30 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/01/2017, 12.33

    VATICANO

    Papa: come i Magi, “chi vuole la luce, esce da sé e cerca”, “mette in gioco la propria vita”



    Alle 60mila persone presenti in piazza san Pietro per la recita dell’Angelus, Francesco ha anche fatto “un dono”, un piccolo libro intitolato "Icone di Misericordia" distribuito ai presenti da poveri, senzatetto e volontari.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Nel giorno dell’Epifania del Signore, cioè “la manifestazione di Gesù che risplende come luce per tutte le genti”, il Papa ha indicato nei Magi il modello di  “chi vuole la luce”. Costui “esce da sé e cerca: non rimane al chiuso, fermo a guardare cosa succede attorno, ma mette in gioco la propria vita”. Alle 60mila persone presenti in piazza san Pietro per la recita dell’Angelus, Francesco ha anche fatto “un dono”, un piccolo libro intitolato "Icone di Misericordia" distribuito ai presenti da poveri, senzatetto e volontari.

    “Celebriamo oggi – ha detto prima della recita della preghiera mariana - l’Epifania del Signore, cioè la manifestazione di Gesù che risplende come luce per tutte le genti. Simbolo di questa luce che splende nel mondo e vuole illuminare la vita di ciascuno è la stella, che guidò i Magi a Betlemme. Essi, dice il Vangelo, videro «spuntare la sua stella» (Mt 2,2) e scelsero di seguirla: scelsero di farsi guidare dalla stella di Gesù.
    Anche nella nostra vita ci sono diverse stelle, luci che brillano e orientano. Sta a noi scegliere quali seguire. Ci sono luci intermittenti, che vanno e vengono, come le piccole soddisfazioni della vita: anche se buone, non bastano, perché durano poco e non lasciano la pace che cerchiamo. Ci sono poi le luci abbaglianti della ribalta, dei soldi e del successo, che promettono tutto e subito: sono seducenti, ma con la loro forza accecano e fanno passare dai sogni di gloria al buio più fitto. I Magi, invece, invitano a seguire una luce stabile e gentile, che non tramonta, perché non è di questo mondo: viene dal cielo e splende nel cuore”.

    “Questa luce vera è la luce del Signore, o meglio, è il Signore. Egli è la nostra luce: una luce che non abbaglia, ma accompagna e dona una gioia unica. Questa luce è per tutti e chiama ciascuno: possiamo così sentire rivolto a noi l’odierno invito del profeta Isaia: «Alzati, rivestiti di luce» (60,1). All’inizio di ogni giorno possiamo accogliere questo invito: alzati, rivestiti di luce, segui oggi, tra le tante stelle cadenti del mondo, la stella luminosa di Gesù! Seguendola, avremo la gioia, come accadde ai Magi, che «al vedere la stella, provarono una gioia grandissima» (Mt 2,10); perché dove c’è Dio c’è gioia. Chi ha incontrato Gesù ha sperimentato il miracolo della luce che squarcia le tenebre e conosce questa luce che illumina e rischiara. Vorrei, con tanto rispetto, invitare tutti a non avere paura di questa luce e ad aprirsi al Signore. Soprattutto vorrei dire a chi ha perso la forza di cercare, a chi, sovrastato dalle oscurità della vita, ha spento il desiderio: ‘Coraggio, la luce di Gesù sa vincere le tenebre più oscure’. Alzati, coraggio!”.

    “Come trovare questa luce divina? Seguiamo l’esempio dei Magi, che il Vangelo descrive sempre in movimento. Chi vuole la luce, infatti, esce da sé e cerca: non rimane al chiuso, fermo a guardare cosa succede attorno, ma mette in gioco la propria vita. La vita cristiana è un cammino continuo, fatto di speranza e di ricerca; un cammino che, come quello dei Magi, prosegue anche quando la stella sparisce momentaneamente dalla vista. In questo cammino ci sono anche delle insidie che vanno evitate: le chiacchiere superficiali e mondane, che frenano il passo; i capricci paralizzanti dell’egoismo; le buche del pessimismo, che intrappola la speranza.

