27 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 02/02/2015, 00.00

    IRAQ

    Patriarca di Baghdad: "Non parole ma gesti concreti contro il terrorismo". A gennaio oltre 1300 morti

    Joseph Mahmoud


    Intervenendo alla settimana (governativa) per l’Armonia fra religioni, Mar Sako chiede di bloccare le risorse finanziare del terrorismo e smantellare la cultura della violenza: "Basta sfruttare la religione per finalità criminali". Ma a Mosul lo Stato islamico vende al mercato i beni rubati ai cristiani. E solo nel mese scorso ci sono state quasi 800 vittime civili.

    Baghdad (AsiaNews) - "La condanna in sé non è abbastanza, bisogna cominciare a porre in atto i rimedi: partendo dal bloccare le risorse [finanziare] all'estremismo e al terrorismo; e smantellare questa terribile cultura, i suoi teorici e i sostenitori, dando vita a una nuova cultura, aperta e positiva, che rispetta le diversità e le visioni differenti". È quanto ha sottolineato Sua Beatitudine Mar Louis Raphael I Sako, intervenendo ad un simposio organizzato nel fine settimana a Baghdad, nel contesto della "Settimana dell'armonia fra religioni diverse". Per il patriarca caldeo è necessario "cambiare" il programma di insegnamento della storia e della religione, nelle scuole e non solo, valorizzando l'elemento "positivo" e l'importanza del "rispetto" che è contenuto all'interno di ciascuna fede. "Dobbiamo essere uniti - avverte - e fare qualcosa prima che sia troppo tardi". 

    Al simposio incentrato sull'Armonia fra religioni (nella foto), nel contesto della settimana dedicata alla coesistenza fra fedi diverse che si è tenuto il 31 gennaio a Baghdad, hanno partecipato fra gli altri il presidente della Repubblica Fouad Massoum e il Primo Ministro Haider al-Abadi. Altre personalità presenti all'incontro il presidente del Parlamento irakeno Salim al-Joubour, deputati, ministri di governo, ambasciatori e leader religiosi cristiani, musulmani yazidi e sabei.

    Parole di "riconciliazione" e "indissolubilità" sono state espresse anche dal presidente irakeno, dal premier Abadi e dal presidente della Camera; dai massimi vertici della politica e delle istituzioni del Paese viene dunque rilanciato il compito di "proteggere l'unità nazionale" e assicurare condizioni di vita dignitose per "tutto il popolo d'Iraq".

    Nel suo intervento Mar Sako ha parlato contro quanti sfruttano la religione per "finalità criminali e terroristiche"; si tratta di azioni violente e "dobbiamo smettere di dire che sono fatte in nome di Dio", perché egli dice che "non dobbiamo uccidere, non dobbiamo rubare, non dobbiamo...". Le religioni, avverte, sono le vere "vittime", perché "stanno morendo" cristiani, musulmani sabei yazidi arabi, curdi. Per il patriarca caldeo è tempo di "respingere" la cultura della morte, mettere fine a conflitti e disaccordi, diventare promotori di una vera riconciliazione che "possa salvare il Paese e il suo popolo" da uccisioni, migrazioni, ruberie di beni personali e distruzione di infrastrutture. 

    Intanto fonti di Ankawa.com a Mosul, roccaforte dello Stato islamico, riferiscono che i miliziani hanno aperto uno "speciale mercato", nel quale vengono messi in vendita "beni e oggetti appartenenti ai cristiani", abbandonati durante la fuga e finiti nelle mani dei terroristi. Gli oggetti sarebbero stati presi all'interno delle abitazioni, ora occupate da famiglie musulmane; fra gli altri vi sarebbero anche beni e oggetti sacri derubati dalle chiese della città. Testimoni, dietro anonimato, aggiungono che il mercato si chiama "Spoils of Nasara", il bottino dei cristiani, e conterrebbe televisori, frigoriferi, apparecchi elettrici e altri oggetti di largo consumo. 

    Infine, secondo una stima delle Nazioni Unite i combattimenti e le violenze in Iraq - nel solo mese di gennaio appena concluso - hanno causato la morte di almeno 1.375 persone, di cui 790 sono civili e 585 membri della sicurezza irakena. Attentati, esplosioni, omicidi mirati e assalti hanno portato al ferimento di altre 2.240 persone, anche in questo caso in prevalenza civili.

    Fonti Onu avvertono però che il numero delle vittime potrebbe essere anche di molto maggiore, poiché il conflitto in corso fra forze di sicurezza irakene e Stato islamico impedisce una verifica esatta delle cifre, in particolare nei territori controllati dai jihadisti come Mosul. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/01/2015 IRAQ
    Mar Sako, due anni da Patriarca caldeo: la sfida è “l’unità della Chiesa in Oriente”
    Nel secondo anniversario della sua elezione, il patriarca lancia un appello per l’unità delle Chiese orientali e annuncia la formazione di “un comitato congiunto di dialogo”. Egli ricorda la “missione gioiosa” di “testimonianza” del Vangelo “per il mondo di oggi”. Infine, Mar Sako chiede di “restare” vicini alla sofferenza dei “nostri fratelli sfollati di tutte le denominazioni”.

    26/09/2014 IRAQ
    Patriarca di Baghdad: Cristiani irakeni, siate fedeli al Vangelo nella vostra terra
    Mar Sako ha inviato una lettera ai fedeli, richiamando l’appartenenza alla terra irakena. Essa “non è solo polvere”, ma "fattore di identità, lingua e costumi”, e ancora di “tradizioni, storia, memoria”. In un periodo storico di sofferenze e persecuzioni, egli invita a rimanere fedeli a Cristo secondo l’opera dello Spirito Santo.

    07/08/2015 IRAQ
    Mar Sako: ad un anno dalla tragedia di Mosul, solo unità e riconciliazione salveranno l’Iraq
    Nel primo anniversario del grande esodo dalla piana di Ninive, il patriarca caldeo invia una lettera appello al governo e al Parlamento. Egli denuncia le difficili condizioni in cui vivono ancora oggi cristiani e yazidi, e le migliaia di morti fra i musulmani. La pace unica risposta alla violenza dei gruppi estremisti che “sfruttano la religione”.

    05/08/2015 IRAQ
    Vescovo curdo: raid aerei turchi nuova minaccia per i cristiani fuggiti dallo Stato islamico
    Mons. Rabban al Qas, vescovo di Duhok, afferma che gli attacchi dei caccia di Ankara “cominciano a fare paura”. Le bombe provocano danni e vittime, i timori alimentano “il desiderio di fuga”. Intanto i profughi della piana di Ninive cercano di ricostruirsi una vita, con una casa e un lavoro. Nel fine settimana 50 bambini della diocesi riceveranno la prima comunione.

    03/08/2015 IRAQ
    Arcivescovo di Erbil: scuola, istruzione per salvare i cristiani dalla barbarie dello Stato islamico
    Ad un anno dall’invasione della piana di Ninive. mons. Bashar Warda racconta la situazione dei profughi cristiani. La regione curda è “sicura” ma “aspettiamo la liberazione” delle nostre terre. Alloggi, strutture sanitarie, scuole le priorità. L’istruzione e l’alfabetizzazione dei ragazzi la risposta alle violenze jihadiste, per il futuro dei cristiani in Iraq.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®