20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/01/2015, 00.00

    LIBANO-MEDIO ORIENTE

    Patriarchi dell'Oriente: Per la pace occorre fermare il terrorismo, aiutare i profughi, risolvere il problema israelo-palestinese

    Paul Dakiki

    Un incontro ecumenico a Bkerke per affrontare le difficoltà in cui versano le comunità cristiane. Presenti i rappresentanti di diverse confessioni cattoliche, ortodosse, armene, protestanti. Appello alla comunità araba e a quella internazionale perché non finanzino e armino i terroristi. Incrementare gli aiuti ai profughi e affrettare il ritorno alle loro case. Urgente l'elezione di un presidente per il Libano.

    Beirut (AsiaNews) - Un incontro dei patriarchi e dei leader cristiani dell'Oriente si è tenuto ieri a Bkerke, sede del patriarcato libanese per affrontare la situazione dei cristiani in Medio oriente e domandare alla comunità araba e internazionale di non appoggiare il terrorismo, aiutando nell'emergenza dei profughi e lavorando per il loro ritorno in patria. E' necessario anche un impegno per trovare una soluzione alla crisi israelo-palestinese.

    Il patriarca Beshara Rai ha detto che l'obbiettivo del raduno era di conoscere più fa vicino la situazione dei rifugiati cristiani e quella dei fedeli che hanno deciso di rimanere nel loro Paese, nonostante la guerra e le difficoltà. Per essi, ha aggiunto, è urgente aiutarli a garantire un lavoro, scuole, alloggi perché "possano restare nei loro rispettivi Paesi e preservare così la loro tradizione e missione cristiane".

    L'altro obbiettivo è un appello "alle due comunità araba e internazionale" perché vengano in aiuto ai rifugiati, aiutando il loro rimpatrio e aiutandoli a costruire le abitazioni. Questo può essere fatto "mettendo fine alla guerra in Siria e in Iraq con mezzi pacifici, mediante negoziati politici e un dialogo serio fra i belligeranti, neutralizzando le organizzazioni terroriste". Ciò può essere ottenuto se le comunità araba e internazionale "cessano di sostenere [i terroristi] dal punto di vista finanziario e militare, chiudendo le frontiere dove è necessario per impedire la circolazione dei mercenari".

    "I disegni politici ed economici - ha aggiunto - non giustificano tali aggressioni terribili contro l'umanità".

    Per i patriarchi e i leader cristiani, è necessario anche lavorare per risolvere la crisi israelo-palestinese, sulla base della formula "due popoli, due Stati", permettendo il ritorno dei rifugiati alle loro case. "E' evidente - ha affermato il patriarca Rai - che i due conflitti israelo palestinese e israelo-arabo sono all'origine delle disgrazie che noi viviamo oggi in Medio Oriente".

    I leader cristiani domandano uno sforzo maggiore dei governi e delle organizzazioni non governative a favore dei rifugiati e chiedono un impegno maggiore per ottenere la liberazione di tutte le persone rapite, o detenute, siano esse civili, militari o personalità religiose. Fra queste vi sono i due vescovi, il greco-ortodosso di Aleppo, Boulos Yazigi, e il siriaco ortodosso, Youhanna Ibrahim, nelle mani di gruppi fondamentalisti in Siria da quasi due anni.

    Un pensiero è stato rivolto alla situazione del Libano, dal maggio scorso senza presidente e con i gruppi politici cristiani e musulmani che ne boicottano l'elezione.

    All'incontro hanno partecipato Youhanna Yazigi, patriarca greco-ortodosso; Mar Aghnatios Afram II, patriarca siro-ortodosso; Gregorio III Laham, patriarca greco-cattolico; Mar Aghnatios Youssef III Younane, patriarca siro-cattolico; Joseph Arnaout, rappresentante del Catholicos armeno di Cilicia, Nercès Bedros IX; Michel Kassargi, vescovo caldeo in Libano; il pastore Sélim Sahyoun, presidente del Consiglio superiore della comunità evangelica in Libano e Siria; il nunzio apostolico Gabriele Caccia; diversi rappresentanti di organismi caritativi cattolici, ortodossi e protestanti.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/08/2015 LIBANO – VATICANO
    La beatificazione di Michel Melki e quella futura dei martiri irakeni e siriani
    Il martirio del vescovo siro-cattolico, sotto l’impero Ottomano, intrecciato con le persecuzioni di oggi in Siria, Iraq e tutto il Medio oriente. Il via alla causa di beatificazione degli uccisi nell’attentato alla cattedrale di Nostra Signora del Perpetuo soccorso a Baghdad (2010). Le grandi potenze indifferenti al destino dei cristiani e hanno smarrito la coscienza di fronte ai rifugiati.

    12/08/2017 12:13:00 LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.



    30/01/2015 VATICANO
    Papa: "costernazione e dolore per quanto accade in Medio Oriente, specialmente in Iraq e in Siria"
    Ricevendo la Commissione mista internazionale per il dialogo teologico tra la Chiesa cattolica e le Chiese ortodosse orientali, Francesco prega "affinché si trovi presto una soluzione negoziata" per tale "immane tragedia".

    05/06/2014 VATICANO
    Papa: sofferenze nel passato del popolo armeno e nel presente dei cristiani del Medio Oriente
    L'incontro di Francesco con Aram I, Catholicos della Chiesa armena apostolica di Cilicia. Nel "cammino verso la piena comunione, condividiamo le stesse speranze e lo stesso impegno responsabile". Fiducia e speranza: ne hanno bisogno i cristiani che "vivono in zone martoriate dal conflitto e dalla violenza", ma anche noi che "spesso rischiamo di perderci nei deserti dell'indifferenza e della dimenticanza di Dio".

    08/08/2014 LIBANO - MEDIO ORIENTE
    I confini del nuovo Medio oriente, tracciati con il sangue dei cristiani
    Il dramma dei cristiani irakeni nell’incontro dei patriarchi orientali cattolici e ortodossi nel nord del Libano. I tentacoli della piovra jihadista si allungano anche sul Libano. La battaglia di Arsal simbolo della ribellione al gioco islamista. Preoccupano i dubbi sulla capacità dell’esercito di Beirut di respingere la minaccia e l’impasse politica sull’elezione del presidente della Repubblica.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®