25 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/10/2013, 00.00

    COREA

    Partito da Berlino il "treno cristiano per la pace" in Corea



    Il convoglio è stato benedetto alla Porta di Brandeburgo da due pastori del Consiglio mondiale delle chiese e prevede tappe a Mosca, Irkutsk e Pechino. La speranza è quella di passare anche da Pyongyang. L'arrivo il 28 ottobre a Busan in Corea del Sud.

    Berlino (AsiaNews) - È partito ieri da Berlino il Treno per la pace e la riunificazione della Corea, iniziativa lanciata dal Consiglio mondiale delle chiese che spera di riportare l'attenzione mondiale sulla "necessità assoluta" di pacificare la penisola coreana. La partenza è stata benedetta alla Porta di Brandeburgo dal pastore coreano Cho Hyun-jung (v. foto) e dal pastore tedesco Christophe Taileman: entrambi sono poi saliti sul treno.

    Il programma prevede diverse tappe fino al 28 ottobre, data del presunto arrivo a Busan in Corea del Sud. In mezzo ci saranno Mosca, Irkutsk, Pechino e forse Pyongyang. Se le autorità nordcoreane non dovessero concedere il permesso di ingresso al treno - che è piano di volontari cristiani impegnati in una catena di preghiera - il Consiglio nazionale delle chiese coreane prevede di affittare una nave da Dandong (in Cina) fino a Incheon.

    Il Consiglio nazionale delle chiese è una delle pochissime organizzazioni che, insieme agli organi della Chiesa cattolica e alla Croce Rossa, riesce ancora a intrattenere rapporti umanitari con il regime di Kim Jong-un. Pur riconoscendo la necessità di portare avanti il dialogo, negli scorsi anni il Consiglio ha lanciato alcune campagne - come quella dei volantini contro il regime lanciati da palloni aerostatici - che hanno incrinato ancora di più i rapporti fra Seoul e Pyongyang.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/02/2013 COREA
    Consiglio mondiale delle Chiese: I cristiani della Corea del Sud “agenti del Dio della pace”
    È l’auspicio del dottor Olav Fykse Tveit, capo dell'organismo ecumenico, che ha visitato il Paese per preparare l’incontro annuale del gruppo che si terrà a novembre. I fedeli “devono collaborare per far ridiventare la penisola un luogo di pace e giustizia”.

    14/06/2016 07:53:00 COREA
    Corea, un Istituto cattolico per la pace al confine fra Nord e Sud

    L’istituzione è stata inaugurata dal vescovo di Uijeongbu, mons. Pietro Lee Ki-heon: “I cattolici coreani hanno il compito di lavorare per l’evangelizzazione del Nord”. Nella zona sorgono la cattedrale “del pentimento e della riconciliazione” e il Centro per la riconciliazione nazionale. Il nuovo Istituto vuole “porre le basi per diffondere la pace di Cristo in Asia e nel mondo”.



    20/07/2006 Corea del Nord – Corea del Sud
    Pyongyang interrompe gli incontri di riunificazione familiare

    La mossa è interpretata come una rappresaglia per l'adozione della risoluzione di condanna da parte del Consiglio di Sicurezza dell'Onu sui test missilistici. Seoul annuncia la sua intenzione di voler dialogare con il Nord tramite canali non ufficiali.



    21/06/2004 corea del sud - corea del nord
    Preghiera e carità per riconciliare le Coree


    17/05/2007 COREA
    Dopo 50 anni, due treni attraversano il confine fra Nord e Sud
    La riapertura delle linee, che superano il confine militarizzato che separa la penisola, era previsto sin dal 2000. I politici di entrambe le parti sottolineano l’importanza dell’evento, destinato ad aiutare il processo di riunificazione nazionale e di integrazione col mondo.



    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®