27 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/12/2009, 00.00

    CINA

    Per Natale, 5 condanne a morte di uiguri per le proteste di luglio nello Xinjiang



    I processi si sono svolti il 22 e 23 dicembre, nel silenzio della stampa nazionale. Ci sono stati anche 8 ergastoli e condanne ad anni di carcere e le autorità annunciano altri processi. Pechino vuole continuare le condanne esemplari contro gli uiguri, ma evitare che il mondo lo sappia.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Altre 5 condanne a morte contro uiguri per le proteste del luglio 2009 in Xinjiang. Ma Pechino cerca di impedire che la notizia sia diffusa dai media nazionali e mondiali.

    Hou Hanmin, direttore dell’Ufficio informazioni del governo dello Xinjiang, ha spiegato che “il 22 e 23 dicembre sono stati processati 22 imputati in 5 diversi giudizi”. Ma Xinchun, portavoce del governo municipale di Urumqi, ha confermato esserci state 5 condanne a morte  con sospensione per due anni (dopo i quali spesso la condanna è commutata in ergastolo), 8 ergastoli e 4 condanne al carcere per 10 anni o di più. Mancano notizie precise sui condannati, ma secondo l’agenzia Radio Free Asia i nomi appaiono essere tutti uiguri.

    Hou non ha specificato le accuse, comunque tutte connesse con le proteste del luglio 2009, e ha detto solo che sono state pubblicate sui giornali dello Xinjiang. Ma dal luglio 2009 internet è oscurato nella regione e i siti web dei giornali locali sono inaccessibili da fuori.

    Le proteste sono esplose nella capitale Urumqi il 5 luglio 2009, legate a dissidi etnici tra gli autoctoni uiguri e i cinesi Han che ormai sono la maggioranza della regione e ne occupano i posti chiave politici ed economici, grazie a una forte politica di immigrazione favorita da Pechino con vantaggi economici e di altro tipo. Le proteste, all’inizio pacifiche (nella foto: una manifestazione del 5 luglio), sono degenerate in scontri etnici fra la popolazione musulmana e i cinesi han. Gli han a loro volta due giorni dopo hanno scatenato una dura rappresaglia. Il bilancio ufficiale è di circa 200 morti e migliaia di feriti.

    Con queste condanne, salgono a 22 le sentenze capital per le protestei, di cui almeno 9 sono già state eseguite. Fonti ufficiali annunciano che ci saranno altri processi contro le persone ritenute responsabili delle proteste.

    La scorsa settimana la Cambogia ha annunciato che rimanderà in Cina 20 uiguri che sono fuggiti dallo Xinjiang dopo le proteste e che hanno chiesto lo status di rifugiati al rappresentante dell’Onu a Phnom Penh. La decisione accoglie le insistite richieste di Pechino, ma è stata molto criticata dagli Stati Uniti. Sempre la settimana scorsa il vicepresidente cinese Xi Jinping, in visita in Cambogia, ha siglato aiuti finanziari al Paese per 1,2 miliardi di dollari, tra cui la costruzione di strade e il restauro di tempi buddisti.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/12/2009 CAMBOGIA – CINA
    Il governo cambogiano espelle 20 rifugiati uiguri cinesi
    Phnom Penh li considera immigrati irregolari e ne ha disposto il rimpatrio in Cina. Il gruppo, fuggito nel luglio scorso dallo Xinjiang, cercava asilo politico all’ufficio Onu della capitale. Attivisti per i diritti umani lanciano l’allarme: se tornano in Cina verranno torturati e uccisi.

    04/12/2009 CINA
    Xinjiang, altri cinque uiguri condannati a morte
    Rebiya Kadeer: “Moriranno come quelli già uccisi in novembre, mentre il mondo rimane in silenzio a guardare”. Continua la repressione dell’etnia dopo le sanguinose proteste del luglio 2009.

    10/11/2009 CINA – USA
    Washington richiama Pechino: “processi giusti per gli uiguri”
    Dopo l’esecuzione di nove membri della minoranza etnica del Xinjiang, il Dipartimento di Stato chiede alla Cina il rispetto dei diritti umani e legali per la popolazione. Forse un cambio di marcia in vista dell’incontro bilaterale fra Hu Jintao e Barack Obama.

    19/10/2009 CINA
    Rebiya Kadeer accusa: “La Fiera del Libro di Francoforte non doveva onorare Pechino”
    Secondo la leader uiguri in esilio, la Cina non ha imparato la lezione delle Olimpiadi e continua a violare i diritti umani. Secondo il governo cinese, invece, è lei ad aver fomentato le rivolte di luglio.

    12/09/2009 CINA
    Xinjiang, prime condanne per i presunti autori degli attacchi con siringhe
    Sentenze fino a 15 anni di galera per due uomini e una donna. Il tribunale non ha diffuso l’etnia, ma sembrano appartenere alla minoranza uiguri. Una ottantina di persone in attesa di processo per le violenze a Urumqi, ma le autorità non hanno diffuso la data delle udienze.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®