19 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/02/2018, 10.52

    VATICANO

    Papa: unire le forze per prevenire la tratta delle persone e proteggere le vittime



    Appello di Francesco in occasione della Giornata contro la tratta. La speranza di “un mondo in cui i conflitti si risolvono pacificamente con il dialogo e nel rispetto reciproco” sollecitata dalla sfilata congiunta delle due Coree alle Olimpiadi. Durante la messa, il Vangelo va ascoltato “con cuore aperto” e l’omelia va preparata e durare “non più di 10 minuti”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Un appello a “cittadini e istituzioni, a unire le forze per prevenire la tratta e garantire protezione e assistenza alle vittime” e la speranza di “un mondo in cui i conflitti si risolvono pacificamente con il dialogo e nel rispetto reciproco” sollecitata dalla sfilata congiunta delle due Coree alle Olimpiadi invernali hanno concluso l’udienza generale di oggi, dedicata da papa Francesco al Vangelo durante la messa.

    Alle ottomila persone presenti nell’aula Paolo VI, Francesco ha sottolineato che ascoltare il Vangelo è importante, perché è “Parola viva”, che “va ascoltato con cuore aperto” e che l’omelia “deve essere preparata bene con la preghiera e lo studio e dev’essere breve, non più di dieci minuti” e va seguita “prestando attenzione, assumendo cioè le giuste disposizioni interiori, senza pretese soggettive, sapendo che ogni predicatore ha pregi e limiti”.

    Proseguendo nel ciclo di catechesi dedicato alla messa, Francesco ha detto che “l dialogo tra Dio e il suo popolo, sviluppato nella Liturgia della Parola della Messa, raggiunge il culmine nella proclamazione del Vangelo”. E, ha aggiunto, “come i misteri di Cristo illuminano l’intera rivelazione biblica, così, nella Liturgia della Parola, il Vangelo costituisce la luce per comprendere il senso dei testi biblici che lo precedono, sia dell’Antico che del Nuovo Testamento”. “Perciò la stessa liturgia distingue il Vangelo dalle altre letture e lo circonda di particolare onore e venerazione”. Perché “nella Messa non leggiamo il Vangelo per sapere come sono andate le cose, ma per prendere coscienza che ciò che Gesù ha fatto e detto una volta, Egli continua a compierlo e a dirlo adesso anche per noi. Scrive sant’Agostino che «la bocca di Cristo è il Vangelo. Lui regna in cielo, ma non cessa di parlare sulla terra». Se è vero che nella liturgia «Cristo annunzia ancora il Vangelo»,  ne consegue che, partecipando alla Messa, dobbiamo dargli una risposta”.

    “Per far giungere il suo messaggio, Cristo si serve anche della parola del sacerdote che, dopo il Vangelo, tiene l’omelia. Raccomandata vivamente dal Concilio Vaticano II come parte della stessa liturgia, l’omelia non è un discorso di circostanza, né una conferenza o una lezione, ma «un riprendere quel dialogo che è già aperto tra il Signore e il suo popolo», affinché trovi compimento nella vita. L’esegesi autentica del Vangelo è la nostra vita santa! La parola del Signore termina la sua corsa facendosi carne in noi, traducendosi in opere, come è avvenuto in Maria e nei Santi. Ricordate quello che ho detto l’ultima volta, la Parola entra nelle orecchie, va al cuore e arriva nelle mani per compiere opere buone”.

    “Chi tiene l’omelia deve compiere bene il suo ministero, offrendo un reale servizio a tutti coloro che partecipano alla Messa, ma anche quanti l’ascoltano devono fare la loro parte. Anzitutto prestando debita attenzione, assumendo cioè le giuste disposizioni interiori, senza pretese soggettive, sapendo che ogni predicatore ha pregi e limiti. Se a volte c’è motivo di annoiarsi per l’omelia lunga o non centrata o incomprensibile, altre volte è invece il pregiudizio a fare da ostacolo. E chi fa l’omelia deve  essere conscio che non sta facendo una cosa propria, sta predicando la parola di Gesù. E l’omelia deve essere preparata e dev’essere breve. E quante volte vediamo che all’omelia ci si distrae, si chiacchiera o si va fuori a fumare una sigaretta. L’omelia deve essere preparata bene con la preghiera e lo studio e dev’essere breve, non più di dieci minuti.  La responsabilità di chi tiene l’omelia si coniuga con la possibilità – a volte il dovere – di chi sta nei banchi di far presente, nei modi opportuni, le attese che la comunità sente. Non si tratta di accusare ma di aiutare, questo sì. Chi può aiutare i sacerdoti se non i fedeli che sono loro sinceramente vicini? Infine, voglio ricordare che la conoscenza della Bibbia favorisce molto la partecipazione alla liturgia della Parola. Chi non legge abitualmente il Vangelo fa più difficoltà ad ascoltare e comprendere le letture della Messa. Concludendo possiamo dire che nella Liturgia della Parola, attraverso il Vangelo e l’omelia, Dio dialoga con il suo popolo, il quale lo ascolta con attenzione e venerazione e, allo stesso tempo, lo riconosce presente e operante. Se, dunque, ci mettiamo in ascolto della “buona notizia”, da essa saremo convertiti e trasformati, pertanto capaci di cambiare noi stessi e il mondo”.

