15/04/2013, 00.00
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: le persecuzioni non sono finite, ci sono più martiri oggi che nei tempi passati

Francesco commenta la vicenda di Stefano, il primo martire, vittima della calunnia che non è solo un peccato, "nasce da una cosa molto cattiva: nasce dall'odio. E chi fa l'odio è Satana". "La Chiesa ha tanti uomini e donne che sono calunniati, che sono perseguitati, che sono ammazzati in odio a Gesù, in odio alla fede".

Città del Vaticano (AsiaNews) - "Il tempo dei martiri non è finito: anche oggi possiamo dire, in verità, che la Chiesa ha più martiri che nel tempo dei primi secoli. La Chiesa ha tanti uomini e donne che sono calunniati, che sono perseguitati, che sono ammazzati in odio a Gesù, in odio alla fede: questo è ammazzato perché insegna catechismo, questo viene ammazzato perché porta la croce... Oggi, in tanti Paesi, li calunniano, li perseguono... sono fratelli e sorelle nostri che oggi soffrono, in questo tempo dei martiri". Per il secondo giorno consecutivo, il pensiero di papa Francesco va ai martiri dei nostri giorni, i tanti cristiani che in tante parti del mondo subiscono la persecuzione. Ieri, a suscitare le parole del Papa era stato il passo degli Atti degli apostoli che narra le violenze subite a Gerusalemme dalla prima comunità cristiana, oggi, ancora dagli Atti, la vicenda di Stefano, che evidenzia il male che è nella calunnia.

Celebrando, come di consueto, la messa nella cappella della Casa santa Marta, Francesco, riferisce la Radio Vaticana, ha parlato del primo martire, che fu vittima della calunnia. "E la calunnia è peggio di un peccato: la calunnia è un'espressione diretta di Satana".

La lettura degli Atti degli apostoli presenta Stefano, uno dei diaconi nominati dai discepoli, che viene trascinato davanti al Sinedrio per via della sua testimonianza al Vangelo, accompagnata da segni straordinari. E davanti al Sinedrio - si legge nel testo - compaiono ad accusare Stefano dei "falsi testimoni". Visto che "non andava bene la lotta pulita, la lotta tra uomini buoni", i nemici di Stefano hanno imboccato "la strada della lotta sporca: la calunnia". "Noi tutti siamo peccatori: tutti. Abbiamo peccati. Ma la calunnia è un'altra cosa. E' un peccato, sicuro, ma è un'altra cosa. La calunnia vuole distruggere l'opera di Dio; la calunnia nasce da una cosa molto cattiva: nasce dall'odio. E chi fa l'odio è Satana. La calunnia distrugge l'opera di Dio nelle persone, nelle anime. La calunnia utilizza la menzogna per andare avanti. E non dubitiamo, eh?: dove c'è calunnia c'è Satana, proprio lui".

Da parte sua, Stefano non ricambia menzogna con menzogna, "non vuole andare per quella strada per salvarsi. Lui guarda il Signore e obbedisce alla legge", rimanendo nella pace e nella verità di Cristo. Ed è quello che "succede nella storia della Chiesa", perché dal primo martire a oggi numerosissimi sono gli esempi di chi ha testimoniato il Vangelo con estremo coraggio.

Il tempo dei martiri non è finito e la nostra  "è un'epoca con più martiri che non quella dei primi secoli". In un'epoca di così "tante turbolenze spirituali" il Papa evoca l'immagine di un'icona russa antica di secoli, quella della Madonna che copre con il suo manto il popolo di Dio: "Noi preghiamo la Madonna che ci protegga, e nei tempi di turbolenza spirituale il posto più sicuro è sotto il manto della Madonna. E' la mamma che cura la Chiesa. E in questo tempo di martiri, è lei un po' - non so se si dice così, in italiano - la protagonista, la protagonista della protezione: è la mamma. (...) Diciamole con fede: 'Sotto la tua protezione, Madre, è la Chiesa. Cura la Chiesa'".

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: Le chiacchiere sono distruttive nella Chiesa, disinformazione, diffamazione e calunnia e "tutte e tre sono peccato"
18/05/2013
P. Manerba: Il miracolo ‘del sole’ a Nagasaki
25/11/2019 11:25
Papa in Giappone: Nagasaki, l’amore di Cristo vince ogni odio, pessimismo indolente o benessere narcotizzante
24/11/2019 10:03
Papa in Giappone: L’omaggio ai martiri di Nagasaki e a quelli di oggi
24/11/2019 09:25
Nagasaki: Dal Papa speriamo in un nuovo slancio nella diffusione del Vangelo
23/11/2019 08:00