28 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 14/03/2012, 00.00

    PAKISTAN – ONU

    Petizione all’Onu per Asia Bibi. In Pakistan, un’altra cristiana accusata di blasfemia



    Al Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite 50 attivisti e intellettuali hanno presentato un appello a Islamabad, per la liberazione della donna. I firmatari denunciano gli abusi perpetrati in base alla “legge nera” e le pessime condizioni in carcere. Intanto a Lahore emerge un nuovo caso: una 26enne denunciata perché si è rifiutata di convertirsi all’islam.

    Ginevra (AsiaNews) - Nel giorno in cui in Pakistan un'altra giovane donna viene accusata di blasfemia, alle Nazioni Unite 50 attivisti per i diritti umani e personalità politiche di primo piano - fra cui un ex presidente dell'Assemblea Onu - lanciano una petizione al governo di Islamabad per la liberazione di Asia Bibi. Cristiana e madre di cinque figli, nel novembre 2010 Asia è stata condannata a morte in base alla "legge nera" ed è in attesa della sentenza di appello, rinchiusa in isolamento nel carcere femminile di Sheikhupura (nel Punjab). Per la sua liberazione si sono mobilitati anche il governatore del Punjab Salman Taseer e Shahbaz Bhatti, ministro per le Minoranze religiose: entrambi sono stati assassinati lo scorso anno, per mano degli estremisti islamici. Anche Benedetto XVI ha lanciato un appello per la liberazione di Asia Bibi, provata nel fisico e nel morale dalla lunga prigionia.

    Al Palazzo delle Nazioni di Ginevra in Svizzera, sede europea della rappresentanza Onu, è in corso la 19ma sessione del Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, che si concluderà il 23 marzo prossimo. La petizione è stata illustrata ieri a oltre 400 attivisti per i diritti umani dalla giornalista di France 24 Anne-Isabelle Tollet, autrice del libro "Blasfema", in cui si racconta la storia di Asia Bibi. Fra i firmatari del documento in cui si invoca "l'urgente liberazione" della donna cristiana, vi sono anche Jan Kavan, presidente dell'Assemblea generale Onu nel 2002-3; l'attivista cinese Yang Jianli, prigioniera di coscienza e sopravvissuta al massacro di piazza Tiananmen; Christina Fu presidente di New Hope Foundation; Vanee Meisinger, del Pan Pacific and Southeast Asia Women's Association of Thailand.

    L'appello ricorda il "crimine" commesso da Asia Bibi (nella foto con due figli), ovvero aver bevuto un bicchiere d'acqua raccolta da un pozzo di proprietà di un musulmano. Da qui l'accusa di aver "infettato" la fonte, poi la discussione con le altre donne e, infine, l'incriminazione per aver "insultato il profeta Maometto". Il documento denuncia anche le infime condizioni della cella in cui è rinchiusa la donna, che "può toccare le due pareti solo allungando le braccia". Da ultimo, i firmatari evidenziano gli abusi commessi in base alla "legge nera", pretesto per colpire rivali in affari e minoranze etniche e religiose. In conclusione, l'appello al governo della Repubblica islamica del Pakistan a "liberare Asia Bibi".

    Intanto in Pakistan un'altra giovane donna cristiana è stata accusata di blasfemia. La polizia del distretto di Bahawalnagar, a Lahore, ha incriminato la 26enne Shamim, madre di una bambina di cinque mesi, per "insulti al profeta Maometto". Il fatto è avvenuto lo scorso 28 febbraio, ma è emerso solo ieri mentre la giovane è ancora sotto la custodia delle forze dell'ordine. Secondo la famiglia, Shamim è stata "ingiustamente accusata" perché avrebbe rifiutato di convertirsi all'islam. La resistenza opposta ha spinto un gruppo di parenti - che di recente hanno abbracciato la fede di Maometto - a denunciarla in base alla "legge nera". 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/03/2012 PAKISTAN
    Lahore, paura e angoscia fra i familiari della giovane arrestata per blasfemia
    Shamim Masih è da giorni in stato di fermo con l’accusa di aver insultato Maometto. Fonti locali raccontano è stata punita per essersi rifiutata di convertirsi all’islam. La famiglia in silenzio nel timore di rappresaglie. Vescovo di Islamabad: un “nuovo abuso” contro i cristiani in nome della “legge nera”.

    31/03/2011 PAKISTAN
    Ministro pakistano all’Interpol e al Papa: punite il rogo del Corano in Florida
    Rehman Malik ha scritto lettere a Benedetto XVI e all’agenzia internazionale, chiedendo la condanna del gesto e provvedimenti esemplari. Il Senato approva una risoluzione in cui chiede agli Usa di colpire il predicatore evangelico. I cristiani pakistani sottolineano l’appartenenza al Paese e biasimano il “folle” gesto, causa di nuove persecuzioni.

    30/03/2011 PAKISTAN
    Shahbaz Batthi ucciso da una “mafia” di fondamentalisti che tengono in ostaggio il governo
    Il ministro delle minoranze, Salman Taseer e altri vittime di “movimenti organizzati” che lottano per il potere. Le violenze hanno generato paure tali da far cadere ogni discussione in merito alla legge sulla blasfemia. Ma i cristiani devono coltivare la speranza e, con l’aiuto della Chiesa universale, costruire un futuro migliore.

    24/05/2011 PAKISTAN
    Asia Bibi: dopo la morte di Bin Laden, rafforzata la sicurezza in carcere
    Il presidente della Masihi Foundation conferma il crescente livello di allerta attorno alla madre cattolica, condannata a morte per blasfemia. La fede della donna resta salda, prega e digiuna per i cristiani e il Pakistan. L’attivista aggiunge che nel Paese prende piede “una forma peggiore di estremismo”.

    20/04/2011 PAKISTAN
    Candele accese per Asia Bibi. Vescovo di Islamabad: la fede la renderà libera
    In Pakistan e in tutto il mondo preghiere e messe speciali per la 45enne cristiana, condannata a morte per blasfemia. Intanto è al sicuro con la famiglia Arif Masih, arrestato e poi prosciolto in base alla legge nera. Ad AsiaNews dichiara di essere in buone condizioni, in carcere nessuna violenza. Nuovo attacco contro un cristiano a Mardan.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®