23 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/10/2016, 10.48

    VATICANO

    Papa: una cosa è accogliere gli omosessuali, altra l’indottrinamento gender a scuola



    Nel volo di ritorno dall’Azerbaijan Francesco ha risposto anche a domande sui viaggi, la pace tra Armenia e Azerbaigian, il prossimo concistoro, l’ecumenismo e il Nobel per la pace. “Le relazioni tra Vaticano e Cina si devono stabilizzare in positivo, si deve fissare in un rapporto e di questo si sta parlando, lentamente … Ma le cose lente vanno bene”. Nel 2017 forse viaggerà in India e Bangladesh.

     

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Una cosa è l’accoglienza e l’accompagnamento di una persona omosessuale, altra cosa è l’indottrinamento gender fatto a scuola. Papa Francesco ha spiegato così, parlando con i giornalisti durante il volo di ritorno dall’Azerbaijan, l’affermazione fatta ieri sulla teoria gender e il fatto che “ho accompagnato nella mia vita di sacerdote, di vescovo e anche di papa persone con tendenza e con pratica omosessuali”.

    In quasi un’ora di conversazione, il Papa ha risposto anche a domande sui viaggi, la pace tra Armenia e Azerbaigian, il prossimo concistoro, l’ecumenismo e il Nobel per la pace. Ha detto che l’anno prossimo andrà a Fatima, “quasi di sicuro in India e Bangladesh”, “in Africa non è sicuro, dipende dalla situazione politica e dalle guerre”, in Colombia “se il processo di pace riesce, quando la vittoria del plebiscito sarà sicura e non si potrà tornare indietro”. E in Cina? “Le relazioni tra Vaticano e Cina si devono stabilizzare in positivo, si deve fissare in un rapporto e di questo si sta parlando, lentamente… Ma le cose lente vanno bene, sempre. Le cose in fretta non vanno bene. Il popolo cinese ha la mia stima. L'altro giorno all'Accademia delle scienze c'è stato un convegno sulla Laudato sì e c'era una delegazione dalla Cina: il presidente cinese mi ha mandato un regalo. Mi piacerebbe andare, ma non penso ancora...”.

    Quanto agli omosessuali, “Li ho accompagnati e avvicinati al Signore, alcuni non possono... Ma le persone si devono accompagnare come le accompagna Gesù. Quando una persona che ha questa condizione arriva davanti a Gesù, lui sicuramente non dirà: ‘Vattene via che sei omosessuale!’. Quello di cui ho parlato è quella cattiveria che oggi si fa con l'indottrinamento della teoria del gender. Mi raccontava un papà francese che a tavola stava parlando con i figli, e ha domandato al ragazzo di dieci anni: ‘Tu che cosa voi fare da grande?’. ‘La ragazza!’. E il papà si è accorto che nei libri di scuola si insegnava la teoria del gender, e questo è contro le cose naturali. Una cosa è che una persona abbia questa tendenza o questa opzione, o anche chi cambia il sesso. Un'altra cosa è fare l'insegnamento nelle scuole su questa linea, per cambiare la mentalità. Queste io le chiamo colonizzazioni ideologiche. L'anno scorso ho ricevuto una lettera di uno spagnolo che mi raccontava la sua storia. Si sentiva ragazzo ma era fisicamente una ragazza. Lo aveva raccontato alla mamma dicendo di voler fare l'intervento chirurgico. La mamma le ha chiesto di non farlo mentre lei era viva. Era anziana, è morta presto. Ha fatto l'intervento, ora è un impiegato di un ministero in Spagna. È andato dal vescovo e il vescovo lo ha accompagnato tanto. Un bravo vescovo questo, ‘perdeva’ tempo per accompagnare quest'uomo. Poi si è sposato, ha cambiato questa identità civile e lui - che in precedenza era lei - mi ha scritto che sarebbe stato di consolazione venire da me. L'ho ricevuto. Mi ha raccontato che nel quartiere dove abitava c'era un vecchio sacerdote, il vecchio parroco, e c'era il nuovo. Quando questo lo vedeva, lo sgridava dal marciapiede: ‘Andrai all'inferno!’. Il vecchio sacerdote ottantenne, invece, gli diceva: ‘Da quanto tempo non ti confessi? Vieni, vieni...’. La vita è la vita, e le cose si devono prendere come vengono. Il peccato è il peccato. Le tendenze o gli squilibri ormonali danno tanti problemi e dobbiamo essere attenti a dire che tutto è lo stesso: ogni caso bisogna accoglierlo, accompagnarlo, studiarlo, discernere e integrarlo. Questo è quello che farebbe Gesù oggi. Per favore però adesso non dite: il Papa santificherà i trans! Già mi vedo le prime pagine dei giornali... È un problema umano, di morale. E si deve risolvere come si può, sempre con la misericordia di Dio, con la verità, ma sempre col cuore aperto”.

