18/05/2011, 00.00
VATICANO-CINA
Invia ad un amico

Papa: preghiamo per la Chiesa in Cina, per quelli oppressi e quelli tentati dall’opportunismo

Un Paese dove Cristo è “rifiutato, ignorato o perseguitato”, dove ci sono vescovi che “soffrono”. Che il loro desiderio di stare nella Chiesa una e universale superi la tentazione di un cammino indipendente da Pietro.
Città del Vaticano (AsiaNews) – Pregare per la Chiesa in Cina, uno dei Paesi dove Cristo è “rifiutato, ignorato o perseguitato”, per i vescovi di quel Paese “che soffrono”, perché “il loro desiderio di stare nella Chiesa una e universale superi la tentazione di un cammino indipendente da Pietro” e per “illuminare quelli che sono nel dubbio, di richiamare gli smarriti, di consolare gli afflitti, di rafforzare quanti sono irretiti dalle lusinghe dell'opportunismo”.
 
E’ l’invito che Benedetto XVI ha rivolto oggi ai cattolici di tutto il mondo, in vista della giornata di preghiera per la Chiesa in Cina, il prossimo 24 maggio.
 
Alla fine dell’udienza generale,  il Papa ha chiesto le preghiera prima di tutto dei cattolici cinesi, ma anche di quelli di tutto il mondo. “Sappiamo – ha proseguito - che, tra i nostri fratelli vescovi, ci sono alcuni che soffrono e sono sotto pressione nell'esercizio del loro ministero episcopale. A loro, ai sacerdoti e a tutti i cattolici che incontrano difficoltà nella libera professione di fede esprimiamo la nostra vicinanza. Con la nostra preghiera possiamo aiutarli a trovare la strada per mantenere viva la fede, forte la speranza, ardente la carità verso tutti ed integra l'ecclesiologia che abbiamo ereditato dal Signore e dagli Apostoli e che ci è stata trasmessa con fedeltà fino ai nostri giorni. Con la preghiera possiamo ottenere che il loro desiderio di stare nella Chiesa una e universale superi la tentazione di un cammino indipendente da Pietro. La preghiera può ottenere, per loro e per noi, la gioia e la forza di annunciare e di testimoniare, con tutta la franchezza e senza impedimento, Gesù Cristo crocifisso e risorto, l'uomo nuovo, vincitore del peccato e della morte. Con tutti voi chiedo a Maria di intercedere perché ognuno di loro si conformi sempre più strettamente a Cristo e si doni con generosità sempre nuova ai fratelli. A Maria - ha concluso il Papa - chiedo di illuminare quelli che sono nel dubbio, di richiamare gli smarriti, di consolare gli afflitti, di rafforzare quanti sono irretiti dalle lusinghe dell'opportunismo".
 
Nel discorso rivolto alle 20mila persone presenti in piazza san Pietro per l’udienza generale, Benedetto XVI, proseguendo nel ciclo di catechesi dedicato alla preghiera, si è soffermato sulla preghiera di Abramo per gli abitanti di Sodoma e Gomorra, nella quale, in realtà, il “padre di tutti i credenti” in realtà chiede a Dio misericordia non per i giusti, ma per i peccatori.
 
L’esempio, che viene dal capitolo 18 della Genesi, è servito al Papa anche per invitare “a leggere la Bibbia, che spero abbiate nelle vostre case, e, durante la settimana, soffermarsi a leggerla e meditarla nella preghiera, per conoscere la meravigliosa storia del rapporto tra Dio e l’uomo, tra Dio che si comunica a noi e l’uomo che risponde”.
 
Nell’episodio illustrato oggi da Benedetto XVI, “la malvagità degli abitanti di Sodoma e Gomorra era giunta al culmine, tanto da rendere necessario l’intervento di Dio per compiere un atto di giustizia e per fermare il male distruggendo quelle città”. Ma quando Dio fa sapere ad Abramo l’intenzione di distruggere le due città, Abramo chiede che non sia punito il giusto con l’empio. “La sua è una missione di salvezza, che deve rispondere al peccato che ha invaso la realtà dell’uomo; attraverso di lui il Signore vuole riportare l’umanità alla fede, all’obbedienza, alla giustizia”.
 