    “Questi ostacoli bloccarono gli scribi, di cui parla il Vangelo oggi. Essi sapevano dov’era la luce, ma non si mossero”. “I Magi lo hanno fatto: trovato il Bambino, «si prostrarono e lo adorarono» (v. 11). Non lo guardarono soltanto, non dissero solo una preghiera di circostanza, (...) ma adorarono: entrarono in una comunione personale di amore con Gesù. Poi gli donarono oro, incenso e mirra, ovvero i loro beni più preziosi. Impariamo dai Magi a non dedicare a Gesù solo i ritagli di tempo e qualche pensiero ogni tanto, altrimenti non avremo la sua luce. Come i Magi, mettiamoci in cammino, rivestiamoci di luce seguendo la stella di Gesù, e adoriamo il Signore con tutto noi stessi”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/01/2014 VATICANO
    Papa: le vocazioni, testimonianza della verità
    Messaggio di Francesco per la Giornata mondiale che sarà celebrata l'11 maggio. "Ogni vocazione, pur nella pluralità delle strade, richiede sempre un esodo da se stessi per centrare la propria esistenza su Cristo e sul suo Vangelo". "La vera gioia dei chiamati consiste nel credere e sperimentare che Lui, il Signore, è fedele, e con Lui possiamo camminare, essere discepoli e testimoni dell'amore di Dio, aprire il cuore a grandi ideali, a cose grandi".

    03/07/2013 VATICANO
    Papa: Il "cammino per l'incontro con Gesù-Dio sono le sue piaghe", da baciare in chi è povero, affamato, carcerato
    Per la festa di san Tommaso apostolo, Francesco dice che sbaglia chi crede di incontrare Gesù nella meditazione o solo nella penitenza o nella beneficenza. "Dobbiamo toccare le piaghe di Gesù, dobbiamo carezzare le piaghe di Gesù, dobbiamo curare le piaghe di Gesù con tenerezza, dobbiamo baciare le piaghe di Gesù, e questo letteralmente. Pensiamo, cosa è successo a San Francesco, quando ha abbracciato il lebbroso? Lo stesso che a Tommaso: la sua vita è cambiata!".

    28/03/2013 VATICANO
    Papa: il sacerdote "prenda il largo" e vada nelle "periferie", dove c'è sofferenza e si mostri discepolo di Gesù
    Francesco celebrando la Messa crismale torna a ripetere alla Chiesa l'invito a "uscire". "Sentire sopra le spalle e nel cuore il peso e il volto del nostro popolo fedele, dei nostri santi e dei nostri martiri. In questo tempo sono tanti". "I corsi di autoaiuto nella vita possono essere utili, però vivere la nostra vita sacerdotale passando da un corso all'altro, di metodo in metodo, porta a diventare pelagiani, a minimizzare il potere della grazia".

    27/03/2013 VATICANO
    Papa: Settimana santa, "uscire" da una "fede stanca" per andare incontro agli altri, soprattutto a quelli più dimenticati
    Prima udienza generale di Francesco, dedicata all'inizio del Triduo pasquale. "Sulla croce Gesù «mi ha amato e ha consegnato se stesso per me». Ciascuno di noi può dire: 'Mi ha amato e ha consegnato se stesso per me'. Ciascuno può dire questo 'per me'". Appello perché "cessino immediatamente le volenze ed i saccheggi e si trovi quanto prima una soluzione politica alla crisi" che vive la Repubblica centrafricana.

    15/02/2015 VATICANO
    Papa ai nuovi cardinali: La strada della Chiesa è quella di Gesù: della misericordia e dell'integrazione
    Alla messa nella basilica di san Pietro, papa Francesco spinge i nuovi porporati e tutti i cristiani a non subire la tentazione di "stare con Gesù senza voler stare con gli emarginati, isolandosi in una casta che nulla ha di autenticamente ecclesiale". Nella Chiesa attuale si scontrano due logiche: "la paura di perdere i salvati e il desiderio di salvare i perduti". "Servire Gesù crocifisso in ogni persona emarginata, per qualsiasi motivo". "Il Signore è presente anche in coloro che hanno perso la fede, o che si sono allontanati dal vivere la propria fede, o che si dichiarano atei". "Sul vangelo degli emarginati, si gioca, si scopre e si rivela la nostra credibilità!".



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®