    E’ un atteggiamento che Francesco propone anche sul tema del divorzio, delle famiglie ferite e dell’attacco alla famiglia. “L’immagine di Dio non è l’uomo: è l’uomo con la donna. Insieme. Che sono una sola carne quando si uniscono in matrimonio. Questa è la verità. È vero che in questa cultura i conflitti e tanti problemi non ben gestiti e anche filosofie di oggi, faccio questo, quando mi stanco ne faccio un altro, poi ne faccio un terzo, poi ne faccio un quarto, è questa guerra mondiale che lei dice contro il matrimonio. Dobbiamo essere attenti a non lasciare entrare in noi queste idee”. Centrale è la misericordia. “Amoris laetitia parla di come trattare questi casi, le famiglie ferite, e c'entra la misericordia. Le debolezze umane esistono, i peccati esistono, l'ultima parola non ce l'ha la debolezza, non ce l'ha il peccato, ma la misericordia! Nel matrimonio ci sono i problemi, e come si risolvono? Con quattro criteri: accogliere le famiglie ferite, accompagnare, discernere ogni caso e integrare, rifare. Questo significa collaborare in questa ricreazione meravigliosa che ha fatto il Signore con la redenzione. L'Amoris Laetitia si deve leggere tutta, dall'inizio alla fine. C'è il peccato, la rottura, ma anche la cura, la misericordia, la redenzione”.

    Altro tema è stato l’ecumenismo. Francesco è stato toccato dal Patriarca Ilia II, “un uomo di Dio”  che lo ha “commosso”. La via dell’ecumenismo è “pregare gli uni per gli altri. Questo è importantissimo: la preghiera. E secondo, fare cose insieme: ci sono i poveri, lavoriamo insieme con i poveri; c’è questo e questo problema, possiamo farlo insieme? Lo facciamo insieme; ci sono i migranti? Facciamo insieme cose... Facciamo le cose del bene per gli altri. Insieme. Questo possiamo farlo. E questo è il cammino dell’ecumenismo”.

    Come si può arrivare a una pace permanente tra Armenia e Azerbaigian? “L' unico cammino è il dialogo sincero, faccia a faccia, senza accordi sottobanco. Un negoziato onesto. E se non si può arrivare a questo, bisogna avere il coraggio di andare a un Tribunale internazionale, all’Aja per esempio, e sottomettersi al giudizio internazionale. L’altra via è la guerra. Ma con la guerra si perde tutto”.

    E quando andrà a trovare i terremotati italiani? “Mi sono state proposte tre date, due non le ricordo, la terza è la prima domenica di Avvento. Appena rientrato sceglierò. Farò una visita privata, da solo, come sacerdote, come vescovo e come Papa. Vorrei essere vicino alla gente”.

    I cattolici Usa dovrebbero scegliere tra un candidato lontano per molti aspetti dall' insegnamento della Chiesa e un altro che ha fatto dichiarazioni contro i migranti... “In campagna elettorale io non dico mai dico una parola. Il popolo è sovrano, dirò solo: studia bene le proposte, prega e scegli in coscienza. Ma al di là del caso specifico, quando in un Paese qualsiasi ci sono candidati che non danno soddisfazione a tutti, significa che la vita politica di quel Paese è forse troppo politicizzata ma non ha tanta cultura politica”.

    L'arcivescovo di Rouen ha detto che lei ha autorizzato il processo di beatificazione di padre Hamel senza aspettare i cinque anni. “Faremo degli studi, ma l'intenzione è andare su questa linea. Comunque si devono cercare testimonianze fresche per aprire il processo”.

    Quando i nuovi cardinali, e a quali criteri si ispira? “A fine anno, o all' inizio del prossimo. La lista è lunga ma ci sono solo 13 posti. Bisogna cercare un equilibrio. Mi piace che si veda nel Collegio cardinalizio l'universalità della Chiesa, i cinque continenti, e non solo il centro europeo”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/10/2014 VATICANO
    Sinodo: riproporre il messaggio cristiano sulla famiglia a un mondo che vuole solo "sentirsi bene"
    Nella relazione di apertura dei lavori, il card. Erdo ha detto che in un mondo segnato dall'individualismo, la Chiesa non deve cedere al "catastrofismo o all'abdicazione", in quanto esiste "un patrimonio di fede ampio e condiviso". "Non viene messa in questione la dottrina dell'indissolubilità del matrimonio" e il Sinodo non riguarda "le questioni dottrinali, ma le questioni pratiche", "di natura squisitamente pastorale". Papa Francesco: parlare chiaro, dire tutto, ascoltare con umiltà.

    01/10/2016 16:20:00 GEORGIA - VATICANO
    Papa in Georgia: c’è una guerra mondiale contro il matrimonio e “gender” è “il grande nemico”

    Rispondendo alle domande di sacerdoti e seminaristi, Francesco parla del matrimonio come “la cosa più bella che Dio ha creato”. “C’è un grosso peccato contro l’ecumenismo: il proselitismo. Mai si deve fare proselitismo con gli ortodossi”.



    19/11/2016 12:29:00 VATICANO
    Papa ai nuovi cardinali: No al virus della polarizzazione; sì all’inquietudine per tanti nostri fratelli senza fede

    Concistoro pubblico per la creazione di 17 nuovi cardinali. Papa Francesco invita i neocardinali a amare “i nemici” e non “‘demonizzarli’, allo scopo di avere una ‘santa’ giustificazione per toglierceli di torno”. Nel Collegio cardinalizio le diversità geografiche, di lingua, di rito, di colore della pelle sono “una delle nostre più grandi ricchezze”. Tre nuovi cardinali sono legati all’Asia. L’indirizzo di saluto e gratitudine del card. Zenari, nunzio apostolico in Siria. La visita a Benedetto XVI.



    22/12/2008 VATICANO
    Papa: la Chiesa deve difendere il creato e impedire l’autodistruzione dell’uomo
    Lo Spirito ha creato la natura in modo intelligente e ciò fa parte del Credo della Chiesa, che afferma il valore del matrimonio. Il termine ‘gender’ si risolve nella autoemancipazione dell’uomo dal Creatore. La Giornata della gioventù non è “una specie di festival rock modificato in senso ecclesiale, con il Papa quale star”.

    14/06/2013 VATICANO - ANGLICANI
    Papa: a Primate anglicano, insieme per difesa vita, giustizia sociale e cristiani in Siria
    Francesco riceve arcivescovo Welby. Nella nostra storia "momenti dolorosi", ora in cammino per l'unità. E se nel dialogo teologico "sono emerse difficoltà maggiori di quelle che ci si potesse immaginare", ci sono "rapporti cordiali e quotidiana convivenza" che permettono di andare avanti.



    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®