14/06/2012, 00.00
COREA – CINA
Invia ad un amico

Pechino “non vuole più aiutare Pyongyang nella sua corsa alle armi”

di Joseph Yun Li-sun
Una fonte del ministero sudcoreano degli Interni spiega ad AsiaNews: “Da quanto ne so, la notizia dell’invio di mezzi militari cinesi in Corea del Nord è falsa. Il governo cinese non ha più molta pazienza con il regime dei Kim, e sa che non rispettano mai gli impegni presi”.

Seoul (AsiaNews) - Il governo cinese "non ha più molta pazienza con la Corea del Nord, e di sicuro non si vuole giocare la propria reputazione internazionale aiutandola ad armarsi. Per quanto siano alleati, i cinesi sanno che i nordcoreani non rispettano gli impegni presi. Per questo non credo alla notizia della fornitura militare di mezzi pesanti da Pechino a Pyongyang per il lancio di missili". Lo dice ad AsiaNews una fonte del ministero sudcoreano degli Interni, anonima per motivi di sicurezza.

Secondo le accuse lanciate nei giorni scorsi dal quotidiano nipponico Asahi Shimbun, la Cina avrebbe fornito nel 2011 quattro mezzi pesanti alla Corea del Nord per il trasporto e il lancio di missili, violando le risoluzioni dell'Onu sul divieto di forniture di armi e materiale "sensibile" a Pyongyang.

Secondo il quotidiano, inoltre, i governi di Usa, Giappone e Corea del Sud "sapevano della spedizione di Pechino verso Pyongyang. I loro satelliti spia hanno intercettato il carico sulla nave battente bandiera cambogiana Harmony Wish". Secondo la fonte di AsiaNews "questa notizia non ha fondamento. Per quanto ne so, il traffico di armi verso la Corea del Nord è controllato con ogni mezzo possibile: non avremmo mai fatto passare mezzi del genere".

Anche la Cina nega le accuse. Il portavoce del ministero degli Esteri, Liu Weimin, ha sottolineato che "le imprese cinesi non hanno esportato materiali vietati dalle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza e dalla legge e regolamenti cinesi". La Cina, ha aggiunto, "si oppone in maniera ferma alla proliferazione delle armi di distruzione di massa e dei loro strumenti vettori".

Il rapporto fra Pechino e Pyongyang si è deteriorato in maniera costante sin dal 2008, anno in cui l'allora dittatore coreano Kim Jong-il infranse i divieti internazionali e portò a termine due esperimenti atomici sulla penisola. Da quel momento si sono interrotte le forniture di aiuti umanitari alla popolazione da parte di Stati Uniti e Corea del Sud e sono stati messi in stallo i colloqui a sei sul disarmo nucleare.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pyongyang torna al tavolo del disarmo ma detta le sue condizioni
02/11/2006
Seoul "pronta ad allontanarsi" dalla politica Usa sulla Corea del Nord
12/05/2006
Seoul ripensa l'unificazione, Pyongyang ruba i beni umanitari
25/10/2006
Dopo il test nucleare, la Caritas "continuerà il suo lavoro a favore della popolazione del Nord"
20/10/2006
Corea: gestiti dalla Croce Rossa, partono gli aiuti per il Nord
31/08/2006