21 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/01/2015, 00.00

    CINA

    Pechino, più di 30mila famiglie chiedono di avere un secondo figlio



    Dopo il rilassamento della famigerata legge sul figlio unico, varato nel 2013, la capitale ha visto un'impennata di richieste. I numeri, dicono gli analisti, "sono ancora bassi ma cresceranno". Entro la fine del 2015 la Cina toccherà gli 1,38 miliardi di abitanti.

    Pechino (AsiaNews) - Più di 30mila famiglie residenti nella capitale cinese si sono registrate nel corso del 2014 per poter avere un secondo figlio. I dati sono stati presentati dalla Commissione di Pechino per la salute e la pianificazione familiare, un anno dopo il rilassamento della famigerata "Legge sul figlio unico" in vigore in Cina dalla fine degli anni Settanta.

    Secondo i funzionari municipali, la nuova lettura della legge - che rimane comunque in vigore - porterà circa 270mila nuove nascite nei prossimi cinque anni, ovvero più di 54mila l'anno. Secondo diversi esperti, citati dal The Beijing News, i numeri sono bassi "perché molte famiglie ancora si sentono legate all'osservanza della legge sul figlio unico".

    Delle 30.305 famiglie che hanno presentato richiesta per un secondo figlio, 28.778 hanno ricevuto una risposta positiva. Il 97% delle coppie ha un'età compresa fra i 26 e i 40 anni, e ogni mese del 2014 ha visto fra le 2 e le 3mila domande. Secondo la Commissione, grazie alla nuova politica di pianificazione familiare la popolazione cinese dovrebbe arrivare a 1,38 miliardi di persone entro la fine del 2015.

    Dal 1979 in poi la Cina ha attuato - spesso con violenza - la politica di un solo figlio per famiglia, per concentrare la nazione sullo sviluppo economico. In seguito si è permesso a gruppi etnici di avere due figli e ai contadini di averne due se il primo figlio era una bambina. L'attuazione della legge è stata spesso violenta, con multe esose contro i violatori e perfino sterilizzazione forzata e aborti fino a nove mesi di gravidanza. Il rispetto della legge e delle quote di popolazione era compensato con benefici verso gli impiegati e i dirigenti del family planning aprendo lo spazio a corruzione e soprusi.

    L'allentamento varato nel dicembre 2013 permette invece alle coppie in cui uno dei due partner è già figlio unico, di avere due figli. In ogni caso, la nuova politica è stata limitata persino dal punto di vista geografico: i suoi benefici per il primo anno sono andati solo agli abitanti di Pechino, Tianjin, Shanghai e Chongqing e a quelli delle province del Zhejiang, Jiangxi, Anhui, Sichuan, Guangdong e Jiangsu. Con il 2015 si aprirà a nuove province, ma restano esclusi Tibet e Xinjiang.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/05/2015 CINA
    Il figlio unico: la violenza dello Stato cinese contro donne e bambini
    La famigerata legge viene ogni tanto “aggiustata”, ma non eliminata. E sta creando disastri demografici, mancanza di manodopera, invecchiamento della popolazione, squilibri fra maschi e femmine con tratta delle donne e schiavismo sessuale. Ma il governo non l’abolisce perché con essa si controlla tutta la popolazione. Il Partito mantiene “il potere nelle sue mani versando il sangue di donne e bambini innocenti della Cina”. La testimonianza di Reggie Littlejohn alla Commissione esecutiva sulla Cina del Congresso Usa.

    28/05/2013 CINA
    Neonato gettato nel water, sopravvive nel tubo della fogna, salvato dai pompieri. Il video
    Il piccolo ha pochi giorni di vita. Era ancora avvolto dalla placenta e aveva il cordone ombelicale attaccato. I pompieri hanno segato il tubo della fogna in cui il neonato era incastrato e l'hanno portato all'ospedale dove lo hanno liberato. L'abbandono forse legato alla legge sul figlio unico, che finora ha impedito la nascita di 400 milioni di bambini.

    08/02/2013 CINA
    Zhejiang: madre abbandona la sua seconda bambina per evitare le multe del figlio unico
    Il fatto è avvenuto a Wenzhou, dove nei giorni scorsi un bambino - che eccedeva la quota del figlio unico - è stato investito dall'auto del segretario del Partito. La legge per la limitazione delle nascite è la più odiata dai cinesi.

    07/05/2015 CINA
    Figlio unico in Cina: due storie a lieto fine
    Ad AsiaNews Reggie Littlejohn, attivista americana per i diritti umani, racconta come la sua Women’s Rights Without Frontiers sia riuscita a salvare due donne e i loro bambini.

    13/02/2013 CINA
    Madre cinese: La legge sul figlio unico, un orrore che dobbiamo fermare
    La storia di Cao Ruyi e della sua famiglia, perseguitati dal governo per aver avuto un secondo figlio, raccontata dalla presidente dell’associazione che li ha aiutati a scappare e a salvare la vita del bambino da un aborto forzato già programmato. Il governo cinese non ha mai messo un freno alla politica di Pianificazione familiare, che in 30 anni ha imposto con la violenza 275 milioni di aborti.



    In evidenza

    VATICANO-CINA-HONG KONG
    L’articolo del card. Tong sul dialogo Cina-Santa Sede fra gioia e sgomento

    Bernardo Cervellera

    L’ottimismo del vescovo di Hong Kong sul cambiamento del metodo delle nomine episcopali e sulla funzione dell’Associazione patriottica. Ma non è chiaro se è un cambiamento nei fatti o solo nominalistico, nelle parole. I vescovi sotterranei sono patriottici e amano il loro Paese, ma il Partito li sospetta. Libertà “essenziale” nelle nomine episcopali, ma i vescovi non sono liberi di svolgere il loro ministero. Vescovi patriottici controllati nelle loro visite con membri della Chiesa universale. Le “cimici” (microfoni nascosti) negli uffici episcopali.


    HONG KONG-CINA-VATICANO
    Card. Tong: Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico

    Card. John Tong

    Il cardinale di Hong Kong spiega i passi in cui si desidera far muovere il dialogo fra Cina e Santa Sede. A tema la funzione del papa nelle nomine dei vescovi; il cambiamento di visione nell’Associazione patriottica; la possibile integrazione dei vescovi sotterranei nella conferenza episcopale.  Il nuovo articolo a firma  del card. John Tong, dopo quello di alcuni mesi fa su “Comunione della Chiesa in Cina con la Chiesa universale”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®