25 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/08/2010, 00.00

    CINA

    Pena di morte per Zheng Shaodong, corrotto capo dell'anti-corruzione



    L'ex direttore dell’Ufficio indagini contro i reati economici, ha ricevuto “bustarelle” per 83 milioni di yuan. Sospesa la condanna a morte. Esperti: per debellare la corruzione occorre dare maggiore tutela ai diritti civili dei cittadini.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Zheng Shaodong, ex direttore dell’Ufficio Indagini Penali Economiche, è stato condannato a morte per corruzione e abuso di ufficio, con pena sospesa. La Cina non riesce a debellare la corruzione, diffusa a ogni livello nel Partito comunista, nonostante i leader da anni proclamino tolleranza zero.

    La Corte intermedia del Popolo di Xian (Shaanxi) ha condannato Zheng per avere accettato circa 83 milioni di yuan tra il 2001 e il 2007 (circa 8,3 milioni di euro), in cambio di favori illeciti quali l’insabbiamento di indagini e l’aiuto ad ottenere promozioni e posti di lavoro. La somma è enorme e la condanna a morte è stata sospesa solo perché Zheng ha ammesso la colpa e restituito il denaro. Dopo 2 anni di buona condotta, la pena può essere commutata nell’ergastolo.

    Zheng e il suo vice Xiang Huaizhu (condannato a luglio a 12 anni di carcere) sono stati arrestati nel gennaio 2009. Nel suo lavoro Zheng ha partecipato alle indagini su importanti casi di corruzione, come quello contro l’ex presidente del Comitato del Guangdong dell’Assemblea nazionale del Popolo Chen Shaoji, condannato a luglio alla pena capitale, con pena sospesa. Oppure quello contro Huang Songyou, già vicepresidente della Corte Suprema del Popolo, condannato a gennaio all’ergastolo per corruzione.

    La sua vicenda è grave anche perché dimostra quanto sia diffusa la corruzione nel Paese, persino tra le alte cariche. Analisti ritengono che per combattere la corruzione non siano sufficienti condanne esemplari, ma occorrerebbe dare maggior spazio alle denunce di cittadini e media e riconoscere un’adeguata tutela ai diritti civili contro gli abusi di funzionari disonesti.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/02/2010 CINA
    Pechino, la Corte Suprema chiede di limitare la pena di morte
    Il massimo grado di giudizio cinese è dal 2007 l’unico organismo a poter condannare a morte i criminali, su proposta dei tribunali minori. Oggi chiede “giustizia temperata dalla compassione” e invita e pronunciare meno sentenze capitali. In Cina, ogni anno, avviene il 90 % delle esecuzioni mondiali.

    09/03/2005 cina
    La Cina arresta 800 mila persone: attentano alla "sicurezza dello stato"
    Fra di loro vi sono monaci tibetani, musulmani del Xinjiang, ma anche dissidenti non violenti, contadini e membri di comunità religiose clandestine. Criminalità giovanile aumentata del 19,1%.

    05/03/2016 10:32:00 CINA
    All’Assemblea nazionale del popolo la Cina incerta fra riforme e controllo

    Il premier Li Keqiang prevede una crescita in un campo fra il 6,5 e il 7%. Il debito pubblico (in confronto al Pil) crescerà del 3%. Ancora una volta promessa una riforma delle imprese di Stato, fortemente indebitate e una transizione verso un’economia di mercato. Il freno delle famiglie dei membri del Partito e quello del Partito stesso, che non vuole perdere la sua egemonia. Cresce il bilancio dell’esercito (7,6%) e della pubblica sicurezza (5,3%).



    14/03/2007 CINA
    La guerra alla corruzione “è lontana dall’essere vinta”
    Lo dice il presidente della Corte suprema ai delegati dell’Assemblea nazionale del popolo. Si chiede maggior attenzione e rispetto per la legge, ma si tace il numero delle condanne a morte.

    05/04/2005 CINA
    Amnesty: il 90% delle esecuzioni capitali in Cina
    Secondo il rapporto annuale sulla pena di morte, pubblicato oggi da Amnesty International, la Cina è al primo posto per le esecuzioni avvenute nel 2004. Seguono Iran, Vietnam e Usa.



    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®