16 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/07/2012
VATICANO
Papa: il maligno cerca sempre di rovinare la pace di Dio
All'Angelus, Benedetto XVI parla del significato del tema del Buon Pastore. Solidarietà per le famiglie delle vittime di Aurora e dello Zanzibar. Le Olimpiadi di Londra siano "occasione per promuovere fraternità e pace".

Castel Gandolfo (AsiaNews) - "Il maligno cerca sempre di rovinare l'opera di Dio, seminando divisione nel cuore umano, tra corpo e anima, tra l'uomo e Dio, nei rapporti interpersonali, sociali, internazionali, e anche tra l'uomo e il creato. Il maligno semina guerra; Dio crea pace". E' l'insegnamento che Benedetto XVI propone, all'Angelus, prendendo spunto dall'episodio del Vangelo di oggi, che racconta di quando Gesù cacciò da Maria Maddalena "sette demoni".

Nelle parole rivolte alle tremila persone presenti nel cortile interno del Palazzo apostolico di Castel Gandolfo, il Papa, dopo la recita della preghiera marina, ha anche rivolto un augurio all'ormai prossima Olimpiadi di Londra e ha espresso la propria vicinanza alle famiglie delle vittime delle tragedie di Aurora, negli Stati Uniti e nello Zanzibar.

Prima dell'Angelus, Benedetto XVI ha dunque ricordato che "la Parola di Dio di questa domenica ci ripropone un tema fondamentale e sempre affascinante della Bibbia: ci ricorda che Dio è il Pastore dell'umanità. Questo significa che Dio vuole per noi la vita, vuole guidarci a buoni pascoli, dove possiamo nutrirci e riposare; non vuole che ci perdiamo e che moriamo, ma che giungiamo alla meta del nostro cammino, che è proprio la pienezza della vita. E' quello che desidera ogni padre e ogni madre per i propri figli: il bene, la felicità, la realizzazione".

L'episodio della Maddalena, ha proseguito il Papa, mostra che "la guarigione profonda" che Dio opera mediante Gesù "consiste in una pace vera, completa, frutto della riconciliazione della persona in se stessa e in tutte le sue relazioni: con Dio, con gli altri, con il mondo", che è l'opposto di ciò che tenta di fare il male.

"Per compiere questa opera di riconciliazione radicale Gesù, il Pastore Buono, ha dovuto diventare Agnello, «l'Agnello di Dio ... che toglie il peccato del mondo» (Gv 1,29). Solo così ha potuto realizzare la stupenda promessa del Salmo: «Sì, bontà e fedeltà mi saranno compagne / tutti i giorni della mia vita, / abiterò ancora nella casa del Signore / per lunghi giorni» (22/23,6)". "Queste parole ci fanno vibrare il cuore, perché esprimono il nostro desiderio più profondo, dicono ciò per cui siamo fatti: la vita, la vita eterna".

Una "occasione per promuovere fraternità e pace" possono essere, ha auspicato Benedetto XVI, anche le Olimpiadi. "Tra qualche giorno - ha detto - avrà inizio, a Londra, la XXX edizione dei Giochi Olimpici. Le Olimpiadi sono il più grande evento sportivo mondiale, a cui partecipano atleti di moltissime nazioni, e come tale riveste anche un forte valore simbolico. Per questo la Chiesa Cattolica guarda ad esse con particolare simpatia e attenzione. Preghiamo affinché, secondo la volontà di Dio, i Giochi di Londra siano una vera esperienza di fraternità tra i popoli della Terra". "possano - ha aggiunto in inglese - portare frutti, promuovendo la pace e la riconciliazione nel mondo".

Ancora in inglese, Benedetto XVI ha detto di essere stato "Profondamente colpito dall'insensata violenza che ha avuto luogo ad Aurora, Denver" e di essere "addolorato dalla perdita di vite umane nel recente disastro del traghetto in Zanzibar. Condivido l'angoscia delle famiglie e degli amici delle vittime e dei feriti, specialmente bambini. Assicuro tutti - ha concluso -della mia vicinanza nella preghiera"

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/08/2013 VATICANO
Papa: preghiamo per la pace, il dialogo e la riconciliazione in Egitto e nel mondo
05/07/2013 VATICANO
Papa: san Michele "ci difenda dal maligno e lo getti fuori" dal Vaticano
16/07/2012 VATICANO
Il Papa per la Giornata della Pace 2013: Beati gli operatori di pace
03/08/2008 VATICANO
Papa: l’augurio ai Giochi di Pechino; un ricordo di Paolo VI
11/12/2008 VATICANO - PACE 2009
Papa: solidarietà globale per combattere la povertà e costruire la pace

In evidenza
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate