31 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 13/09/2012, 00.00

    LIBANO - VATICANO

    Patriarca Rai: Il Papa chiede la pace per la Siria. Il film anti-Islam offende tutti noi

    Paul Dakiki

    Il capo della Chiesa maronita spiega che Benedetto XVI viene come testimone di pace per il Medio oriente e domanda a Stati, parti interessate e mercenari di fermare il commercio e l'uso delle armi. Cristiani e musulmani insieme per una reale Primavera araba. Il film che denigra Maometto è un'offesa per tutte le religioni. Non è ancora chiara l'identità del regista e produttore.

    Bkerke (AsiaNews) - Durante la sua visita in Libano, Benedetto XVI chiederà pace per la Siria e un blocco alla vendita di armi nella regione. È quanto affermato dal patriarca Bechara Rai, in una conferenza stampa tenuta stamane. Il capo della Chiesa maronita ha anche definito "vergognoso" il film anti-islam che ha provocato manifestazioni, violenze e morti in Libia.  "Questo film - ha aggiunto - ci offende tutti".

    Il viaggio che il papa sta per compiere dal 14 al 16 settembre vuole "fermare la spirale di violenza e di odio in Siria", ha spiegato il patriarca, ma anche chiedere "che coloro che vendono armi all'uno o all'altro gruppo" si fermino. Iniziate come un prolungamento della Primavera araba, le tensioni in Siria sono giunte a una vera e propria guerra civile, che ha causato la morte di decine di migliaia di persone. Governi occidentali, insieme ad Arabia saudita e Qatar sostengono i ribelli, con denaro e armi. La Russia, la Cina  e l'Iran sostengono invece Bashar Assad e il suo governo.

    "La guerra - ha precisato Rai - non è combattuta in nome dell'islam o del cristianesimo, ma da Stati, da parti interessate, da mercenari".

    "Cristiani e musulmani - ha poi proseguito - devono unirsi attorno ad alcuni valori per gettare le fondamenta di una reale Primavera araba". Il papa viene in Libano per firmare e diffondere l'Esortazione apostolica seguita al Sinodo sul Medio oriente, celebrato a Roma nell'ottobre 2010, in cui si sono discussi molti aspetti e valori presenti nei movimenti che stanno cambiando il mondo arabo. "La visita del papa - ha aggiunto il patriarca - è un appello alla pace in Medio oriente, alla separazione della religione dallo Stato, all'accettazione dell'altro e della diversità nell'unità".

    Riferendosi poi al film "Innocence of Muslims", il film anti-islam, prodotto da un ebreo americano, il patriarca ha detto che "il film è offensivo non solo verso i musulmani, ma verso tutte le religioni". "Le Nazioni Unite - ha aggiunto - e la comunità internazionale dovrebbero prendere una posizione ferma riguardo a questo genere di offese".

    Il film, di basso costo e di bassa qualità, sembra essere stato costruito proprio per offendere i musulmani. Secondo quanto dichiarano gli attori, la storia su cui essi hanno lavorato non centrava per nulla con Maometto. Invece, durante il doppiaggio, sono stati cambiati i dialoghi. La pellicola, che è stata proiettata solo una volta a Hollywood, dipinge Maometto come un omosessuale, un violento, un pedofilo, un sostenitore degli abusi sui bambini. Non è ancora chiara l'identità del regista e produttore: egli si fa chiamare Sam Becile, ma negli archivi di Los Angeles a questo nome sono legati molti alias.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/09/2012 LIBANO - VATICANO
    Benedetto XVI in visita a un Medio Oriente in ebollizione
    Il papa va in Libano per la consegna dell'Esortazione apostolica seguente al Sinodo del 2010. Da allora la regione si è trasformata in modo radicale: la crisi siriana, le tensioni Israele-Iran, la crisi economica, le violenze contro i cristiani. Il pontefice e la Santa Sede sono impegnati su tutti questi temi, ma è urgente lavorare per l'unità dei cristiani e per la loro testimonianza nel mondo arabo. La primavera araba è un alleato della missione dei cristiani. Molti pensavano a un rinvio di questo viaggio. Ma la "paura" non ferma la barca di Pietro.

    14/09/2012 LIBANO - VATICANO
    Papa: Vengo in Libano come pellegrino di pace, amico di tutti gli abitanti della regione
    Benedetto XVI arriva all'aeroporto Rafic Hariri, accolto da politici e personalità religiose cristiane e musulmane. Nessun accento politico nel suo discorso, ma la sottolineatura che la convivenza fra diverse religioni e culture è possibile. Il modello libanese per il Medio oriente e tutto il mondo. Il suo fondamento è la "presenza di Dio" nella vita personale e sociale, senza sbandamenti laicisti. I vescovi siriani di Aleppo impossibilitati a lasciare il Paese per recarsi a incontrare il papa.

    14/09/2012 LIBANO - VATICANO
    Papa: Sì alla primavera araba; no al fondamentalismo e alle armi
    In viaggio verso Beirut, Benedetto XVI risponde ad alcune domande poste dai giornalisti al seguito. Il pontefice si sente "felice" e "sicuro" in questo viaggio e non ha mai pensato di rinunciarvi. In Siria soffrono ed emigrano i cristiani, ma anche i musulmani.

    14/09/2012 LIBANO - VATICANO
    Il papa firma l'Esortazione apostolica sul Medio oriente, atto di fede nella vittoria della Croce
    Nella basilica greco-melkita di St Paul, Benedetto XVI, incontra patriarchi e vescovi cattolici e ortodossi, musulmani sunniti e sciiti, drusi, personalità della società civile e politica. Ecclesia in Medio Oriente è una risposta di fede ai problemi della regione e alla disperazione di tanti, "una via per ritrovare l'essenziale". Senza paura e senza timori, i cristiani sono chiamati ad essere luce fra le tenebre.

    16/09/2012 LIBANO - VATICANO
    Musulmani libanesi al Papa : Colpire una chiesa è come colpire una moschea
    Molte personalità e giovani musulmani hanno apprezzato la visita di Benedetto XVI in Libano e il suo messaggio per i popoli del Medio Oriente. Sunniti e sciiti libanesi difendono la presenza cristiana in Libano, necessaria allo sviluppo della nazione.



    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®