05/10/2016, 18.56
VATICANO - ANGLICANI
Invia ad un amico

Papa: dichiarazione comune con Welby, fede condivisa più ampia delle divergenze

Nel documento firmato oggi si afferma che cattolici e anglicani vogliono proseguire nella ricerca dell’unità, anche se restano “disaccordi” su ordinazione delle donne e morale sessuale, oltre alla “perenne questione circa il modo di esercizio dell’autorità nella comunità cristiana”.

Roma (AsiaNews) – Cattolici e anglicani andranno insieme “a due a due” per una  “missione ecumenica verso coloro che si trovano ai margini della società” per testimoniare che “più ampie e profonde” delle loro divergenze sono la fede che condividono e la “gioia comune nel Vangelo”. E’ una delle affermazioni contenute nella Dichiarazione comune firmata oggi pomeriggio da papa Francesco e dall’arcivescovo di Canterbury, Justin Welby, in occasione del50.mo anniversario dell’incontro tra Paolo VI e l’allora arcivescovo di Canterbury, Michael Ramsey, primate della Comunione anglicana e dell’istituzione del Centro Anglicano di Roma.

Un anniversario per il quale Francesco e Welby si sono recati nella chiesa dei Santi Andrea e Gregorio al Celio a Roma per la celebrazione dei Vespri e la firma del documento col quale si rilancia il lavoro della Commissione internazionale anglicana-cattolica per l’unità e la missione (IARCCUM), allargandolo, in certo modo, al concreto sostegno verso coloro che sono “scartati”. “È – ha detto il Papa all’omelia - condividendo concretamente le difficoltà e le gioie del ministero che ci riavviciniamo gli uni agli altri. Che Dio vi conceda di essere promotori di un ecumenismo audace e reale, sempre in cammino nella ricerca di aprire nuovi sentieri”.

“È – ha detto ancora - una grande chiamata quella ad operare come strumenti di comunione sempre e ovunque. Ciò significa promuovere al tempo stesso l’unità della famiglia cristiana e l’unità della famiglia umana. I due ambiti non solo non si oppongono, ma si arricchiscono a vicenda. Quando, come discepoli di Gesù, offriamo il nostro servizio in maniera congiunta, gli uni a fianco degli altri, quando promuoviamo l’apertura e l’incontro, vincendo la tentazione delle chiusure e degli isolamenti, operiamo contemporaneamente sia a favore dell’unità dei cristiani sia di quella della famiglia umana. Ci riconosciamo così come fratelli che appartengono a tradizioni diverse, ma sono spinti dallo stesso Vangelo a intraprendere la medesima missione nel mondo. Allora sarebbe sempre bene, prima di intraprendere qualche attività, che vi possiate porre queste domande: perché non facciamo questo insieme ai nostri fratelli anglicani?; possiamo testimoniare Gesù agendo insieme ai nostri fratelli cattolici?”.

La Dichiarazione, ricordato  il gesto di Paolo VI e Ramseu, afferma che “cinquant’anni dopo rendiamo grazie per i risultati della Commissione Internazionale anglicana-cattolica, che ha esaminato dottrine, che hanno creato divisioni lungo la storia, da una nuova prospettiva di mutuo rispetto e carità. Oggi siamo grati in particolare per i documenti dell’ARCIC II, che esamineremo, e attendiamo le conclusioni dell’ARCIC III, che sta cercando di avanzare nelle nuove situazioni e nelle nuove sfide della nostra unità. Cinquant’anni fa i nostri predecessori hanno riconosciuto i ‘seri ostacoli’ che ostacolavano la via del ristabilimento di una condivisione completa della fede e della vita sacramentale fra di noi. Ciononostante, nella fedeltà alla preghiera del Signore che i suoi discepoli siano una cosa sola, non si sono scoraggiati nell’avviare il cammino, pur senza sapere quali passi si sarebbero potuti intraprendere lungo la via. Grande progresso è stato compiuto in molti ambiti che ci avevano tenuto a distanza. Tuttavia, nuove circostanze hanno apportato nuovi disaccordi tra di noi, particolarmente a riguardo dell’ordinazione delle donne e di più recenti questioni relative alla sessualità umana. Dietro queste divergenze rimane una perenne questione circa il modo di esercizio dell’autorità nella comunità cristiana. Questi sono oggi alcuni aspetti problematici che costituiscono seri ostacoli alla nostra piena unità. Mentre, come i nostri predecessori, anche noi non vediamo ancora soluzioni agli ostacoli dinanzi a noi, non siamo scoraggiati. Con fiducia e gioia nello Spirito Santo confidiamo che il dialogo e il mutuo impegno renderanno più profonda la nostra comprensione e ci aiuteranno a discernere la volontà di Cristo per la sua Chiesa. Siamo fiduciosi nella grazia di Dio e nella Provvidenza, sapendo che lo Spirito Santo aprirà nuove porte e ci guiderà a tutta la verità (cfr Giovanni 16,13)”.

“Le divergenze menzionate non possono impedirci di riconoscerci reciprocamente fratelli e sorelle in Cristo in ragione del nostro comune Battesimo. Nemmeno dovrebbero mai trattenerci dallo scoprire e dal rallegrarci nella profonda fede cristiana e nella santità che rinveniamo nelle tradizioni altrui. Queste divergenze non devono portarci a diminuire i nostri sforzi ecumenici. La preghiera di Cristo durante l’ultima Cena perché tutti siano una sola cosa (cfr Giovanni 17,20-23) è un imperativo per i suoi discepoli oggi, come lo fu allora, nel momento imminente alla sua passione, morte e risurrezione e alla conseguente nascita della sua Chiesa. Nemmeno le nostre divergenze dovrebbero intralciare la nostra preghiera comune: non solo possiamo pregare insieme, ma dobbiamo pregare insieme, dando voce alla fede e alla gioia che condividiamo nel Vangelo di Cristo, nelle antiche Professioni di fede e nella potenza dell’amore di Dio, reso presente dallo Spirito Santo, per superare ogni peccato e divisione. Così, con i nostri predecessori, esortiamo il nostro clero e i fedeli a non trascurare o sottovalutare questa comunione certa, sebbene imperfetta, che già condividiamo”.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La pace in Terra Santa, impegno comune nel cammino verso l'unità di cattolici e anglicani
23/11/2006
Papa: a Primate anglicano, insieme per difesa vita, giustizia sociale e cristiani in Siria
14/06/2013
Papa in Svezia: “cattolici e luterani sappiano testimoniare insieme il Vangelo”
31/10/2016 16:42
L’incontro fra papa Francesco e Kirill: storico e un po’ surreale
13/02/2016 11:27
L’incontro fra Francesco e Kirill a Cuba: Finalmente! Siamo fratelli, abbiamo tutto in comune
12/02/2016 23:42