27 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 21/10/2011, 00.00

    RUSSIA -CINA

    Pechino interessata a investimenti in Russia

    Nina Achmatova

    La caccia a forniture energetiche affidabili, la necessità di portare denaro all’estero per evitare di surriscaldare la sua economia e la ricerca di nuovi mercati per la sua merce porta la Cina a puntare l’acquisto di asset russi.
    Mosca (AsiaNews) – Nonostante la rivalità e la diffidenza che caratterizza i rapporti tra Mosca e Pechino, gli investimenti cinesi in Russia sono destinati a crescere portando le relazioni economiche oltre il semplice commercio bilaterale. Lo sostengono alcuni esperti, anche alla luce della recente visita del premier Vladimir Putin nell’ex Celeste Impero, da dove ha portato a casa un miliardo di dollari cinesi che confluiranno in un fondo sovrano congiunto per sviluppare progetti sul territorio russo.

    Si tratta di una cifra considerevole, considerato che è pari al valore di tutti gli investimenti diretti cinesi nella Federazione dal crollo dell’Urss. Lou Jiwei, capo della China Investment Corporation, ammette che il clima degli investimenti in Russia non è favorevole, se paragonato al panorama globale, ma nonostante ciò cresce l’interesse dei società cinesi ad acquistare asset nel Paese.

    La China Huadian Corporation investirà 323 milioni di dollari nella realizzazione di una centrale a gas a Yaroslav, i cui lavori sono iniziati il mese scorso. La Huadian possiede il 51% della joint-venture con la compagnia energetica russa Tgk-2 che costruirà e opererà la centrale.

    All’inizio di quest’anno, Pechino ha formato un altro progetto che le porterà il possesso di asset russi: la costruzione di centrali energetiche multiple in Liberia con la compagnia privata EuroSibEnergo. Gli sforzi per produrre elettricità per il mercato sia cinese che russo richiede capitali per centinaia di milioni di dollari.

    Proprio le esigenze legate al settore energetico starebbero spingendo i cinesi a mettere da parte i tradizionali pregiudizi verso il vicino e affidabile fornitore. La ricerca di risorse in Venezuela, Libia e Sudan è diventata meno scontata per Pechino, da quando Hugo Chavez si è ammalato, a Tripoli siede un governo transitorio filo-occidentale e in Sudan la situazione è sempre più precaria, come spiega Dmitry Abzalov, analista del commercio estero per il think tank Centro di politica attuale.

    Proprio la settimana scorsa, Putin ha accennato alla possibilità che la Cina esplori giacimenti di gas naturale a Magadan e nel Lontano Oriente russo a largo delle isole Sakhalin. Dal canto suo Pechino ha espresso interesse nell’estrazione carbonifera in Siberia.

    Second Abzalov, intervistato dal The Moscow Times, il settore in cui Mosca sarebbe più interessata a un afflusso di capitali cinesi è quello manifatturiero, perché ha “bisogno di espandere la sua base industriale”, spiega Abzalov. Dal canto suo Pechino ha bisogno di portare denaro all’estero per evitare di surriscaldare la sua economia e cerca nuovi mercati per la sua merce e per assicurarsi risorse naturali.

    La Cina investirà anche in asset che potranno potenziare le relazioni commerciali, di cui si aspetta una crescita quest’anno fino ad almeno 70 miliardi di dollari. In un accordo già in vigore, il China Chengtong Holdings Group è entrato in possesso del parco Greenwood fuori Mosca, finora il più grande investimento unico in Russia. Il parlamentare Wu Bangguo è arrivato lo scorso mese a inaugurare questa sorta di gigante show room dei prodotti cinesi, il cui acquisto e realizzazione sono costati al gruppo Chengtong 350 milioni di dollari in un anno.

    Altri investimenti che potranno concretizzarsi sono legati all’accordo siglato a luglio per formare una joint-venture che produca auto e veicoli commerciali leggeri a Ulyanovsk.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/03/2013 RUSSIA-CINA
    Con le "anime aperte", Mosca e Pechino si scambiano petrolio e gas
    Contratti per 620mila barili al giorno di greggio ed esplorazioni nel Mar di Barents e della Pechora, in cambio di un credito di 2miliardi di dollari. Entro la fine dell'anno un contratto per la fornitura di 68 miliardi di metri cubi di gas in 30 anni. Per la prima volta, Xi Jinping è accompagnato dalla moglie Peng Liyuan.

    17/05/2007 CINA - AFRICA
    Cina e Africa: sviluppo comune, ma senza neo-colonialismo
    Per la prima volta Pechino si preoccupa delle crisi africane e del genocidio del Darfur, ma rimane interessata anzitutto ai rapporto commerciali. Gli Stati africani vogliono aumentare i rapporti commerciali con Cina e Asia ma senza essere sfruttati.

    26/10/2009 CINA - AFRICA
    Pechino continua la colonizzazione dell’Africa: nuovi accordi in Guinea Conakry
    Il governo cinese ha firmato un contratto da 7 miliardi di dollari per esplorare il sottosuolo. Nonostante le proteste dei locali, contrari all'ingresso cinese. Solo il mese scorso 157 persone sono state uccise dal regime mentre manifestavano contro la dittatura.

    19/06/2006 CINA - AFRICA
    Prosegue nel Ghana il viaggio di Wen Jiabao in Africa

    Wen evidenzia la collaborazione e l'amicizia con Egitto e Ghana e descrive la Cina come amica dell'Africa. Ma esperti osservano che fa affari e vende armi anche con regimi dittatoriali.



    11/01/2006 cina - africa
    Ministro cinese in visita a 6 paesi africani

    Fra i motivi del viaggio, la ricerca di fonti di energia e le pressioni politiche per emarginare Taiwan.





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®