18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/02/2018, 10.55

    VATICANO

    Papa: le intenzioni di preghiera siano per bisogni concreti della Chiesa e del mondo



    Proseguendo nelle catechesi sulla messa, Francesco ha parlato del Credo e della Preghiera dei fedeli, ricordando il “chiedete e vi sarà dato” di Gesù. “Noi non chiediamo questo, perché abbiamo poca fede, ma se avessimo la fede come dice Gesù, avremmo tutto”. E’ il momento di chiedere le cose importanti. Ma “le pretese di logiche mondane non decollano verso il Cielo, così come restano inascoltate le richieste autoreferenziali”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Le “intenzioni” per le quali si invita a pregare durante la messa “devono dar voce a bisogni concreti della comunità ecclesiale e del mondo, evitando di ricorrere a formule convenzionali e miopi” e “le pretese di logiche mondane non decollano verso il Cielo, così come restano inascoltate le richieste autoreferenziali”. L’ha ricordato oggi papa Francesco che, nell’udienza generale, ha continuato le catechesi dedicate alla messa.

    Alle diecimila persone presenti in piazza san Pietro in una mattinata a tratti piovigginosa, Francesco ha parlato in particolare del Credo e Preghiera universale. L’uno e le altre, ha detto, seguono le letture bibliche e l’omelia, “ben diretta, ben detta”, che rispondono al “diritto spirituale del popolo di Dio a ricevere con abbondanza il tesoro della Parola di Dio”. Dopo l’omelia, “un tempo di silenzio permette di sedimentare nell’animo il seme ricevuto, affinché nascano propositi di adesione a ciò che lo Spirito ha suggerito a ciascuno”.

    “Dopo questo silenzio, la personale risposta di fede si inserisce nella professione di fede della Chiesa, espressa nel ‘Credo’. Recitato da tutta l’assemblea, il Simbolo manifesta la comune risposta a quanto insieme si è ascoltato dalla Parola di Dio (cfr Catechismo della Chiesa Cattolica, 185-197). C’è un nesso vitale tra ascolto e fede. Sono unite. Questa, infatti, non nasce da fantasia di menti umane ma, come ricorda san Paolo, «viene dall’ascolto e l’ascolto riguarda la parola di Cristo» (Rm 10,17). La fede si alimenta, dunque, con l’ascolto e conduce al Sacramento. Così, la recita del ‘Credo’ fa sì che l’assemblea liturgica «torni a meditare e professi i grandi misteri della fede, prima della loro celebrazione nell’Eucaristia» (Ordinamento Generale del Messale Romano, 67)”.

    “Il Simbolo vincola l’Eucaristia al Battesimo, ricevuto «nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo», e ci ricorda che i Sacramenti sono comprensibili alla luce della fede della Chiesa: sono ‘segni’ della fede, la suppongono e la suscitano”.

    “La risposta alla Parola di Dio accolta con fede si esprime poi nella supplica comune, denominata Preghiera universale, perché abbraccia le necessità della Chiesa e del mondo (cfr OGMR, 69-71; Introduzione al Lezionario, 30-31). Viene anche detta Preghiera dei fedeli”. “I Padri del Vaticano II hanno voluto ripristinare questa preghiera dopo il Vangelo e l’omelia, specialmente nella domenica e nelle feste, affinché «con la partecipazione del popolo, si facciano preghiere per la santa Chiesa, per coloro che ci governano, per coloro che si trovano in varie necessità, per tutti gli uomini e per la salvezza di tutto il mondo» (Cost. Sacrosanctum Concilium, 53; cfr 1 Tm 2,1-2). Pertanto, sotto la guida del sacerdote che introduce e conclude, «il popolo, esercitando il proprio sacerdozio battesimale, offre a Dio preghiere per la salvezza di tutti» (OGMR, 69). Dopo le singole intenzioni, proposte dal diacono o da un lettore, l’assemblea unisce la sua voce invocando: «Ascoltaci, o Signore».

    “Ricordiamo, infatti, quanto ci ha detto il Signore Gesù: «Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto» (Gv 15,7). Noi non chiediamo questo, perché abbiamo poca fede, ma se avessimo la fede come dice Gesù, avremmo tutto”. E’ il momento, ha sottolineato Francesco, di chiedere le cose importanti. E di chiedere: “Credo Signore, aiuta la mia poca fede”. “Le pretese di logiche mondane, invece, non decollano verso il Cielo, così come restano inascoltate le richieste autoreferenziali (cfr Gc 4,2-3). Le intenzioni per cui si invita il popolo fedele a pregare devono dar voce a bisogni concreti della comunità ecclesiale e del mondo, evitando di ricorrere a formule convenzionali e miopi. La preghiera ‘universale’, che conclude la liturgia della Parola, ci esorta a fare nostro lo sguardo di Dio, che si prende cura di tutti i suoi figli”.

    Nei saluti rivolti ai diversi gruppi linguistici, il Papa ha ricordato che oggi entriamo nella Quaresima, “tempo di digiuno, di preghiera e di carità”. “Disponiamo i nostri cuori a vivere questo tempo nell’unione con Cristo sofferente, che con la sua passione e morte sulla croce ci ha redenti, affinché, liberi dal peccato, possiamo partecipare alla santità di Dio stesso”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/11/2017 11:39:00 VATICANO
    Papa: la messa 'è preghiera', 'non è il momento di chiacchierare'

    “Il silenzio è tanto importante. ricordatevi quello che ho detto la settimana scorsa: non andiamo ad un uno spettacolo: andiamo all’incontro con il Signore e il silenzio ci prepara e ci accompagna. Rimanere in silenzio insieme a Gesù”.



    03/01/2006 VATICANO
    C'è tanta Asia nelle intenzioni di preghiera del Papa

    Benedetto XVI invita a pregare per la missione e i missionari, ricorda l'unità della Chiesa di Cina e la riconciliazione tra le Coree e per Natale che l'Incarnazione "aiuti i popoli del Continente asiatico a riconoscere in Gesù l'Inviato di Dio, unico Salvatore del mondo".



    14/04/2014 VATICANO
    Papa: il seminario non è un rifugio, "Guai ai cattivi pastori!"
    Incontrando i seminaristi del Pontificio collegio leoniano di Anagni Francesco indica i "quattro pilastri della formazione": "la vita spirituale, forte; la vita intellettuale, seria; la vita comunitaria e, alla fine, la vita apostolica". "Meglio perdere una vocazione che rischiare con un candidato non sicuro".

    07/12/2015 VATICANO
    Papa: la vocazione nasce nella Chiesa, cresce nella Chiesa, è sostenuta dalla Chiesa
    Nel messaggio per la prossima 53.ma Giornata per le vocazioni, Francesco esorta “tutti i fedeli ad assumersi le loro responsabilità nella cura e nel discernimento vocazionale”, in quanto “la chiamata di Dio avviene attraverso la mediazione comunitaria. Dio ci chiama a far parte della Chiesa e, dopo una certa maturazione in essa, ci dona una vocazione specifica”.

    29/08/2015 FILIPPINE - VATICANO
    Giornata mondiale del creato: con il papa, la Chiesa filippina celebra messe, mostre, incontri
    A Manila l’evento coincide con l’inizio della “Stagione del creato”; il card Tagle presiederà la messa solenne. Nelle parrocchie previsti incontri, seminari e manifestazioni sui temi ambientali. Il porporato rinnova l’impegno per la raccolta di un milione di firme da consegnare alla conferenza sul clima di novembre.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®