19 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 27/09/2013, 00.00

    VATICANO

    Papa: la "verifica" della nostra realtà cristiana è la capacità di "portare le umiliazioni"



    Bisogna "accompagnare Gesù fino alla croce" e non "fino a un certo punto", ha detto Francesco durante la messa di questa mattina. "Il segno è la capacità di portare le umiliazioni".

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Il "segno", la "pietra di paragone", la "verifica della nostra realtà cristiana" è "la capacità di portare le umiliazioni", di "accompagnare il Signore fino alla croce" e non "fino a un certo punto".

    E' tornato a ricordarlo il Papa nel corso della messa celebrata stamattina a Casa santa Marta, commentando il brano del Vangelo di Luca nel quale Gesù chiede cosa la gente dica di lui.

    "Questa domanda - ha detto papa Francesco, come riferisce la Radio Vaticana - è rivolta anche a noi". "Per te chi sono io? Il padrone di questa ditta, un buon profeta, un buon maestro, uno che ti fa bene al cuore?" - che pure è "tutto vero". Sono "Uno che cammina con te nella vita, che ti aiuta ad andare avanti, a essere un po' buono?". Sì, è vero, ma non finisce lì. "E' stato lo Spirito Santo a toccare il cuore di Pietro per dire chi è Gesù. Se è il Cristo, il Figlio di Dio vivo, è un mistero, eh? Chi può spiegare quello... Ma Lui l'ha detto. E se ognuno di noi, nella sua preghiera, guardando il Tabernacolo, dice al Signore tu: 'Tu sei il Cristo, il Figlio di Dio vivo', primo non può dirlo da se stesso, deve essere lo Spirito Santo a dirlo in lui. E, secondo, preparati, perché Lui ti risponderà: 'E' vero'".

    Alla risposta di Pietro, Gesù chiede di non rivelarlo a nessuno e poi annuncia la sua Passione, la sua morte e la sua Risurrezione. Papa Francesco ha ricordato la reazione del capo degli apostoli: "Questo non ti accadrà mai". "Pietro si spaventa, si scandalizza", né più né meno di tanti cristiani che dicono: "Mai ti succederà questo! Io ti seguo fino a qui". Un modo, cioè di "seguire Gesù per conoscerlo fino a un certo punto". "E questa è la tentazione del benessere spirituale. Abbiamo tutto: abbiamo la Chiesa, abbiamo Gesù Cristo, i Sacramenti, la Madonna, tutto, un bel lavoro per il Regno di Dio; siamo buoni, tutti. Perché almeno dobbiamo pensare questo, perché se pensiamo il contrario è peccato! Ma non basta con il benessere spirituale fino ad un certo punto. Come quel giovane che era ricco: voleva andare con Gesù, ma fino ad un certo punto. Manca quest'ultima unzione del cristiano, per essere cristiano davvero: l'unzione della croce, l'unzione dell'umiliazione. Lui umiliò se stesso fino alla morte, morte di tutto. Questa è la pietra di paragone, la verifica della nostra realtà cristiana: sono un cristiano di cultura e di benessere? Sono un cristiano che accompagna il Signore fino alla croce? Il segno è la capacità di portare le umiliazioni".

     "La verifica se un cristiano è un cristiano davvero è la sua capacità di portare con gioia e con pazienza le umiliazioni; e come questa è una cosa che non piace... ci sono tanti cristiani che, guardando il Signore, chiedono umiliazioni per assomigliare più a Lui. Questa è la scelta: o cristiano di benessere - che andrai al Cielo, eh?, sicuro ti salverai, eh? - o cristiano vicino a Gesù, per la strada di Gesù".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/04/2015 VATICANO
    Papa: santi e martiri mostrano che non si può seguire Gesù per “interesse materiale”
    “Questa è una tentazione quotidiana dei cristiani, nostra, di tutti noi che siamo la Chiesa: la tentazione non del potere, della potenza dello Spirito, ma la tentazione del potere mondano. Così si cade in quel tepore religioso al quale ti porta la mondanità, quel tepore che finisce, quando cresce, cresce, cresce, in quell’atteggiamento che Gesù chiama ipocrisia”.

    14/09/2016 10:49:00 VATICANO
    Papa: “è brutto per la Chiesa quando i pastori diventano principi, allontanati dalla gente”

    “Non è lo spirito di Gesù”, che invece “si rivolge agli umili, ai piccoli, ai poveri, ai bisognosi perché Lui stesso si è fatto piccolo e umile. Comprende i poveri e i sofferenti perché Lui stesso è povero e provato dai dolori”. Coloro che passano attraverso la Porta della Misericordia cercano Gesù, l’amicizia di Gesù. “Questo cammino esprime la conversione di ogni discepolo che si pone alla sequela di Gesù. E la conversione consiste sempre nello scoprire la misericordia del Signore”.



    13/09/2015 VATICANO
    Papa: seguire Gesù è scegliere un cammino scomodo che non è quello del successo o della gloria terrena
    La sequela di Cristo “conduce alla vera libertà, la libertà dall’egoismo e dal peccato”. “In Pietro, come negli altri discepoli – e in ciascuno di noi! – alla grazia del Padre si oppone la tentazione del Maligno, che vuole distoglierci dalla volontà di Dio”.

    26/11/2015 VATICANO - KENYA
    Papa in Kenya: “catastrofico” se la conferenza sul clima non arriva a un accordo globale e “trasformatore”
    Francesco ha parlato nell’Ufficio dell’Onu a Nairobi. Serve un accordo “basato sui principi di solidarietà, giustizia, equità e partecipazione” per la riduzione dell’impatto dei cambiamenti climatici, la lotta contro la povertà e il rispetto della dignità umana. A sacerdoti e religiosi ha chiesto di seguire Gesù per servire, non per ambizione o interesse.

    06/07/2015 VATICANO - ECUADOR
    Papa in Ecuador: Sinodo, pregare perché quello che ci scandalizza o ci spaventa, Dio ”lo possa trasformare in miracolo”
    Celebrando la messa a Guayaquil , Francesco dice che l’aiuto che la società da’ alla famiglia non è “una forma di elemosina, ma un autentico ‘debito sociale’ nei confronti dell’istituzione” nella quale si imparano l’amore, il servizio, l’aiuto, la fede. Come Maria “facciamo ‘quello che Egli ci dirà’”.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®