04/11/2014, 00.00
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: non avere paura della "gratuità" della salvezza donata da Dio per non essere "cattolici, ma non troppo"

Tante volte il Signore "costringe quel cuore, quell'anima a credere che c'è gratuità in Dio, che il dono di Dio è gratis, che la salvezza non si compra: è un grande regalo, che l'amore di Dio ... è il regalo più grande!". "La Chiesa ci chiede di non avere paura della gratuità di Dio". Soltanto, "noi dobbiamo aprire il cuore, fare da parte nostra tutto quello che possiamo; ma la grande festa la farà Lui".

Città del Vaticano (AsiaNews) - Non avere paura della "gratuità" della salvezza donata da Dio, che ci rende tutti uguali, per uscire dall'egoismo e non essere "cattolici, ma non troppo". Lo ha detto papa Francesco durante la messa che ha celebrato stamattina a Casa santa Marta, commentando la parabola evangelica dell'uomo che dette una grande festa, ma gli invitati trovarono delle scuse per non andare.

Una parabola, ha detto il Papa, che fa pensare perché "a tutti piace andare a una festa, piace essere invitati". Ma in questo banchetto "c'era qualcosa" che a tre invitati, "che sono un esempio di tanti, non piaceva". Uno dice che deve vedere il suo campo, ha voglia di vederlo per sentirsi "un po' potente", "la vanità, l'orgoglio, il potere e preferisce quello piuttosto che rimanere seduto come uno tra tanti". Un altro ha comprato cinque buoi, quindi è concentrato sugli affari e non vuole "perdere tempo" con altra gente. L'ultimo infine si scusa dicendo di essere sposato e non vuole portare la sposa alla festa. "No voleva l'affetto per se stesso: l'egoismo". "Alla fine tutti e tre hanno una preferenza per se stessi, non per condividere una festa: non sanno cosa sia una festa". Sempre "c'è l'interesse, c'è quello che Gesù" ha spiegato come "il contraccambio":

"Se l'invito fosse stato, per esempio: 'Venite, che ho due o tre amici affaristi che vengono da un altro Paese, possiamo fare qualcosa insieme', sicuramente nessuno si sarebbe scusato. Ma quello che spaventava loro, era la gratuità. Essere uno come gli altri, lì ... Proprio l'egoismo, essere al centro di tutto ... E' tanto difficile ascoltare la voce di Gesù, la voce di Dio, quando uno gira intorno a se stesso: non ha orizzonte, perché l'orizzonte è lui stesso. E dietro a questo c'è un'altra cosa, più profonda: c'è la paura della gratuità. Abbiamo paura della gratuità di Dio. E' tanto grande che ci fa paura".

Questo avviene "perché le esperienze della vita, tante volte ci hanno fatto soffrire" come succede ai discepoli di Emmaus che si allontanano da Gerusalemme o a Tommaso che vuole toccare per credere. Quando "l'offerta è tanta persino il santo sospetta", perché "la gratuità è troppa". "E quando Dio ci offre un banchetto così", pensiamo sia "meglio non immischiarsi". "Siamo più sicuri nei nostri peccati, nei nostri limiti, ma siamo a casa nostra; uscire da casa nostra per andare all'invito di Dio, a casa di Dio, con gli altri? No. Ho paura. E tutti noi cristiani abbiamo questa paura: nascosta, dentro ... ma non troppo. Cattolici, ma non troppo. Fiduciosi nel Signore, ma non troppo. Questo 'ma non troppo', segna la nostra vita, ci fa piccoli, no?, ci rimpiccolisce".

"Una cosa che mi fa pensare - ha proseguito - è che, quando il servo riferì tutto questo al suo padrone, il padrone" si adira perché era stato disprezzato. E manda a chiamare tutti i poveri, gli storpi, per le piazze e le vie della città. Il Signore chiede al servo che costringa le persone ad entrare alla festa. "Tante volte il Signore deve fare con noi lo stesso: con le prove, tante prove". "Costringili, ché qui sarà la festa. La gratuità. Costringe quel cuore, quell'anima a credere che c'è gratuità in Dio, che il dono di Dio è gratis, che la salvezza non si compra: è un grande regalo, che l'amore di Dio ... è il regalo più grande! Questa è la gratuità. E noi abbiamo un po' di paura e per questo pensiamo che la santità si faccia con le cose nostre e alla lunga diventiamo un po' pelagiani eh! La santità, la salvezza è gratuità".

Gesù, ha concluso, "ha pagato la festa, con la sua umiliazione fino alla morte, morte di croce. E questa è la grande gratuità". Quando noi guardiamo il Crocifisso, ha detto ancora, pensiamo che "questa è l'entrata alla festa": "Sì, Signore, sono peccatore, ho tante cose, ma guardo Te e vado alla festa del Padre. Mi fido. Non rimarrò deluso, perché Tu hai pagato tutto". Oggi "la Chiesa ci chiede di non avere paura della gratuità di Dio". Soltanto, "noi dobbiamo aprire il cuore, fare da parte nostra tutto quello che possiamo; ma la grande festa la farà Lui".

 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: “La fede è un dono. Nessuno ‘merita’ la fede. Nessuno la può comprare”
15/01/2016
Papa: per seguire Gesù si deve vivere la vita come un dono da dare agli altri e non come un tesoro da conservare per sé
14/05/2013
Papa: eutanasia, non scelta di civiltà, ma di una visione ‘produttiva’ della vita
26/01/2018 12:26
Papa: chi perde la capacità di sentirsi amato da Dio, perde tutto
07/11/2017 11:30
Papa: la salvezza è “gratuita”, non chiudere la porta a chi la cerca
19/10/2017 11:23