20 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 09/01/2017, 12.42

    CINA

    Pastore protestante del Guizhou imprigionato con l’accusa di spionaggio



    Il suo legale: “Non è una sentenza, è una persecuzione. Le accuse non reggono. Come potrebbe aver rivelato segreti di Stato? Penso che Yang Hua sia innocente e che lo abbiano tenuto imprigionato per davvero molto tempo”.

     

     

    Pechino (AsiaNews/agenzie) – Le autorità del Guizhou hanno condannato a due anni e mezzo di detenzione Yang Hua, un pastore protestante appartenente a una chiesa domestica. Ad affermarlo è il suo avvocato, Chen, il quale ha accusato a sua volta il pubblico ministero di aver torturato Yang durante la detenzione.

    In un’intervista a Radio Free Asia, Chen ha affermato che “anche un solo giorno di prigione è troppo per un innocente. Ho solo una cosa da dire, questa non è una sentenza, è una persecuzione politica, pura e semplice”.

    Su Tianfu  – pastore Huoshi amico di Yang –  ritiene la sentenza oltraggiosa e inappropriata: “Dal punto di vista legale le accuse mosse contro Yang non reggono. Come potrebbe aver rivelato segreti di Stato? Penso che Yang Hua sia innocente e che lo abbiano tenuto imprigionato per davvero molto tempo”.

    Bob Fu, fondatore di ChinaAid, critica la sentenza sul sito web dell’associazione: “Questo non è altro che una barbara persecuzione religiosa. Insistiamo che il presidente degli Stati Uniti Barak Obama e il neo eletto presidente Donald Trump condannino queste azioni brutali”

    In Cina vivono circa 68 milioni di protestanti, 23 dei quali praticano la religione in chiese affiliate allo Stato.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/07/2007 UZBEKISTAN
    Torture fisiche e mentali per far abiurare i cristiani detenuti
    Continuano le violenze e le minacce contro i protestanti, puniti anche se si riuniscono in casa per pregare. Il pastore Shestakov, condannato a 4 anni di detenzione, è detenuto lontano da casa in pessime condizioni igieniche, con guardie che usano la minaccia per farlo abiurare.

    05/01/2018 12:34:00 CINA
    Il Consiglio mondiale delle Chiese visita i protestanti in Cina (ma solo quelli ufficiali)

    La delegazione ecumenica sarà nel Paese dal 7 al 16 gennaio. Previsti incontri con le autorità dell’Ufficio affari religiosi e con il Movimento delle tre autonomie; predicazioni nelle più antiche chiese protestanti di Pechino; visite a Shanghai e a Xian. Ma i cristiani non ufficiali (80 milioni) sono più numerosi di quelli ufficiali (20 milioni) e criticano la sudditanza del Movimento al Partito.



    29/09/2005 CINA
    Cina, attivista cristiano rilasciato dopo 2 anni di lavori forzati


    08/10/2007 CINA
    Scomparsi da luglio, nove leader protestanti “riappaiono” nei lager
    Il governo li ha arrestati e condannati per “crimini contro lo Stato, organizzati durante gli incontri di un culto diabolico”. Fra di loro una donna di 42 anni, costretta a subire un’isterectomia urgente dopo le torture subite in carcere.

    28/10/2005 Cina
    Cina, arrestati due preti della Chiesa non ufficiale

    L'arresto è avvenuto dopo che i 2 hanno concelebrato la messa solenne di chiusura dell'Anno dell'Eucarestia. Entrambi erano già stati fermati nel 1999.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®