22 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/02/2018, 11.23

    VATICANO

    Papa: un peccatore può diventare santo, un corrotto no



    “E qui è il problema dell’indebolimento del cuore. Quando il cuore incomincia a indebolirsi, non è come una situazione di peccato: tu fai un peccato, te ne accorgi subito: ‘Io ho fatto questo peccato’, è chiaro. L’indebolimento del cuore è un cammino lento, che scivolo poco a poco, poco a poco, poco a poco…”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Un peccatore può diventare santo, un corrotto no. La differenza sta nel riconoscersi peccatore davanti a Dio, mentre “alla corruzione si arriva per quella strada dell’indebolimento del cuore” che allontana dal Signore. L’ha detto papa Francesco nell’omelia della messa che ha celebrato stamattina a Casa santa Marta, prendendo spunto dal primo Libro dei Re, parla di Salomone e della sua disobbedienza.

    “Abbiamo sentito una cosa un po’ strana”, ha commentato Francesco: “il cuore di Salomone non restò integro con il Signore, suo Dio, come il cuore di Davide, suo padre”. E’ strano, ha sottolineato, perché di Salomone non conosciamo che abbia fatto grossi peccati, era sempre equilibrato, mentre di Davide sappiamo che ha avuto una vita difficile, che fu un peccatore. Eppure Davide è santo e di Salomone si dice che il suo cuore si era “deviato dal Signore”. Lui che era stato lodato dal Signore quando aveva chiesto la prudenza per governare, invece delle ricchezze. Come si spiega questo? “E’ perché – ha spiegato - Davide quando sa di aver peccato, ogni volta chiede perdono, mentre Salomone, di cui tutto il mondo parlava bene e che anche la regina di Saba aveva voluto incontrare, si era allontanato dal Signore per seguire altri dei, ma non se ne era accorto”.

    “E qui è il problema dell’indebolimento del cuore. Quando il cuore incomincia a indebolirsi, non è come una situazione di peccato: tu fai un peccato, te ne accorgi subito: ‘Io ho fatto questo peccato’, è chiaro. L’indebolimento del cuore è un cammino lento, che scivolo poco a poco, poco a poco, poco a poco… E Salomone, addormentato nella sua gloria, nella sua fama, cominciò a fare questa strada”.

    Paradossalmente "è meglio la chiarezza di un peccato, che l’indebolimento del cuore”; "il grande re Salomone finì corrotto: tranquillamente corrotto, perché il cuore gli si era indebolito”. “E un uomo e una donna col cuore debole, o indebolito, è una donna, un uomo sconfitto. Questo è il processo di tanti cristiani, tanti di noi. ‘No, io non faccio dei peccati grossi’. Ma com’è il tuo cuore? È forte? Resta fedele al Signore, o tu scivoli lentamente?”.

    Il dramma dell’indebolimento del cuore può succedere a tutti noi nella vita. Cosa fare allora? La risposta è: “Vigilanza. Vigilare sul tuo cuore. Vigilare. Tutti i giorni, stare attento a cosa succede nel tuo cuore”. “Davide – la conclusione del Papa - è santo. Era peccatore. Un peccatore può diventare santo. Salomone è stato rigettato perché era corrotto. Un corrotto non può diventare santo. E alla corruzione si arriva per quella strada dell’indebolimento del cuore. Vigilanza. Tutti i giorni vigilare il cuore. Come è il mio cuore, il rapporto con il Signore. E gustare la bellezza e la gioia della fedeltà”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/02/2016 11:21:00 VATICANO
    Papa: l’umiltà è la strada della santità e “l’unica strada per l’umiltà è l’umiliazione”

    Commentando la vicenda di re David, Francesco osserva che egli era un peccatore, ma non un corrotto. “Il fine di Davide, che è la santità, viene tramite l’umiliazione. Il fine della santità che Dio regala ai suoi figli, regala alla Chiesa, viene tramite l’umiliazione del suo Figlio, che si lascia insultare, che si lascia portare sulla Croce – ingiustamente … E questo Figlio di Dio che si umilia, è la strada della santità”.



    16/03/2017 12:30:00 VATICANO
    Papa: “Maledetto l’uomo che confida in se stesso”, nei beni e non nel Signore

    Chi confida nelle ricchezze, nei beni, “nella carne” è su una strada pericolosa che dal peccato, che Dio persona sempre, arriva alla corruzione, “dalla quale non si può tornare indietro”.



    13/02/2014 VATICANO
    Papa: l'umiltà può far trovare la fede a un pagano, le passioni possono farla perdere a un credente
    La riflessione di Francesco sul brano evangelico della cananea che chiede a Gesù di liberare sua figlia dal demonio e sul passo biblico di Salomone che "si corrompe" e cade nell'idolatria.

    04/02/2014 VATICANO
    Papa: anche Dio piange, è un padre che non rinnega, ma aspetta il figliol prodigo
    Papa Francesco ha commentato le figure bibliche di re Davide, che piange la morte del figlio ribelle Assalonne, e di Giàiro, capo della Sinagoga, che prega Gesù di guarire la figlia. "Ci fa pensare alla prima cosa che noi diciamo a Dio, nel Credo: 'Credo in Dio Padre...'. Ci fa pensare alla paternità di Dio".

    16/10/2016 11:21:00 VATICANO
    Papa: I santi, uomini e donne che lottano con la preghiera

    Alla messa in piazza san Pietro, papa Francesco canonizza 7 nuovi santi dall’Europa e dall’America Latina e Centrale. Fra essi due martiri, il “cura Brochero”, caro al pontefice, e la carmelitana Elisabetta della Trinità. “Pregare non è rifugiarsi in un mondo ideale, non è evadere in una falsa quiete egoistica. Al contrario, pregare è lottare, e lasciare che anche lo Spirito Santo preghi in noi”. La Giornata mondiale contro la povertà.





    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®