28 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/03/2017, 19.06

    VATICANO

    Papa: presiede la liturgia penitenziale



    Francesco, che non ha tenuto l’omelia, si è confessato per circa cinque minuti e ha poi confessato, per circa 50 minuti, alcuni fedeli. Stamattina aveva affermato che il confessore deve pregare, discernere – “per non fare mai ‘di tutta l’erba un fascio’” – e ricordare che il confessionale è anche un luogo di evangelizzazione, perché fa incontrare il vero volto di Dio, che è quello della misericordia.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Papa Francesco ha presieduto, oggi pomeriggio nella basilica di san Pietro, una liturgia penitenziale nel corso della quale si è confessato (nella foto) per circa cinque minuti e ha poi confessato, per circa 50 minuti, alcuni fedeli.

    Il Papa, che non ha tenuto l’omelia, stamattina aveva parlato della confessione e dei confessori ricevendo i partecipanti al corso promosso dalla Penitenzieria Apostolica sulla Confessione. Nel suo discorso Francesco ha detto che per essere buoni confessori bisogna pregare, discernere – “per non fare mai ‘di tutta l’erba un fascio’” – e ricordare che il confessionale è anche un luogo di evangelizzazione, perché fa incontrare il vero volto di Dio, che è quello della misericordia.

    In primo luogo, dunque, la preghiera, perché “un confessore che prega sa bene di essere lui stesso il primo peccatore e il primo perdonato” e “la preghiera è la prima garanzia per evitare ogni atteggiamento di durezza, che inutilmente giudica il peccatore e non il peccato”.

    Il buon confessore, in secondo luogo, “è un uomo dello Spirito, un uomo del discernimento”. Lo Spirito “permette di immedesimarci” con quanti vogliono confessarsi. “Il confessore non fa la propria volontà e non insegna una dottrina propria. Egli è chiamato a fare sempre e solo la volontà di Dio, in piena comunione con la Chiesa, della quale è ministro, cioè servo” e “il discernimento permette di distinguere sempre”, “permettendo quella delicatezza d’animo tanto necessaria di fronte a chi ci apre il sacrario della propria coscienza per riceverne luce, pace e misericordia”.

    Terzo punto, il confessionale è anche un luogo di evangelizzazione. “Nel pur breve dialogo che intesse con il penitente, il confessore è chiamato a discernere che cosa sia più utile e che cosa sia addirittura necessario al cammino spirituale di quel fratello o di quella sorella” e “talvolta si renderà necessario ri-annunciare le più elementari verità di fede”. "Si tratta di un’opera di pronto e intelligente discernimento, che può fare molto bene ai fedeli":

    .

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/01/2015 VATICANO
    Papa: il "lavoro" di Dio è riconciliare, perché "il nostro Dio perdona" qualsiasi peccato e lo perdona "sempre"
    Per gravi che siano i peccati, basta "pentirsi e chiedere perdono": "non si deve pagare niente", perché già "Cristo ha pagato per noi". La confessione "più che un giudizio, è un incontro" con il Signore che "ti abbraccia". "Imparino i nostri bimbi, i nostri ragazzi a confessarsi bene, perché andare a confessarsi non è andare alla tintoria perché ti tolgono una macchia. No! E' andare a incontrare il Padre".

    07/02/2016 12:20:00 VATICANO
    Papa: fermare la guerra in Siria e “osare” un cambiamento interiore per difendere la vita

    All’Angelus Francesco lancia appelli anche per debellare le nuove schiavitù e invia auguri di pace e serenità per il Capodanno cinese. Pregate per il mio incontro con "il fratello Kirill". “L’essenziale” del cristianesimo è “l’essenziale del cristianesimo: diffondere l’amore rigenerante e gratuito di Dio, con atteggiamento di accoglienza e di misericordia verso tutti, perché ognuno possa incontrare la tenerezza di Dio e avere pienezza di vita”.



    21/01/2016 12:55:00 VATICANO
    Papa: tutti, giovani o anziani o anche turisti curiosi trovino nei santuari “l’accoglienza dovuta”

    La religiosità popolare “è una genuina forma di evangelizzazione, che ha bisogno di essere sempre promossa e valorizzata, senza minimizzare la sua importanza”. I sacerdoti che confessano nei santuari “devono avere il cuore impregnato di misericordia; il loro atteggiamento dev’essere quello di un padre”.

     

     



    06/03/2014 VATICANO
    Papa: per tutta la Chiesa questo è "tempo di misericordia", di "vicinanza" a quanti sono "feriti"
    Incontrando il clero romano Francesco dice che "la Chiesa oggi possiamo pensarla come un 'ospedale da campo'". "Io sempre porto qui una busta di stoffa piccola" con la croce, in ricordo di un grande confessore, "E quando mi viene un cattivo pensiero contro qualche persona, la mano mi viene qui". I confessori non debbono essere "lassisti", né "rigoristi".

    19/02/2014 VATICANO
    Papa: il perdono dei peccati si chiede a Gesù attraverso la Chiesa, anche se "ci vergogniamo"
    Francesco, "preoccupato per quanto in questi giorni sta accadendo a Kiev" invita "tutte le parti a cessare ogni azione violenta e a cercare la concordia e la pace nel Paese". "Non possiamo perdonarci da soli" e "il perdono dei nostri peccati non è frutto dei nostri sforzi", ma "un dono" che "scaturisce direttamente dal mistero pasquale".



    In evidenza

    VATICANO-EGITTO
    Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…

    Papa Francesco

    In occasione della sua visita al Paese (28-29 aprile), oggi papa Francesco ha trasmesso un videomessaggio al popolo egiziano. “Il nostro mondo, dilaniato dalla violenza cieca – che ha colpito anche il cuore della vostra cara terra – ha bisogno di pace, di amore e di misericordia; ha bisogno di operatori di pace”.


    ISLAM
    Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano

    Kamel Abderrahmani

    Dopo ogni attentato terrorista si tende a dire: “Questo non è l’islam”. Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati dai testi che sono il riferimento dei musulmani e delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, da parte degli stessi musulmani. La convivenza con le altre religioni è la strada per togliere l’islam dalla sclerosi e dalla stagnazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®