17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/12/2017, 13.45

    VATICANO

    Papa: la diversità di culture e religioni siano un bene per la società globalizzata



    Francesco ha ricevuto un gruppo di ambasciatori, tra i quali i rappresentanti di India, Yemen e Azerbaijan. “Le forze centrifughe che vorrebbero dividere i popoli non sono da ricercarsi nelle loro differenze, ma nel fallimento nello stabilire un percorso di dialogo e di comprensione come il più efficace mezzo di risposta a tali sfide”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Le differenze culturali e religiose esistenti nel mondo hanno un “ruolo positivo e costruttivo” nella comunità internazionale, in una prospettiva di dialogo. Francesco ha ribadito questa sua profonda convinzione nel discorso che ha rivolto agli ambasciatori di India, Yemen, Azerbaijan, Nuova Zelanda, Swaziland, Ciad, Liechtenstein, ricevuti per la presentazione delle lettere credenziali.

    “La comunità internazionale – ha sostenuto - affronta una serie di complesse minacce alla sostenibilità ambientale e nei confronti dell’ecologia sociale e umana dell’intero pianeta, come le minacce alla pace e alla concordia derivanti da ideologie fondamentaliste violente e dai conflitti regionali, che spesso appaiono sotto le spoglie di opposti interessi e valori. Tuttavia, è importante ricordare che la diversità della famiglia umana non è di per sé una causa di queste sfide alla coesistenza pacifica. Davvero le forze centrifughe che vorrebbero dividere i popoli non sono da ricercarsi nelle loro differenze, ma nel fallimento nello stabilire un percorso di dialogo e di comprensione come il più efficace mezzo di risposta a tali sfide”.

    Il Papa ha poi sottolineato il valore che, in tale prospettiva, ha il dialogo. A esso spetta un “ruolo-chiave” nel “permettere alla diversità di essere vissuta in modo autentico e nel reciproco vantaggio per la nostra società sempre più globalizzata. Una comunicazione rispettosa conduce alla cooperazione, specialmente nel favorire la riconciliazione dove essa è più necessaria. Questa cooperazione a sua volta è d’aiuto a quella solidarietà che è la condizione per la crescita della giustizia e per il dovuto rispetto della dignità, dei diritti e delle aspirazioni di tutti. L’impegno per il dialogo e la cooperazione dev’essere il segno distintivo di ogni istituzione della comunità internazionale, come di ogni istituzione nazionale e locale, dal momento che tutte sono incaricate della ricerca del bene comune.

    “La promozione del dialogo, della riconciliazione e della cooperazione non possono essere date per scontate. La delicata arte della diplomazia e l’arduo lavoro della costruzione di una nazione devono essere sempre nuovamente imparate da ogni nuova generazione. Noi condividiamo la responsabilità collettiva di educare i giovani all’importanza di questi principi che sorreggono l’ordine sociale. Trasmettere questa preziosa eredità ai nostri figli e nipoti, non solo assicurerà un pacifico e prospero futuro, ma soddisferà anche le esigenze della giustizia intergenerazionale e di quello sviluppo umano integrale a cui ha diritto ogni uomo, donna e bambino”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/12/2008 VATICANO
    Papa: dignità della persona, pace e sviluppo temi per il dialogo tra fedi
    Benedetto XVI afferma che per l’Unione europea, portatrice di una cultura comune fondata sulle civiltà greca e romana e soprattutto sul cristianesimo, il dialogo deve costituire “una priorità”.

    16/03/2006 vaticano
    Papa: ebrei, cristiani e musulmani lavorino insieme per il bene dell'umanità

    Il richiamo nel corso di un incontro con l' American Jewish Committee. Il dovere di insegnare il rispetto per le religioni ed i loro simboli.



    28/09/2006 vaticano - onu
    Mons. Lajolo: il papa contro la violenza religiosa e l'emarginazione di Dio nell'occidente

    L'ex ministro degli esteri vaticano precisa le intenzioni del pontefice a Regensburg. Appello a costruire la pace promuovendo i diritti umani (vita, libertà religiosa e di espressione). Critiche alla comunità internazionale per la mancanza di volontà politica nel risolvere sottosviluppo e conflitti.



    16/01/2005 Vaticano
    Papa: Migranti, è urgente simpatia e dialogo fra culture

    Domani si celebra la Giornata per il dialogo ebraico-cristiano.



    30/09/2013 VATICANO
    Papa: i leader religiosi chiamati a promuovere il dialogo per promuovere la pace
    "Il comandamento della pace è inscritto nel profondo delle tradizioni religiose". "Bisogna cancellare ogni forma di violenza motivata religiosamente".



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®