19 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/11/2014, 00.00

    VATICANO

    Papa: non avere paura della "gratuità" della salvezza donata da Dio per non essere "cattolici, ma non troppo"



    Tante volte il Signore "costringe quel cuore, quell'anima a credere che c'è gratuità in Dio, che il dono di Dio è gratis, che la salvezza non si compra: è un grande regalo, che l'amore di Dio ... è il regalo più grande!". "La Chiesa ci chiede di non avere paura della gratuità di Dio". Soltanto, "noi dobbiamo aprire il cuore, fare da parte nostra tutto quello che possiamo; ma la grande festa la farà Lui".

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Non avere paura della "gratuità" della salvezza donata da Dio, che ci rende tutti uguali, per uscire dall'egoismo e non essere "cattolici, ma non troppo". Lo ha detto papa Francesco durante la messa che ha celebrato stamattina a Casa santa Marta, commentando la parabola evangelica dell'uomo che dette una grande festa, ma gli invitati trovarono delle scuse per non andare.

    Una parabola, ha detto il Papa, che fa pensare perché "a tutti piace andare a una festa, piace essere invitati". Ma in questo banchetto "c'era qualcosa" che a tre invitati, "che sono un esempio di tanti, non piaceva". Uno dice che deve vedere il suo campo, ha voglia di vederlo per sentirsi "un po' potente", "la vanità, l'orgoglio, il potere e preferisce quello piuttosto che rimanere seduto come uno tra tanti". Un altro ha comprato cinque buoi, quindi è concentrato sugli affari e non vuole "perdere tempo" con altra gente. L'ultimo infine si scusa dicendo di essere sposato e non vuole portare la sposa alla festa. "No voleva l'affetto per se stesso: l'egoismo". "Alla fine tutti e tre hanno una preferenza per se stessi, non per condividere una festa: non sanno cosa sia una festa". Sempre "c'è l'interesse, c'è quello che Gesù" ha spiegato come "il contraccambio":

    "Se l'invito fosse stato, per esempio: 'Venite, che ho due o tre amici affaristi che vengono da un altro Paese, possiamo fare qualcosa insieme', sicuramente nessuno si sarebbe scusato. Ma quello che spaventava loro, era la gratuità. Essere uno come gli altri, lì ... Proprio l'egoismo, essere al centro di tutto ... E' tanto difficile ascoltare la voce di Gesù, la voce di Dio, quando uno gira intorno a se stesso: non ha orizzonte, perché l'orizzonte è lui stesso. E dietro a questo c'è un'altra cosa, più profonda: c'è la paura della gratuità. Abbiamo paura della gratuità di Dio. E' tanto grande che ci fa paura".

    Questo avviene "perché le esperienze della vita, tante volte ci hanno fatto soffrire" come succede ai discepoli di Emmaus che si allontanano da Gerusalemme o a Tommaso che vuole toccare per credere. Quando "l'offerta è tanta persino il santo sospetta", perché "la gratuità è troppa". "E quando Dio ci offre un banchetto così", pensiamo sia "meglio non immischiarsi". "Siamo più sicuri nei nostri peccati, nei nostri limiti, ma siamo a casa nostra; uscire da casa nostra per andare all'invito di Dio, a casa di Dio, con gli altri? No. Ho paura. E tutti noi cristiani abbiamo questa paura: nascosta, dentro ... ma non troppo. Cattolici, ma non troppo. Fiduciosi nel Signore, ma non troppo. Questo 'ma non troppo', segna la nostra vita, ci fa piccoli, no?, ci rimpiccolisce".

