18 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/02/2008, 00.00

    CAMBOGIA

    Per la prima volta in tribunale testimoniano le vittime dei Khmer Rossi



    La sessione esamina la richiesta di liberazine avanzata da Nuon Chea, considerato l’ideologo del regime. Una giovane, imprigionata quando aveva sette anni: “il cimitero era il nostro campo giochi”.
    Phnm Penh (AsiaNews/Agenzie) – Per la prima volta, alcune vittime del sanguinario regime dei Khmer Rossi hanno potuto lanciare le loro accuse direttamente nei confronti di uno dei maggiori responsabili di un genocidio costato quasi due milioni di morti.
     
    I sopravvissuti sono infatti intervenuti per testimoniare contro Nuon Chea, il “Fratello numero due” del regime dei Khmer Rossi, davanti al tribunale voluto dalle Nazioni Unite. L’ormai 85enne ex vice del dittatore Pol Pot, considerato l’ideologo del regime, è il maggior esponente in vita del sanguinario governo comunista che tra il 1975 ed il 1979 provocò la morte di circa il 20% dell’intera popolazione. Il tribunale composto da giudici nazionali ed internazionali lo accusa di crimini contro l’umanità. Nuon Chea ha chiesto di poter uscire su cauzione e contro tale ipotesi si è schierata una delle persone ascoltate.
     
    Theary Seng, che è parte civile nel processo, ha raccontato di essere stata arrestata quando aveva sette anni, con suo fratello più piccolo ed i suoi genitori, che sono morti. “Un arresto arbitrario, senza processo, senza informarci dei nostri diritti”. “Ci trattavano in modo inumano, il cimitero era il nostro campo giochi”.
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/02/2008 CAMBOGIA
    Davanti ai giudici il “Fratello numero due” dei Khmer Rossi
    Nuon Chea fu il vice di Pol Pot ed era considerato l’ideologo del regime che ha provocato la morte di quasi due milioni di persone. Alla sua prima apparizione ha contestato il fatto di essere detenuto ed ha chiesto la libertà su cauzione.

    23/11/2016 08:58:00 CAMBOGIA
    Phnom Penh, il tribunale Onu conferma l’ergastolo per due ex leader dei Khmer rossi

    I giudici hanno respinto il ricorso presentato dai legali di Nuon Chea e Khieu Samphan, condannati per crimini contro l’umanità. Entrambi dovranno affrontare un secondo processo per genocidio. Rigettate le istanze relative a vizi procedurali e mancanza di imparzialità del primo grado. Presidente tribunale: Il carcere a vita “è la giusta pena”. 

     



    12/11/2007 CAMBOGIA
    Arrestato Ieng Sary, ex leader dei Khmer Rossi
    È stato prelevato insieme alla moglie stamane all’alba. È accusato di “deportazioni, lavori forzati e uccisioni illegali” durante il regime del terrore. Dovrà presentarsi davanti al tribunale patrocinato dall’Onu sul genocidio cambogiano.

    12/07/2006 CAMBOGIA
    Si avvicina il processo e i capi dei Khmer Rossi si nascondono
    Si perdono  le tracce di vecchi leader del regime come Khieu Samphan, mentre danno poco affidamento i giudici cambogiani e aumentano i dubbi sul regolare svolgimento del processo.

    07/08/2014 CAMBOGIA
    Phnom Penh: tribunale Onu condanna all’ergastolo due ex leader dei Khmer rossi
    Si tratta di Nuon Chea - “fratello numero due” e vice di Pol Pot - e Khieu Samphan, ex capo di Stato del regime. Entrambi sono stati riconosciuti colpevoli di crimini contro l’umanità. I legali parlano di “ingiustizia” e annunciano ricorso in appello. Soddisfazione fra i parenti delle vittime, ma l’odio “resta immutato”.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®