Abramo chiede a Dio di non punire “il giusto con l’empio” e “Abramo mette davanti a Dio la necessità di evitare una giustizia sommaria: se la città è colpevole, è giusto condannare il suo reato e infliggere la pena, ma sarebbe ingiusto punire in modo indiscriminato tutti gli abitanti. Se nella città ci sono degli innocenti, questi non possono essere trattati come i colpevoli. Dio, che è un giudice giusto, non può agire così".  
Ma approfnodendo la lettura, ha proseguito il Papa, “ci rendiamo conto che la richiesta di Abramo è ancora più seria e più profonda, perché non si limita a domandare la salvezza per gli innocenti. Abramo chiede il perdono per tutta la città e lo fa appellandosi alla giustizia di Dio”. C’è qui “una nuova idea di giustizia: non quella che si limita a punire i colpevoli, come fanno gli uomini, ma una giustizia diversa, divina, che cerca il bene e lo crea attraverso il perdono che trasforma il peccatore, lo converte e lo salva”. Con la sua preghiera Abramo invoca dunque “un intervento di salvezza che, tenendo conto degli innocenti, liberi dalla colpa anche gli empi, perdonandoli”. Il pensiero di Abramo è che “ovviamente non si possono trattare gli innocenti come i colpevoli, questo sarebbe ingiusto, bisogna invece trattare i colpevoli come gli innocenti, mettendo in atto una giustizia superiore, offrendo loro una possibilità di salvezza, perché se i malfattori accettano il perdono di Dio e confessano la colpa lasciandosi salvare, non continueranno più a fare il male, diventeranno anch’essi giusti, senza più necessità di essere puniti".  
E’ una richiesto di giustizia che “si basa sulla certezza che il Signore è misericordioso”. Abramo, così fa diminuire via via il numero dei “giusti” che basterà a salvare la città, fino a dieci. E Dio ogni volta “ascolta e accoglie” la preghiera. "Così, per l’intercessione di Abramo Sodoma potrà essere salva, se in essa si troveranno anche solamente dieci innocenti. È questa la potenza della preghiera. Perché attraverso l’intercessione, la preghiera a Dio per la salvezza degli altri, si manifesta e si esprime il desiderio di salvezza che Dio nutre sempre verso l’uomo peccatore. Il male, infatti, non può essere accettato, deve essere segnalato e distrutto attraverso la punizione: la distruzione di Sodoma aveva appunto questa funzione. Ma il Signore non vuole la morte del malvagio, ma che si converta e viva; il suo desiderio è sempre quello di perdonare, salvare, dare vita, trasformare il male in bene”. “Con la voce della sua preghiera, Abramo sta dando voce al desiderio di Dio, che non è quello di distruggere, ma di salvare Sodoma, di dare vita al peccatore convertito”.   E’ questo che il Signore vuole. “Essere salvati non vuol dire semplicemente sfuggire alla punizione, ma essere liberati dal male che ci abita. Non è il castigo che deve essere eliminato, ma il peccato, quel rifiuto di Dio e dell’amore che porta già in sé il castigo”.
 
Ma la misericordia di Dio nella storia del suo popolo si allarga ulteriormente. “Se per salvare Sodoma servivano dieci giusti, il profeta Geremia dirà che basta un solo giusto per salvare Gerusalemme”. Il numero è sceso ancora, la bontà di Dio si mostra ancora più grande. “Eppure questo ancora non basta, la sovrabbondante misericordia di Dio non trova la risposta di bene che cerca e Gerusalemme cade sotto l’assedio del nemico”.
 
“Bisognerà che Dio stesso diventi quel giusto. L’infinito e sorprendente amore divino sarà pienamente manifestato quando il Figlio di Dio si farà uomo, il Giusto definitivo, il perfetto Innocente, che porterà la salvezza al mondo intero morendo sulla croce, perdonando e intercedendo per coloro che «non sanno quello che fanno». Allora la preghiera di ogni uomo troverà la sua risposta, allora ogni nostra intercessione sarà pienamente esaudita".
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Anche nella persecuzione, preghiamo la Madonna di Sheshan
24/05/2008
Almeno 20mila cattolici pregano a Sheshan per la Chiesa in Cina
24/05/2016 12:20
Nostra Signora di Sheshan sotto la neve (Foto)
08/02/2018 10:13
Evangelizzare la Cina per il bene della società, chiedendo la fine delle persecuzioni
26/05/2016 11:43
Giornata di preghiera per la Chiesa in Cina: Sheshan sotto controllo; sacerdoti arrestati
23/05/2011