23/03/2010, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Per avere medicine fa lo sciopero della fame il cyber-dissidente Yang Tianshui

Sta scontando una pena di 12 anni per aver usato internet diffondendo le sue idee sulla democrazia. È accusato di "incitamento a sovvertire il potere dello Stato”. Ha diverse malattie, ma i medici rifiutano di farlo visitare da specialisti.
Pechino (AsiaNews/Chrd) – Il giornalista dissidente Yang Tianshui, che è stato malato per mesi, inizierà ad aprile uno sciopero della fame perché in prigione non riceve alcun trattamento medico.
 
Il mese scorso, in una conversazione con sua figlia e sua nipote alla prigione di Nanchino, egli ha affermato di non ricevere alcun trattamento da quando la sua salute è peggiorata e teme che non potrà sopravvivere alla fine della sua sentenza.
 
Yang sta scontando una pena di 12 anni per “incitamento a sovvertire il potere dello Stato”, avendo usato internet per diffondere sue opinioni sulla democrazia.
 
Secondo i suoi parenti Yang è malato di tubercolosi, diabete, infiammazione dei reni e pressione alta. I medici della prigione gli hanno dato qualche farmaco generico, ma gli è stato proibito di farsi visitare da qualche specialista.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
In memoria di Mons. Wang Milu, testimone della fede
14/03/2017 15:59
E’ morto mons. Casimiro Wang Milu, vescovo in pensione di Tianshui
14/02/2017 12:46
Yang Tongyan, attivista di piazza Tiananmen, muore di cancro appena uscito dalla prigione
09/11/2017 15:35
Lanzhou, vescovo ufficiale commemora il predecessore sotterraneo. Con qualche difficoltà (Video)
21/02/2018 12:01
In carcere altri tre dissidenti cinesi
21/09/2006