30/12/2019, 11.32
IRAQ
Invia ad un amico

Patriarca caldeo: in Iraq è tempo per un partito fra cristiani

Nel Paese vi sono personalità cristiane di primo piano nella politica, nel diritto, nella cultura. Per il card Sako è essenziale “evitare di disperdere” le forze e competenze, dividendo la comunità in partiti e fazioni. Emigrazione esterna ed emarginazione interna le prime sfide da affrontare. Cittadinanza e Costituzione i criteri sui quali costruire la convivenza. 

Baghdad (AsiaNews) - Oggi è “necessario, prima che sia troppo tardi” pensare a una “strategia cristiana unificata” da riassumere all’interno di un “documento” cui aderire e che porti il nome di “Gruppo dei partiti cristiani” o Alleanza cristiana. È quanto scrive in un appello ai fedeli in Iraq e nella diaspora, e inviato per conoscenza ad AsiaNews, il patriarca caldeo card Louis Raphael Sako, che lancia con forza il progetto di un partito cristiano unificato per avere maggiore forza e rappresentatività. “Più di un osservatore - avverte il porporato - ritiene che oggi vi sia una eccellente opportunità per i cristiani di formare un’unica alleanza che includa tutti i partiti, le élite intellettuali, specializzazioni e competenze, in special modo fra i giovani”. 

Il card Sako ricorda che fra i cristiani irakeni vi sono personalità di primo piano nel mondo del diritto, della politica, della sociologia, dell’economia e dei media. Per questo è importante evitare di disperdere queste competenze e “dividere i cristiani in vari partiti e fazioni”, ciascuno dei quali vuole avere “la supremazia” sugli altri. 

Per il primate caldeo è tempo che la leadership cristiana “pensi con attenzione a una revisione al suo interno” e “si assuma la responsabilità di una riunificazione” in un contesto di grandi sfide e difficoltà. Fra le tante il porporato ricorda l’emigrazione e l’emarginazione nel mondo del lavoro, l’indebolimento della rappresentatività politica e l’inefficacia del sistema delle quote, la dispersione dei partiti assiri, siriaci e caldei, le sfide demografiche nella regione, la revisione della Costituzione. 

Dopo l’invasione Usa del 2003 e gli anni di violenze confessionali, dopo l’ascesa dello Stato islamico (SI, ex Isis) oggi sconfitto sul piano militare, ma non su quello ideologico, l’Iraq si trova a vivere e affrontare nuove sfide. Le feste del Natale sono giunte in un contesto critico, per un Paese teatro dal primo ottobre di un vasto movimento di protesta contro governo e autorità.

Le manifestazioni, represse con la forza dalla polizia, hanno portato alle dimissioni del premier Adel Abdul Mahdi, ma i dimostranti - senza distinzioni etniche, confessionali, religiose - mirano alla caduta dell’intera classe politica. La stretta si è rafforzata a fine novembre, in seguito al doppio assalto al consolato iraniano a Najaf, e ha causato un totale di oltre 450 morti e 20mila feriti.

Solo un’alleanza fra partiti e movimenti, prosegue il card Sako, può garantire maggiore forza decisionale sia a livello di governo centrale, a Baghdad, che nella regione autonoma del Kurdistan. Egli sottolinea che, da un lato, è inevitabile inserire la denominazione “cristiana” nel nome del partito e invita a lasciare “da parte le differenze” sebbene ciascuno debba “seguire la propria nazionalità, tradizioni e chiesa: caldei, siriaci, assiri e armeni”. 

Infine, egli traccia per punti le priorità da seguire per il futuro prossimo: in primis, formare un comitato di professionisti del diritto e della politica […] per promuovere e sostenere i diritti dei cristiani a partire dalla Costituzione (status personale, matrimonio, successione) e sancire come feste nazionali il Natale e la Pasqua, come avviene per le principali ricorrenze musulmane; dar vita a curriculum educativi che rafforzino l’unità nazionale e incorporare il nostro patrimonio (cristiano) nel patrimonio nazionale; contrastare il cambiamento demografico e l’esproprio delle terre, in particolare nella piana di Ninive “dove si gioca il futuro dei cristiani irakeni”; ridurre la migrazione, creare opportunità di lavoro e favorire gli investimenti per un ritorno degli espatriati; media e istituzioni indipendenti; creare un gruppo di lavoro che segua le questioni inerenti i cristiani nei dipartimenti statali; rafforzare le relazioni con i cittadini arabi, turkmeni, yazidi, curdi, Sabei e Mandei secondo il criterio della comune appartenenza ai valori costituzionali e alla cittadinanza. 

“infine - conclude il patriarca Sako - da parte nostra, come Chiesa, siamo pronti a sostenere” il perseguimento di questi obiettivi se vi sono persone “serie e sincere, disposte a farli propri”. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Card Sako: Natale a Baghdad, cancellata la messa di mezzanotte
19/12/2019 10:33
Card. Sako: Natale in Iraq, una vita nuova per riscattare tristezza e dolore
18/12/2019 08:05
Iraq, sei vittime nei nuovi scontri fra polizia e manifestanti anti-governativi
21/01/2020 08:55
Card Sako: la fratellanza umana linea guida per un nuovo Iraq, unito e plurale
13/12/2019 09:59
Patriarca caldeo: Il futuro dei cristiani irakeni passa dalla piana di Ninive
09/12/2019 09:44