    "Una cosa che mi fa pensare - ha proseguito - è che, quando il servo riferì tutto questo al suo padrone, il padrone" si adira perché era stato disprezzato. E manda a chiamare tutti i poveri, gli storpi, per le piazze e le vie della città. Il Signore chiede al servo che costringa le persone ad entrare alla festa. "Tante volte il Signore deve fare con noi lo stesso: con le prove, tante prove". "Costringili, ché qui sarà la festa. La gratuità. Costringe quel cuore, quell'anima a credere che c'è gratuità in Dio, che il dono di Dio è gratis, che la salvezza non si compra: è un grande regalo, che l'amore di Dio ... è il regalo più grande! Questa è la gratuità. E noi abbiamo un po' di paura e per questo pensiamo che la santità si faccia con le cose nostre e alla lunga diventiamo un po' pelagiani eh! La santità, la salvezza è gratuità".

    Gesù, ha concluso, "ha pagato la festa, con la sua umiliazione fino alla morte, morte di croce. E questa è la grande gratuità". Quando noi guardiamo il Crocifisso, ha detto ancora, pensiamo che "questa è l'entrata alla festa": "Sì, Signore, sono peccatore, ho tante cose, ma guardo Te e vado alla festa del Padre. Mi fido. Non rimarrò deluso, perché Tu hai pagato tutto". Oggi "la Chiesa ci chiede di non avere paura della gratuità di Dio". Soltanto, "noi dobbiamo aprire il cuore, fare da parte nostra tutto quello che possiamo; ma la grande festa la farà Lui".

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/01/2016 VATICANO
    Papa: “La fede è un dono. Nessuno ‘merita’ la fede. Nessuno la può comprare”
    La cosa più difficile è capire che Gesù viene a “salvarci dalle malattie”, ma innanzitutto a “salvarci dai nostri peccati, salvarci e portarci dal Padre”. “La prova che io credo che Gesù Cristo è Dio nella mia vita, che è stato inviato a me per ‘perdonarmi’, è la lode: se io ho capacità di lodare Dio. Lodare il Signore. E’ gratuito, questo. La lode è gratuita. E’ un sentimento che dà lo Spirito Santo e ti porta a dire: ‘Tu sei l’unico Dio’”.

    14/05/2013 VATICANO
    Papa: per seguire Gesù si deve vivere la vita come un dono da dare agli altri e non come un tesoro da conservare per sé
    Durante la messa di questa mattina, Francesco evidenzia la distanza tra l'atteggiamento di Gesù e quello di Giuda che "mai ha capito cosa sia un dono". "Chi dà la vita per amore non è mai solo", chi "perde" la propria vita la ritrova in pienezza, quello che vuole conservarla per se stesso, la perde alla fine.

    16/06/2017 11:04:00 VATICANO
    Papa: avere coscienza di essere “vasi di creta” che salva solo la potenza di Dio

    Soltanto se noi accettiamo di essere creta la “straordinaria potenza di Dio verrà a noi e ci darà la pienezza, la salvezza, la felicità, la gioia di essere salvati”, ricevendo così il “tesoro” del Signore.



    29/01/2015 VATICANO
    Papa: Dio salva ognuno personalmente, ma "in un popolo", non "solo me" e il "mio gruppetto"
    "C'è il pericolo di dimenticare che Lui ci ha salvato singolarmente, ma in un popolo. In un popolo. Sempre il Signore salva nel popolo". Per non "privatizzare" la salvezza, "devo chiedere a me stesso se io parlo, comunico la fede; parlo, comunico la speranza; parlo, faccio e comunico la carità.

    18/12/2014 VATICANO
    Papa: Dio "fa la storia", "cammina con noi", "e quando noi sbagliamo, corregge la storia e ci porta avanti, avanti, sempre"
    "Fare storia con il suo popolo significa per Dio camminare e mettere alla prova i suoi eletti". Ma alla fine li salva: "Ricordiamo sempre, con fiducia, anche nei momenti più brutti, anche nei momenti della malattia, quando noi ci accorgeremo che dobbiamo chiedere l'estrema unzione, perché non c'è uscita, di dire: 'Ma, Signore, la storia non è incominciata con me né finirà con me! Tu vai avanti, io sono disposto'. E metterci nelle mani del Signore".



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®