26 Luglio 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 13/06/2012
CINA
Pechino promette di difendere libertà religiosa e diritti umani:“parole al vento”
Presentato il secondo Piano di azione nazionale per i diritti umani, dove si ammette: “Ci vorrà ancora molto prima che il popolo possa goderne”. Sulla carta sono tutelate libertà religiosa e di espressione, ma un esperto commenta ad AsiaNews: “Come sempre, parole vuote e senza contenuto. Spendono soldi e fatica soltanto per controllare le religioni, non certo per aiutarle”.

Pechino (AsiaNews) - Il governo comunista cinese ha annunciato in maniera formale che "ci vuole ancora molto tempo prima di poter permettere a tutta la popolazione di godere dei diritti umani". L'ammissione è contenuta nel secondo Piano di azione nazionale per i diritti umani presentato dall'esecutivo, che prevede le linee guida sull'argomento per gli anni che vanno dal 2012 al 2015. E un esperto commenta ad AsiaNews: "Parole vuote, come al solito. Sulla carta sono bravissimi, è nei fatti che dimostrano la loro vera natura".

Il testo è la base formale sulla quale dissidenti, attivisti e fedeli di tutte le religioni possono fare ricorso al potere giudiziario contro le decisioni dei dirigenti comunisti locali. Il Piano segue quello presentato nel 2009, che non diede alcun miglioramento formale alla situazione dei diritti umani e religiosi nel Paese. Diversi esperti sostengono che sia "irrealistico" pensare che questa seconda edizione possa portare delle novità alla situazione all'interno del Paese o del Tibet, dove i diritti della popolazione vengono violati in maniera ripetuta.

L'esempio del Tibet è illuminante: dal 2008, anno in cui si verificarono gli scontri di Lhasa fra la popolazione e le autorità comuniste, il governo tibetano ha ordinato l'arresto di circa 7mila attivisti politici: di questi oggi non si sa nulla, anche se alcuni vengono rilasciati di tanto in tanto. Secondo il Tibetan Centre for Human Rights and Democracy, il 2009 - anno in cui si è scatenata la repressione ufficiale ed è stato pubblicato il primo Piano di azione - è stato l'anno peggiore in assoluto per il Tibet.

Ora il Piano prevede degli aiuti di Stato per le religioni, garantisce la libertà di espressione e di culto e promette addirittura dei finanziamenti per la ricostruzione dei luoghi di culto distrutti da cataclismi naturali o in stato di abbandono. Ma questi fondi sono destinati soltanto all'islam cinese - l'islam hui e non quello uighuro, che il governo teme - e al buddismo.

Il dottor Anthony Lam Sui-ky, ricercatore all'Holy Spirit Study Centre della diocesi di Hong Kong e grande esperto della Chiesa in Cina, spiega ad AsiaNews che queste dichiarazioni "sono senza senso. Sulla carta, i dirigenti cinesi parlano sempre in maniera perfetta. Ma in realtà i governi locali fanno quello che vogliono. Non importa cosa scrivano sulle carte ufficiali: la popolazione non ha vero accesso alla libertà religiosa o ai diritti umani".

Per quanto riguarda i finanziamenti alle religioni, il dottor Lam aggiunge: "In alcune aree - come il ricco Guangdong meridionale, ad esempio - il governo sostiene alcune chiese: in alcuni casi hanno dato dei fondi per alcuni piccoli lavori di ristrutturazione. Ma la verità è che il governo vorrebbe controllare la Chiesa, e spende molto denaro per provarci: soldi per la sicurezza e per il controllo del clero e dei fedeli".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
01/03/2006 Cina
Cina, con le nuove leggi sulla libertà religiosa "non è cambiato nulla"
14/06/2005 CINA
Cina, su Microsoft non ci sono "libertà" e "democrazia"
17/10/2008 CINA
Pechino, cyber-navigatori fotografati e schedati
01/09/2005 CINA
Oltre 10 mila fedeli ai funerali di mons. Xie, vescovo non ufficiale di Mingdong
06/11/2008 MYANMAR
Il popolo birmano invoca democrazia e libertà religiosa

In evidenza
VATICANO
Papa: sono con i cristiani perseguitati di Mosul e del Medio Oriente"Il Dio della pace susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza. La violenza si vince con la pace!". All'Angelus Francesco ha commentato la parabola del buon grano e della zizzania. Dio è "paziente", sa che "la stessa zizzania, alla fine, può diventare buon grano". Ma "al tempo della mietitura, cioè del giudizio, i mietitori eseguiranno l'ordine del padrone separando la zizzania per bruciarla".
CINA - VATICANO
Pechino, i seminaristi disertano la consegna dei diplomi: Non celebriamo messa con i vescovi illecitiIl rettore del seminario è il vescovo illecito Giuseppe Ma Yinglin: gli studenti rifiutano di concelebrare con lui e respingono anche mons. Fang Xingyao, che ha partecipato a diverse ordinazioni episcopali illecite. La direzione chiude l'anno senza dare diplomi e rimanda tutti a casa: voci dicono che a settembre alcuni corsi "non ripartiranno". Il precedente del 2000, quando 130 giovani preferirono la fedeltà al Papa piuttosto che il compromesso con il governo.
HONG KONG-VATICANO-CINA
Card. Zen: Libertà religiosa e libertà civili sono unite, per la Cina e per Hong Kong
di Bernardo CervelleraConversazione a tutto campo con il vescovo emerito di Hong Kong: il coraggio di mons. Ma Daqin, che ha inviato un messaggio a papa Francesco; i cattolici sotterranei pronti anche a farsi arrestare; i sospetti sulla sincerità di Pechino nel possibile dialogo con la Santa Sede. E sul fronte di Hong Kong, la marcia per il referendum sulla democrazia; il sostegno a "Occupy Central"; la paura del governo e gli arresti. Per il card. Zen libertà religiosa e libertà civili vanno insieme.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate