23 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/05/2010, 00.00

    VATICANO-PORTOGALLO

    Papa: in Portogallo, la Chiesa collabora con chi non riduce al privato la fede



    Benedetto XVI è arrivato a Lisbona, prima tappa di una visita che avrà a Fatima il suo centro. Durante il volo ha collegato al Terzo segreto la vicenda degli abusi dei preti, un fatto “realmente terrificante”. "Il Signore ha detto che la Chiesa sarà sofferente fino alla fine del mondo. E oggi questo lo vediamo in modo particolare".
    Lisbona (AsiaNews) - La visita di Benedetto XVI in Portogallo, cominciata oggi, vuole essere “una proposta di sapienza e di missione”, sotto “il segno” offerto dalla Vergine di Fatima, “venuta dal Cielo per ricordarci verità del Vangelo che costituiscono per l’umanità, fredda di amore e senza speranza nella salvezza, sorgente di speranza”. Il Papa ha delineato così, al suo arrivo all’aeroporto Portela di Lisbona il significato di un viaggio che per quattro giorni lo vede in Portogallo, dove è arrivato alle 11, ora locale, accolto dal presidente della Repubblica, Aníbal Cavaco Silva, da numerose autorità e da un coro di 30 bambini che gli hanno cantato il loro benvenuto.
      
    Nel suo discorso all’arrivo, Benedetto XVI, parlando degli antichi legami ce legano questo Paese alla Chiesa, ha detto che la Chiesa “è pronta a collaborare” con chi “non riduce al privato” la fede. “Non si tratta – ha sottolineato - di un confronto etico fra un sistema laico e un sistema religioso, bensì di una questione di senso alla quale si affida la propria libertà”.
     
    Di Fatima, momento centrale della visita, che vedrà Benedetto XVI anche a Porto, oltre che a Lisbona, il Papa aveva parlato già durante il volo, incontrando i giornalisti che lo accompagnano nel viaggio. Benedetto XVI ha infatti collegato lo scandalo degli abusi dei sacerdoti alla profezia affidata dalla Vergine a Lucia nel Terzo segreto. "Insieme alla sofferenza del Papa che in prima istanza possiamo riferire all'attentato a Giovani Paolo II - ha detto - nel messaggio di Fatima ci sono indicazioni su realtà del futuro della Chiesa”. “Oltre ai momenti indicati nelle visioni, si parla della realtà di passione della Chiesa. Ci sono sofferenze della Chiesa che si annunciano". "Il Signore - cioè - ha detto che la Chiesa sarà sofferente fino alla fine del mondo. E oggi questo lo vediamo in modo particolare". Per il Papa quanto sta emergendo in merito agli abusi commessi da sacerdoti è "realmente terrificante" e il perdono che pure la Chiesa deve dare a quanti si pentono non può sostituire la giustizia dei tribunali: “la penitenza, la preghiera, l'accettazione, il perdono che occorre dare", non soddisfano "la necessità di giustizia, perchè il perdono non sostituisce la giustizia”.
     
    Ancora Fatima, all’arrivo, definita un “un amorevole disegno da Dio “, un “evento” nel quale il cielo si è “aperto”, “come una finestra di speranza che Dio apre quando l’uomo Gli chiude la porta – per ricucire, in seno alla famiglia umana, i vincoli della solidarietà fraterna che poggiano sul reciproco riconoscimento dello stesso ed unico Padre”.
     
    “La Vergine Maria – ha proseguito - è venuta dal Cielo per ricordarci verità del Vangelo che costituiscono per l’umanità, fredda di amore e senza speranza nella salvezza, sorgente di speranza. Certo, questa speranza ha come prima e radicale dimensione non la relazione orizzontale, ma quella verticale e trascendente. La relazione con Dio è costitutiva dell’essere umano: questi è stato creato e ordinato verso Dio, cerca la verità nella propria struttura conoscitiva, tende verso il bene nella sfera volitiva, ed è attratto dalla bellezza nella dimensione estetica. La coscienza è cristiana nella misura in cui si apre alla pienezza della vita e della sapienza, che abbiamo in Gesù Cristo. La visita, che ora inizio sotto il segno della speranza, intende essere una proposta di sapienza e di missione”.
     
    “Da una visione sapiente sulla vita e sul mondo – ha detto ancora il Papa - deriva il giusto ordinamento della società. Posta nella storia, la Chiesa è aperta per collaborare con chi non marginalizza né riduce al privato l’essenziale considerazione del senso umano della vita. Non si tratta – ha sottolineato - di un confronto etico fra un sistema laico e un sistema religioso, bensì di una questione di senso alla quale si affida la propria libertà. Ciò che distingue è il valore attribuito alla problematica del senso e la sua implicazione nella vita pubblica. La svolta repubblicana, verificatesi cento anni fa in Portogallo, ha aperto, nella distinzione fra Chiesa e Stato, un nuovo spazio di libertà per la Chiesa, a cui i due Concordati del 1940 e del 2004 avrebbero dato forma, in ambiti culturali e prospettive ecclesiali assai segnate da rapidi cambiamenti. Le sofferenze causate dalle trasformazioni sono state in genere affrontate con coraggio. Il vivere nella pluralità di sistemi di valori e di quadri etici richiede un viaggio al centro del proprio io e al nucleo del cristianesimo per rinforzare la qualità della testimonianza fino alla santità, trovare sentieri di missione fino alla radicalità del martirio”.
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/05/2010 VATICANO-PORTOGALLO
    Papa: a Fatima, nel mondo è grande il bisogno della testimonianza di sacerdoti “fedeli”
    Nella città mariana, Benedetto XVI nella Cappellina delle apparizioni parla del proiettile che ferì Giovanni Paolo II. Celebrando i vespri con i sacerdoti, esprime il ringraziamento a quanti hanno donato la vita a Cristo. “Grazie per la vostra testimonianza spesso silenziosa e per niente facile; grazie per la vostra fedeltà al Vangelo e alla Chiesa”.

    13/05/2010 VATICANO-PORTOGALLO
    Papa: si illude chi pensa che la missione profetica di Fatima è conclusa
    Benedetto XVI celebra messa a Fatima, davanti a 500mila persone. Sono venuto, dice, per pregare per la nostra umanità sofferente, per affidare alla Madonna la confessione che “amo” la Chiesa e che i sacerdoti “amano” Gesù, per affidare alla protezione di Maria gli ordinati, i consacrati, i missionari.

    26/03/2010 VATICANO
    Osservatore Romano e Sala Stampa vaticana contro le accuse del New York Times
    Non c’è alcun “insabbiamento” da parte del Vaticano e da parte del papa (allora card. Ratzinger) sulle vicende di un prete pedofilo americano, inquisito dalla polizia negli anni ’70. L’O.R. sull’ “ignobile intento” di implicare e colpire il papa e i suoi collaboratori.

    17/04/2010 VATICANO
    Papa: Davanti agli attacchi del mondo, penitenza, ma anche rifiuto del conformismo
    L’obbedienza a Dio è libertà, di fronte alle dittature “del consenso” e del “conformismo”. La penitenza è grazia, “sotto gli attacchi del mondo che ci parlano dei nostri peccati”. Il testo integrale dell’omelia tenuta dal pontefice alla messa con i membri della Commissione biblica.

    16/05/2010 VATICANO
    Papa ai 150 mila in piazza san Pietro: Grazie per il vostro affetto al papa e ai sacerdoti
    Associazioni e movimenti hanno voluto esprimere affetto e sostegno a Benedetto XVI dopo lo scandalo dei preti pedofili, divenuti spesso un’occasione per infangare il ministero del papa e della Chiesa. “Noi cristiani non abbiamo paura del mondo… Dobbiamo invece temere il peccato… Le prove, che il Signore permette, ci spingano a maggiore radicalità e coerenza”.



    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®