1 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 16/06/2012
LAOS
Paradosso laotiano: vivere accanto a una centrale idroelettrica, senza corrente e acqua potabile
È il mega-impianto di Nam Theun 2, il più grande del Paese con oltre mille megawatt di potenza. Per la costruzione sono stati spesi 1,25 miliardi di dollari e oltre 6mila persone hanno dovuto abbandonare le loro case. Ma nei nuovi villaggi, costruiti vicino alla diga, manca l’energia elettrica e le abitazioni sono soggette ad allagamenti.

Vientiane (AsiaNews/Agenzie) - Il paradosso di vivere accanto a una centrale idroelettrica, che hanno contribuito a costruire col proprio lavoro, e non poter usufruire di energia e acqua potabile. È la condizione di alcune delle migliaia di persone che hanno realizzato la Nam Theun 2, impianto da 1.070 megawatt di potenza, realizzato lungo un affluente del fiume Mekong nella provincia di Khammouane, attivo dal marzo 2010. Per realizzare la diga - la più imponente di tutto il Laos - gli abitanti hanno inoltre dovuto abbandonare i villaggi di origine ed edificare nuove abitazioni lontano dai cantieri. E ora, a due anni di distanza, sono costretti a vivere senza al buio perché privi di elettricità.

Oltre il 90% della produzione della centrale viene venduto alla vicina Thailandia e l'energia che resta nel Paese sembra non bastare nemmeno per rifornire di corrente gli abitanti delle aree circostanti il mega-impianto. Un uomo, che dal distretto di Nakai Plateau si è trasferito a Nhommalat, racconta a Radio Free Asia (Rfa) che nel nuovo centro di Ban Sang mancano "la corrente elettrica e l'acqua potabile". "Viviamo accanto alla diga - aggiunge, chiedendo la garanzia di anonimato - ma non abbiamo luce né acqua".

Fonti locali aggiungono che, di tanto in tanto, le case vengono allagate perché "non vengono annunciate le aperture delle porte" della diga, necessarie per far defluire le acque quando il livello supera la soglia di guardia.

Le testimonianze raccontano il dramma di uno fra i 6.300 contadini, secondo le statistiche governative, che hanno dovuto trasferirsi dal 2005 a oggi per far posto alla diga. Essa convoglia le acque dal fiume Nam Theun al fiume Xe Bang Fai; per la sua realizzazione si è reso necessario un investimento di 1,25 miliardi di dollari, finanziato in parte dalla Banca mondiale e dalla Banca asiatica per lo sviluppo. Nelle previsioni avrebbe dovuto generare una fonte di reddito per i laotiani e ridurre la dipendenza dagli aiuti stranieri.

Tuttavia, gruppi ambientalisti e movimenti ecologisti - fra cui International Rivers - denunciano che l'impianto potrebbe colpire in modo grave non solo le centinaia di abitanti costretti ad abbandonare le case, ma un totale di almeno 100mila persone, che vivono di pesca nel basso bacino del fiume Xe Bang Fai. Al momento in Laos vi sono 14 centrali idroelettriche operative, altre 10 in costruzione e 56 in fase di progettazione o pianificate sulla carta. Fra queste vi è la controversa diga di Xayaburi, la prima da realizzare sul basso Mekong e dall'impatto ambientale enorme secondo gli esperti (cfr. AsiaNews 13/04/2011 Mekong: ambientalisti contro la diga di Xayaburi, ecosistema a rischio).


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
23/06/2012 LAOS
Banca Mondiale: i laotiani attorno alla diga di Nam Theun 2 hanno luce e acqua
19/04/2011 ASIA
Proteste dal Vietnam, il governo laotiano rimanda ogni decisione sulla diga di Xayaburi
06/11/2012 LAOS
Vientiane vuole la diga di Xayaburi. Bangkok favorevole, ambientalisti in guerra
07/07/2012 LAOS
Diga di Xayaburi, Vientiane assicura l'interruzione dei lavori
11/05/2012 LAOS
"Sospesa" la costruzione in Cambogia della diga sul Mekong

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate