorato appello di Benedetto XVI perché in Siria "cessi ogni spargimento di sangue e la violenza, che porta solo dolore e morte, lasci spazio alla riconciliazione, alla concordia e alla pace. Non venga risparmiato alcuno sforzo, anche da parte della comunità internazionale, per far uscire la Siria dall'attuale situazione di violenza e di crisi, che dura già da molto tempo e rischia di diventare un conflitto generalizzato che avrebbe conseguenze fortemente negative per il Paese e per l'intera Regione. Elevo anche un pressante e accorato appello perché, davanti al bisogno estremo della popolazione, sia garantita la necessaria assistenza umanitaria, anche a tante persone che hanno dovuto lasciare le loro case, alcune rifugiandosi nei Paesi vicini: il valore della vita umana è un bene prezioso da tutelare sempre".

Occasione del nuovo intervento del Papa è stato l'odierno incontro con i partecipanti all'assemblea della Riunione delle Opere in Aiuto alle Chiese Orientali (R.O.A.C.O.), che opera affinché "la Terra Santa e le altre regioni orientali ricevano il necessario sostegno spirituale e materiale per far fronte alla vita ecclesiale ordinaria e a particolari necessità", in "modo ordinato ed equo".

"L'odierna congiuntura economico-sociale, così delicata per la dimensione globale che ha assunto - ha osservato il Papa - non sembra dare respiro alle aree del mondo economicamente evolute e in misura ancor più preoccupante si riversa su quelle più svantaggiate, penalizzandone seriamente il presente ed il futuro. L'Oriente, madrepatria di antiche tradizioni cristiane, è interessato in modo particolare da tale processo, che genera insicurezza e instabilità anche a livello ecclesiale e in campo ecumenico e interreligioso. Si tratta di fattori che alimentano le endemiche ferite della storia e contribuiscono a rendere più fragili il dialogo, la pace e la convivenza tra i popoli, come pure il rispetto autentico dei diritti umani, specialmente quello alla libertà religiosa personale e comunitaria. Tale diritto va garantito nella sua professione pubblica e non solo in termini cultuali, ma anche pastorali, educativi, assistenziali e sociali, tutti aspetti indispensabili al suo effettivo esercizio".

Benedetto XVI ha infine ripetuto la sua "vicinanza alle grandi sofferenze dei fratelli e delle sorelle di Siria, in particolare dei piccoli innocenti e dei più indifesi. La nostra preghiera, il nostro impegno e la nostra fraternità concreta in Cristo, come olio di consolazione, li aiuti a non smarrire la luce della speranza in questi momenti di buio" e ha chiesto la protezione di Maria anche per il "viaggio che - a Dio piacendo - compirò in Libano per porre il sigillo sull'Assemblea Speciale per il Medio Oriente del Sinodo dei Vescovi".

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Indonesia, cinesi discriminati nei soccorsi per lo tsunami
05/01/2005
Il papa in Libano per la missione dei cristiani e la Primavera araba
16/04/2012
Papa: “urgenti soluzioni pacifiche” per il Medio Oriente ed il Libano
10/12/2006
Papa: in un messaggio la sua solidale vicinanza ai cattolici del Medio Oriente
25/12/2006
Col "cuore colmo di afflizione" il papa chiede preghiere e azioni efficaci per il Medio oriente
02/08/2006