19 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/04/2005, 00.00

    cina - giappone

    Pechino rifiuta le scuse a Tokyo per le manifestazioni violente



    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Cresce la tensione fra Cina e Giappone dopo settimane di manifestazioni che hanno preso di mira ambasciata, consolati, negozi e  persone giapponesi.

    Ieri, in un incontro con il ministro degli esteri Nobutaka Machimura,  il governo cinese non si è scusato per le violenze. Il ministro degli esteri cinese, Li Zhaoxing, ha anzi affermato che è il governo giapponese ad offendere il popolo cinese con le sue posizioni favorevoli  a Taiwan, criticando la situazione dei diritti umani in Cina e travisando la storia nei libri di testo.

    Il vice ministro cinese Wu Dawei ha detto che i rapporti diplomatici tra i due stati sono al livello peggiore della loro storia, iniziati nel 1972.

    Li Zhaoxing ha però assicurato che il suo governo ha provveduto alla protezione delle sedi diplomatiche giapponesi, dei commerci e degli altri interessi nipponici.

    Ma il ministro Machimura ha evidenziato la mancanza di adeguate misure di sicurezza. Sulla polemica legata ai libri di testo che minimizzano le atrocità dell'esercito giapponese in Cina, Tokyo osserva che i libri contestati sono curati da società private e che ogni distretto scolastico sceglie liberamente quei testi fra tanti. Finora solo 18 scuole hanno adottato i testi incriminati.

    Domenica sono proseguite le manifestazioni di piazza, in diverse città. Oltre 10 mila manifestanti a Shenzhen, ma anche a Shenyang, Zhuhai, Dongguan, Chengdu e altrove. La polizia ha presidiato le sedi diplomatiche giapponesi, ma ha lasciato sfogare la folla contro negozi, ristoranti e automobili giapponesi. I giornali giapponesi osservano che il governo cinese tollera le manifestazioni e non impedisce gli atti violenti, come se nel paese non ci fosse la capacità di far osservare le leggi e l'ordine sociale. (PB)
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/10/2005 GIAPPONE
    200 parlamentari giapponesi visitano il tempio Yasukuni

    Tokyo non appare preoccupata per le proteste di Pechino e Seoul. Nei prossimi mesi i 3 Stati si dovranno comunque incontrare in summit importanti.



    16/04/2005 CINA – GIAPPONE
    Shanghai e Tianjin: violente manifestazioni contro il Giappone


    16/12/2004 GIAPPONE – TAIWAN – CINA
    Giappone, possibile visto d'ingresso per l'ex presidente di Taiwan

    In crescita le tensioni fra Cina e Giappone. Tokyo definisce Cina e Corea del nord "potenziali minacce per la sicurezza".



    21/09/2010 CINA - GIAPPONE
    Tokyo invita Pechino a moderare i toni. Il rischio di una guerra commerciale
    Il Giappone continua a invitare la Cina al dialogo e cerca di smussare i contrasti. Ma Pechino non appare propensa a rinunciare alla liberazione del capitano cinese. Tra i 2 Paesi scambi commerciali per miliardi di euro. Esperti: i contrasti politici non colpiranno troppo i rapporti economici.

    23/02/2012 CINA - GIAPPONE
    Massacro di Nanchino, Pechino infuriata con Tokyo
    Il sindaco della nipponica Nagoya - gemellata dal 1978 con la città cinese sede della carneficina - nega la veridicità storica della vicenda. La Cina si infuria e minaccia di oscurare le celebrazioni per il 40mo anniversario della normalizzazione dei rapporti fra i due Paesi.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®