    Al termine dell’udienza, papa Francesco ha ricordato che “domani, 8 febbraio, memoria liturgica di Santa Giuseppina Bakhita, ricorre la Giornata Mondiale di Preghiera e Riflessione contro la Tratta. Il tema di quest’anno è ‘Migrazione senza tratta. Sì alla libertà! No alla tratta!’. Avendo poche possibilità di canali regolari, molti migranti decidono di avventurarsi per altre vie, dove spesso li attendono abusi di ogni genere, sfruttamento e riduzione in schiavitù. Le organizzazioni criminali, dedite alla tratta di persone, usano queste rotte migratorie per nascondere le proprie vittime tra i migranti e i profughi. Invito pertanto tutti, cittadini e istituzioni, a unire le forze per prevenire la tratta e garantire protezione e assistenza alle vittime. Preghiamo affinché il Signore converta il cuore dei trafficanti e dia la speranza di riacquistare la libertà a quanti soffrono per questa piaga vergognosa”.

    “Dopodomani, venerdì 9 febbraio, si apriranno i XXIII Giochi Olimpici Invernali nella città di PyeongChang, in Corea del Sud, con la partecipazione di 92 Paesi. La tradizionale tregua olimpica quest’anno acquista speciale importanza: delegazioni delle due Coree sfileranno insieme sotto un’unica bandiera e competeranno come un’unica squadra. Questo fatto fa sperare in un mondo in cui i conflitti si risolvono pacificamente con il dialogo e nel rispetto reciproco, come anche lo sport insegna a fare”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/08/2014 COREA - VATICANO - AYD
    Papa: La riconciliazione e la pace, in Corea e nel mondo, possibili solo con la conversione del cuore
    Alla grande messa conclusiva della sua visita apostolica in Corea del Sud, Francesco invita ancora una volta i coreani a "respingere con fermezza una mentalità fondata sul sospetto e a favorire piuttosto una cultura plasmata dall'insegnamento del Vangelo. Abbiate fiducia nella potenza della croce di Cristo!". Tutti i coreani "sono fratelli e sorelle, continuate con gli aiuti umanitari". Una preghiera a braccio per il card. Filoni, inviato in Iraq, e per tutte le minoranze che soffrono in quel Paese. Prima della messa l'incontro con una ex "comfort woman", che gli regala la spilla della sua associazione indossata dal pontefice durante tutta la messa. Ai leader delle altre religioni: "Camminiamo insieme, alla presenza di Dio".

    13/04/2014 VATICANO
    Papa: Sono io come Pilato? Quando la situazione è difficile, me ne lavo le mani?
    L'omelia della domenica delle Palme pronunciata a braccio: "Sono capace di accogliere Gesù che entra a Gerusalemme? O sono come i farisei, come il cireneo, sono come la folla che sceglie Barabba? O sono come l'apostolo che vuole risolvere tutto con la spada? O come le coraggiose donne del sepolcro? Dove è il mio cuore? Questa domanda ci accompagni in tutta la settimana". Subito dopo, all'Angelus, assiste al passaggio della Croce dai giovani brasiliani a quelli polacchi: "Giovanni Paolo II sarà patrono delle GMG. A Dio piacendo, in agosto in Corea!".

    09/04/2013 VATICANO
    Papa: Siria e Corea nel colloquio con Ban Ki-moon
    Il segretario generale dell'Onu in visita a papa Francesco: "le Nazioni Unite e la Santa Sede condividono idee e obiettivi". Esaminate anche questioni riguardanti l'Africa, la tratta delle persone, in particolare delle donne, i rifugiati e i migranti.

    05/08/2014 COREA DEL NORD - VATICANO
    Pyongyang rifiuta l'invito: nessun cattolico del Nord alla messa del Papa
    L'Associazione dei cattolici nordcoreani ha inviato una lettera in cui accusa il governo di Seoul: "Non avete cancellato le esercitazioni militari con gli Usa, la visita è impossibile". Un funzionario della Conferenza episcopale: "Significa che trovano la questione difficile da gestire".

    05/02/2018 08:51:00 COREA
    Kim Yong-nam alla cerimonia d’apertura delle Olimpiadi di Pyeongchang

    Per l’ufficio presidenziale di Moon questa è un’opportunità per dialoghi di alto livello e una prova della buona volontà del Nord. Kim Yong-nam è la figura più importante ad attraversare il confine sin dal 1953.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®