20/12/2017, 10.27
IRAQ
Invia ad un amico

Patriarca caldeo: Natale, dai cristiani irakeni preghiere e solidarietà per Gerusalemme

Nel messaggio ai fedeli mar Sako rivolge un pensiero alla “città santa per cristiani, musulmani ed ebrei”. All’Iraq da poco liberato dall’Isis l’invito a restaurare case e città. Cristiani e musulmani devono ricostruire la loro patria “mano nella mano” in un’ottica di “tolleranza e coesistenza, pace e sicurezza”. 

 

Baghdad (AsiaNews) - Un invito ai cristiani irakeni perché manifestino “solidarietà” con il popolo palestinese, che “soffre da 70 anni per ingiustizie e sradicamento” e la preghiera perché “Gerusalemme resti sempre una città santa per cristiani, musulmani ed ebrei”. Lo sottolinea il patriarca caldeo di Baghdad, Louis Raphael Sako, nel messaggio rivolto ai fedeli in occasione del Natale e trasmesso per conoscenza ad AsiaNews. Il primate irakeno rivolge quindi un pensiero al Paese da poco liberato dalla minaccia dello Stato islamico (SI, ex Isis), affinché “le case siano restaurate e le città ricostruite. Questa è una ‘grande’ sfida, che dobbiamo affrontare per raggiungere una ‘Nuova Fase’ basata sui principi fondamentali”. 

Mar Sako ricorda le discriminazioni del passato contro i cristiani, le minacce e gli abusi perpetrati dai jihadisti che hanno determinato la fuga dalle loro case, dalle loro terre nella piana di Ninive. Un esodo che ha pressoché dimezzato la comunità cristiana nazionale, rispetto all’1,5 milioni di persone prima dell’invasione americana del 2003. Oggi la liberazione di quelle aree  “obbliga il governo irakeno come ‘madre adottiva di tutti’ a lavorare in modo serio, per favorire il ritorno dei cristiani nelle loro case e proprietà”. All’esecutivo spetta inoltre il compito di “preservare i loro diritti, in quanto popolazione nativa”, riconoscerne “la cultura, civilizzazione e patrimonio” come “parte essenziale della storia dell’Iraq”.

In occasione del Natale, il primate caldeo esorta i fedeli a “liberarsi dalle loro paure, pessimismo e interessi personali” forieri di “divisione” in passato. Da qui il rinnovato invito a unire le forze “per consolidare la loro presenza e il loro ruolo negli affari pubblici e nel processo politico” in un’ottica di vero “partenariato nazionale, lontano dalla dipendenza e dalla custodia”. 

Con la speranza che siano ormai alle spalle guerra e terrorismo, crisi economica e corsa agli armamenti, le violenze jihadiste sfociate nella barbarie dello SI, prosegue il prelato, la speranza per il futuro è che si possano centrare gli obiettivi di “sicurezza e stabilità”. Fra le priorità individue dal primate caldeo, vi sono: consolidare le fondamenta di una vera cittadinanza; risolvere i problemi pendenti in modo pacifico e attraverso il dialogo, in particolare “la questione del Kurdistan”; eliminare la corruzione; mettere fine a una diffusa discriminazione di stampo confessionale; promuovere riforme radicali in ambito giuridico, politico, sociale, educativo ed economico; fissare per tempo la data di nuove elezioni. 

La speranza è che i cristiani possano ricostruire la loro patria, il loro futuro “mano nella mano con i loro fratelli musulmani, perché - avverte il patriarca caldeo - il futuro non si può costruire senza tolleranza e coesistenza” per dare nuovo lustro a quel “mosaico così bello che è l’Iraq”. Ecco perché, aggiunge, “dobbiamo camminare insieme sulla strada della speranza” con l’aiuto e la vicinanza della comunità internazionale. “Questa è la nostra terra e qui vogliamo restare”. 

Da ultimo, mar Sako si rivolge alla Chiesa irakena, che deve essere capace di “leggere i segni dei tempi” e rispondere “alle frequenti invocazioni di papa Francesco”, il quale esorta la comunità cristiana ad “approfondire” l’elemento spirituale abbandonando brama di “potere e denaro”. A questo si aggiungono “iniziative sincere” in direzione “dell’unità” seguendo le orme di Gesù Cristo. 

“E nei confronti dei musulmani - conclude il prelato - è necessario un dialogo onesto […] un dialogo che deve andare oltre i formalismi” per “stabilire pace e sicurezza, oltre che promuovere i valori della tolleranza, della giustizia, della libertà e della dignità per tutti”.(DS)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Sinodo caldeo: rilanciare la presenza cristiana in Iraq e libertà per i vescovi siriani
13/06/2013
Patriarca di Baghdad: cittadinanza ed educazione religiosa, per la pace in Medio oriente
12/09/2015
Mar Sako, tre anni da patriarca: unità e servizio per il futuro della Chiesa in Iraq
30/01/2016 09:14
Patriarca di Baghdad: I cristiani fanno parte dell'Iraq, questa tempesta passerà
21/07/2014
Cristiani di Karamles: il Natale a casa, un ‘nuovo inizio’ dopo la barbarie dell’Isis
23/12/2017 09:18