21 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/10/2017, 13.10

    VATICANO - IRAQ

    Papa: in Iraq c’è bisogno di “un processo di riconciliazione nazionale”



    Francesco ricevendo i partecipanti al Sinodo caldeo: “siate costruttori di unità”. Per alcune regioni dell’Iraq “si è conclusa una pagina tragica” e nell’attuale contesto non mancano “nuove incertezze sul futuro”. “Difficoltà che ancora permangono nonostante quanto è stato fatto nell’opera della ricostruzione soprattutto nella Piana di Ninive”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – In Iraq c’è bisogno di “un processo di riconciliazione nazionale” e la Chiesa caldea deve “costruire unità” in un Paese nel quale si debbono affrontare questioni di primaria importanza, tra le quali “le migrazioni forzate dei cristiani, la ricostruzione dei villaggi, il ritorno degli sfollati, il diritto particolare della Chiesa, la questione liturgica e la pastorale vocazionale”. L’ ha ricordato oggi papa Francesco che ha incontrato, stamattina, i partecipanti al Sinodo della Chiesa caldea, in corso a Roma.

    “Colgo l’occasione – ha detto loro il Papa - per salutare, attraverso di voi i fedeli dell’amata terra irachena, duramente provati, condividendo la speranza per le notizie recenti che parlano di una ripresa della vita e dell’attività in regioni e città finora sottoposte a dolorosa e violenta oppressione. Possa la misericordia di Dio lenire le ferite della guerra che piagano il cuore delle vostre comunità, affinché possano finalmente risollevarsi”.

    Papa Francesco ha poi esortato i membri della Chiesa caldea ad adoperarsi “instancabilmente come costruttori di unità”, “favorendo il dialogo e la collaborazione tra tutti gli attori della vita pubblica, per contribuire a facilitare il ritorno degli sfollati e a risanare le divisioni e le contrapposizioni tra fratelli. Per alcune regioni dell’Iraq, ha aggiunto, “si è conclusa una pagina tragica” e nell’attuale contesto non mancano “nuove incertezze sul futuro”. “C’è bisogno – ha sottolineato il Papa – di un processo di riconciliazione nazionale. “Il mio augurio – ha affermato - è che non vengano mai meno la forza d’animo, la speranza e le doti di laboriosità che vi distinguono. Rimanga saldo il vostro intento di non cedere allo scoraggiamento dinanzi alle difficoltà che ancora permangono nonostante quanto è stato fatto nell’opera della ricostruzione soprattutto nella Piana di Ninive”.

    Dal Pontefice anche l’esortazione a promuovere “la comunione e la fraternità con le comunità di rito latino per dare ai fedeli buona testimonianza senza protrarre divisioni e dissapori

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/11/2005 VATICANO – IRAQ
    Il Papa incoraggia "tutti gli iracheni" a proseguire verso pace e riconciliazione
    Benedetto XVI ha ricevuto Emmanuel III Delly, patriarca di Babilonia dei Caldei con i vescovi partecipanti al Sinodo speciale dei vescovi Caldei. L'importanza della riforma della liturgia.

    22/11/2006 VATICANO
    Papa: il Libano ferito rifiuti la violenza e cerchi giustizia e riconciliazione

    Benedetto XVI al termine dell'udienza generale parla dell'assassinio di Pierre Gemayel. Appello alla comunità internazionale ad agire per eliminare dal Medio Oriente le tante situazioni di ingiustizia.



    26/10/2015 VATICANO - IRAQ
    Papa Francesco al Sinodo caldeo: Unità e pace per i cristiani in Iraq e Medio oriente
    Questa mattina il pontefice ha ricevuto in udienza i vescovi irakeni e della diaspora, guidati dal patriarca Sako. Il papa auspica soluzioni ai problemi della Chiesa caldea, confronto e comunione fraterna. Inaugurando i lavori il patriarca chiede di affrontare i problemi con “umiltà e apertura di Spirito”.

    10/04/2007 IRAQ
    Auguri di Pasqua al Papa anche da un gruppo di imam di Kirkuk
    Tanti musulmani sono andati a fare visita al vescovo della città ed hanno parlato di fraternità tra i fedeli delle due religioni. Mons. Sako ho sottolineato la responsabilità di ogni religioso a diffondere “parole buone”. La Settimana santa di un gruppo di amicizia libano-iracheno.

    15/06/2015 VATICANO
    Papa: In Medio Oriente “taciti accordi per i quali la vita di migliaia e migliaia di famiglie” vale meno del petrolio
    “Ogni opera di aiuto, per non cadere nell’efficientismo o in un assistenzialismo che non promuove le persone e i popoli, deve rinascere sempre da questa benedizione del Signore che ci giunge quando abbiamo il coraggio di guardare la realtà e i fratelli che abbiamo di fronte”.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®