09/01/2017, 12.42
CINA

Pastore protestante del Guizhou imprigionato con l’accusa di spionaggio

Il suo legale: “Non è una sentenza, è una persecuzione. Le accuse non reggono. Come potrebbe aver rivelato segreti di Stato? Penso che Yang Hua sia innocente e che lo abbiano tenuto imprigionato per davvero molto tempo”.

 

 

Pechino (AsiaNews/agenzie) – Le autorità del Guizhou hanno condannato a due anni e mezzo di detenzione Yang Hua, un pastore protestante appartenente a una chiesa domestica. Ad affermarlo è il suo avvocato, Chen, il quale ha accusato a sua volta il pubblico ministero di aver torturato Yang durante la detenzione.

In un’intervista a Radio Free Asia, Chen ha affermato che “anche un solo giorno di prigione è troppo per un innocente. Ho solo una cosa da dire, questa non è una sentenza, è una persecuzione politica, pura e semplice”.

Su Tianfu  – pastore Huoshi amico di Yang –  ritiene la sentenza oltraggiosa e inappropriata: “Dal punto di vista legale le accuse mosse contro Yang non reggono. Come potrebbe aver rivelato segreti di Stato? Penso che Yang Hua sia innocente e che lo abbiano tenuto imprigionato per davvero molto tempo”.

Bob Fu, fondatore di ChinaAid, critica la sentenza sul sito web dell’associazione: “Questo non è altro che una barbara persecuzione religiosa. Insistiamo che il presidente degli Stati Uniti Barak Obama e il neo eletto presidente Donald Trump condannino queste azioni brutali”

In Cina vivono circa 68 milioni di protestanti, 23 dei quali praticano la religione in chiese affiliate allo Stato.

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Torture fisiche e mentali per far abiurare i cristiani detenuti
03/07/2007
Il Consiglio mondiale delle Chiese visita i protestanti in Cina (ma solo quelli ufficiali)
05/01/2018 12:34
Cina, attivista cristiano rilasciato dopo 2 anni di lavori forzati
29/09/2005
Scomparsi da luglio, nove leader protestanti “riappaiono” nei lager
08/10/2007
Cina, arrestati due preti della Chiesa non ufficiale
28/10/2005