21 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/06/2017, 19.29

    VATICANO –ITALIA

    Papa: ai giovani va data un’educazione basata sull’intelletto, gli affetti e l’agire



    Francesco ha aperto il Convegno ecclesiale della diocesi di Roma con una riflessione sull’educazione dei ragazzi. In una società sradicata e dominata dal consumismo cercare di offrire la possibilità di una crescita armonica a livello non solo personale, ma al tempo stesso sociale e spirituale.

    Roma (AsiaNews) – In una “società sradicata”, cioè fatta di persone, famiglie che a poco a poco “vanno perdendo i loro legami, quel tessuto vitale così importante per sentirci parte gli uni degli altri, partecipi con gli altri di un progetto comune”, ai giovani va offerta una “educazione integrata”, basata sull’intelletto, gli affetti e l’agire. Questo offrirà ai nostri ragazzi la possibilità di una crescita armonica a livello non solo personale, ma al tempo stesso sociale e spirituale, capace anche di superare quella corsa al consumismo che caratterizza la nostra società. E’ la riflessione offerta da papa Francesco all’apertura del Convegno ecclesiale della diocesi di Roma, che quest’anno ha per tema “Non lasciamoli soli! Accompagnare i genitori nell’educazione dei figli adolescenti”.

    Prima del discorso di apertura nel salone del Palazzo dei Canonici del Laterano, il Papa ha voluto incontrare alcune famiglie di immigrati ospiti delle parrocchie e degli istituti religiosi della diocesi di Roma.

    Nella Basilica di San Giovanni in Laterano la lunga riflessione del Papa si è aperta con l’invito a guardare la realtà non “in genere”, “in astratto”, ma pensando “ai problemi, alle situazioni, agli adolescenti…”. E in una società “sradicata”, “una delle prime cose a cui dobbiamo pensare come genitori, come famiglie, come pastori sono gli scenari dove radicarci, dove generare legami, trovare radici, dove far crescere quella rete vitale che ci permetta di sentirci ‘casa’”. In questo quadro Francesco è tornato a raccomandare che ai giovani si insegnino le comuni radici. “So – ha aggiunto - che può risultare ripetitivo ma lo sento come qualcosa che lo Spirito Santo preme nel mio cuore: affinché i nostri giovani abbiano visioni, siano ‘sognatori’, possano affrontare con audacia e coraggio i tempi futuri, è necessario che ascoltino i sogni profetici dei loro padri”.

    “I nostri ragazzi – ha osservato poi - cercano di essere e vogliono sentirsi – logicamente – protagonisti. Non amano per niente sentirsi comandati o rispondere a ‘ordini’ che vengano dal mondo adulto (seguono le regole di gioco dei loro ‘complici’). Cercano quell’autonomia complice che li fa sentire di ‘comandarsi da soli’. In questo troviamo una buona opportunità, specialmente per le scuole, le parrocchie e i movimenti ecclesiali”. Questo richiede di trovare educatori “spinti dall’amore e dalla passione di far crescere in loro la vita dello Spirito di Gesù, di far vedere che essere cristiani esige coraggio ed è una cosa bella. Per educare gli adolescenti di oggi non possiamo continuare a utilizzare un modello di istruzione meramente scolastico, solo di idee. Bisogna seguire il ritmo della loro crescita. E’ importante aiutarli ad acquisire autostima, a credere che realmente possono riuscire in ciò che si propongono”.

    In una società, infine, segnata da un consumismo molto forte – “sembra che siamo spinti a consumare consumo, nel senso che l’importante è consumare sempre” – il Papa ha definito “urgente” recuperare il principio dell’austerità, “principio spirituale così importante e svalutato”. “Siamo entrati in una voragine di consumo e siamo indotti a credere che valiamo per quanto siamo capaci di produrre e di consumare, per quanto siamo capaci di avere. Educare all’austerità è una ricchezza incomparabile. Risveglia l’ingegno e la creatività, genera possibilità per l’immaginazione e specialmente apre al lavoro in équipe, in solidarietà. Apre agli altri. Esiste una specie di ‘golosità spirituale’. Quell’atteggiamento dei golosi che, invece di mangiare, divorano tutto ciò che li circonda (sembrano ingozzarsi mangiando). Credo che ci faccia bene educarci meglio, come famiglia, in questa ‘golosità’ e dare spazio all’austerità come via per incontrarsi, gettare ponti, aprire spazi, crescere con gli altri e per gli altri. Questo lo può fare solo chi sa essere austero; altrimenti è un semplice ‘goloso’”.

    La storia di una famiglia, ha concluso, “è solcata da crisi di ogni genere, che sono anche parte della sua drammatica bellezza. Bisogna aiutare a scoprire che una crisi superata non porta ad una relazione meno intensa, ma a migliorare, a sedimentare e a maturare il vino dell’unione”. “Mi sembra importante vivere l’educazione dei figli a partire da questa prospettiva, come una chiamata che il Signore ci fa, come famiglia, a fare di questo passaggio un passaggio di crescita, per imparare ad assaporare meglio la vita che Lui ci regala”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/11/2016 12:49:00 VATICANO
    Papa sull’economia degli istituti religiosi: fedeltà al carisma e discernimento

    In un messaggio a 1000 economi ed econome degli istituti di vita consacrata e società di vita apostolica, Papa Francesco chiede di ripensare la loro economia non avendo il profitto come primo criterio, ma la fedeltà al carisma e alla donazione di sé. Rivedere le opere, collaborare con latri istituti e con la Chiesa locale, attuare una “austerità responsabile”. “L’ipocrisia dei consacrati che vivono da ricchi – ha detto - ferisce le coscienze dei fedeli e danneggia la Chiesa”.



    04/03/2015 VATICANO
    Papa: una società che "scarta" gli anziani, "riserva sapienziale del popolo", ha in sé il virus della morte
    "Una cultura del profitto insiste nel far apparire i vecchi come un peso, una 'zavorra'. Non solo non producono, pensa, ma sono un onere". "C'è qualcosa di vile in questa assuefazione alla cultura dello scarto. Ma noi siamo abituati a scartare gente". "La Chiesa non può e non vuole conformarsi ad una mentalità di insofferenza, e tanto meno di indifferenza e di disprezzo, nei confronti della vecchiaia".

    17/10/2014 VATICANO
    Papa: per combattere la fame si deve partire "da ogni persona e comunità e non dall'andamento dei mercati"
    In un messaggio per la Giornata mondiale dell'alimentazione, Francesco scrive che non si possono più "difendere sistemi di produzione e di consumo che escludono la maggior parte della popolazione mondiale anche dalle briciole che cadono dalle mense dei ricchi". "Riconoscere sempre di più il ruolo della famiglia rurale e sviluppare tutte le sue potenzialità".

    05/06/2013 VATICANO
    Papa: contrastare la cultura dello spreco, l'uomo non il denaro debbono "coltivare e custodire" il creato
    Udienza generale dedicata alla odierna Giornata mondiale dell'ambiente. "Uomini e donne vengono sacrificati agli idoli del profitto e del consumo", oggi un bambino che muore di fame "è normale", mentre se la Borsa cade è "una tragedia". "La persona non è più sentita come valore primario da rispettare e tutelare, specie se è povera o disabile, se non serve ancora - come il nascituro - o non serve più - come l'anziano". "Il cibo che si butta via è come se fosse rubato dalla mensa di chi è povero, di chi ha fame".

    03/06/2015 VATICANO
    Papa: serve una nuova “etica civile” che non ceda “al ricatto di Cesare e Mammona, della violenza e del denaro”
    “La famiglia ha tanti problemi che la mettono alla prova” e “una di queste prove è la povertà”, aggravata dagli pseudo-modelli” diffusi dalla società consumista e lo “sfruttamento” della famiglia da parte di “politica ed economia” che sostanzialmente se ne disinteressano. “Vicinanza” al popolo cinese per il disastro dello Yangtze.



    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®