27/03/2019, 11.50
CINA
Invia ad un amico

Pechino, le autorità chiudono la chiesa protestante di Shouwang

La comunità è accusata di non volersi iscrivere come “organizzazione sociale”. Ma la domanda è stata respinta nel 2006 perché il pastore capo non era riconosciuto dallo Stato. La chiesa è nel mirino delle autorità sin dalla sua fondazione, avvenuta nel 1993. A partire dal 10 aprile 2011, la comunità si è incontrata in luoghi all'aperto, come strade e parchi.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Dopo anni di campagna repressiva, lo scorso 23 marzo le autorità cinesi hanno posto i sigilli alla chiesa di Shouwang, una delle comunità protestanti più numerose di Pechino. I funzionari del regime hanno chiuso anche tutte le organizzazioni sussidiarie della comunità, confiscato i beni e interrogato un gruppo di oltre 20 fedeli. La chiesa di Shouwang è accusata di non volersi iscrivere come “organizzazione sociale” presso gli uffici governativi.

Il giorno della chiusura, i fedeli che frequentavano le lezioni bibliche avevano in programma un incontro alle 13, ma le autorità hanno portato circa 20-30 di loro in una scuola vicina per l’interrogatorio. I funzionari li hanno identificati, comunicando loro la chiesa era stata chiusa e che non potranno più riunirsi. Le autorità hanno anche ordinato al pastore, Zhang Xiaofeng, di firmare una dichiarazione in cui si afferma che la chiesa “ha condotto attività come organizzazione sociale senza registrazione, in violazione del Regolamento sugli Affari religiosi e le normative sulla registrazione e gestione delle organizzazioni sociali”.

Nonostante le accuse, la chiesa di Shouwang ha presentato una domanda all'Ufficio per gli Affari etnici e Religiosi del distretto di Haidian nel 2006. I funzionari l'hanno respinta, perché il suo pastore capo Jin Tianming (foto) non era riconosciuto dallo Stato. In Cina, i leader che non ricevono le credenziali dal governo non sono autorizzati al lavoro pastorale, ma in molti servono ancora nelle chiese non registrate. Secondo le stime di organizzazioni protestanti, nel Paese vi sono più fedeli non ufficiali (fra gli 80 e i 90 milioni) che membri del Movimento delle tre autonomie (comunità protestanti accettate dal regime, circa 20 milioni).

La chiesa di Shouwang è nel mirino delle autorità sin dalla sua fondazione, avvenuta nel 1993 per opera di  parte di Jin Tianming e sua moglie.  Oltre a subire la confisca delle loro proprietà da molti milioni di dollari, Jin e altri membri della chiesa sono stati posti agli arresti domiciliari. A causa della pressione, alcuni dei membri alla chiesa hanno scelto di fuggire dalla Cina o di cedere alle richieste del governo. Nel 2009 la comunità ha comprato un edificio di 1.500 metri quadri dove svolgere le sue attività, ma le autorità ne hanno sempre impedito l’uso. A partire dal 10 aprile 2011, la comunità si è incontrata in luoghi all'aperto, come strade e parchi, rischiando ogni settimana arresti di diversi membri.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa a Cuba: “le famiglie non sono un problema”, sono un’opportunità da curare, proteggere, accompagnare
22/09/2015
Pechino, arrestati 34 fedeli della chiesa di Shouwang
30/07/2013
Pechino, la chiesa di Shouwang denuncia la polizia: “Basta con la repressione”
21/09/2012
Java, musulmani chiudono con la forza una chiesa domestica
27/03/2006
Chiesa di Shouwang: Celebriamo la Pasqua, anche a costo dell’arresto
20/04/2011