26 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 23/11/2009, 00.00

    SRI LANKA

    Piccoli pescatori dello Sri Lanka: il governo calpesta i nostri diritti e l'ambiente

    Melani Manel Perera

    Nella Giornata mondiale della pesca il National Fisheries Solidarity Movement accusa il sistema che protegge le grandi società ittiche e danneggia i piccoli pescatori e la fauna marina. Appello al presidente Rajapaksa.
    Tangalle (AsiaNews) - Oltre 1200 pescatori artigianali dello Sri Lanka si sono raccolti nella Town Hall di Tangalle per chiedere il rispetto dei loro diritti e la fine della diffusa illegalità che minaccia il mercato ittico nel Paese.
     
    Il raduno, promosso dalla National Fisheries Solidarity Movement (Nafso), sé è svolto il 21 novembre, in occasione della Giornata mondiale della pesca (foto). Gli organizzatori hanno scelto per tema: “Verso una pesca sostenibile nello Sri Lanka, assicurando le vittorie del popolo e proteggendo il ruolo della legge”. Il luogo dell’incontro, situato davanti all’abitazione del presidente Mahinda Rajapaksa a Tangalle, era un chiaro riferimento al destinatario delle loro richieste.
     
    Ansan Fernando, pescatore del villaggio di Balapitiya e presidente del Conisglio generale del Nafso afferma: “Siamo molto scontenti e scoraggiati al vedere che nel nostro Paese la legge sta andando all’inferno. Quando il presidente Rajapaksa era Ministro della pesca [1997, ndr] abbiamo iniziato a manifestare contro l’uso di reti illegali. Allora ci aveva detto che una volta eletto presidente avrebbe sradicato il problema dal Paese. È stato eletto nel 2005, siamo ormai alla fine de 2009 e le promesse sono ancora lì”.
     
    I piccoli pescatori dello Sri Lanka combattono da anni contro i metodi invasivi di pesca usati dalle grandi società ittiche. Essi hanno un impatto ambientale devastante sulla flora marina, decimano la fauna e privano intere famiglie dell’unica fonte di sostentamento economico.
     
    Nel 1996 il governo ha varato una legge che bandisce questi metodi illegali ed il 21 luglio 2009 la Corte suprema ha dato ordine di estendere la norma a tutto il Paese. “Ma il problema - dice Ansan Fernando – è che sono gli stessi funzionari ed in particolar modo la polizia a non far rispettare il bando della Corte. Oggi chiediamo al Presidente: Dove sei? Perché non puoi mettere mano a questo problema?”.
     
    I piccoli pescatori rappresentano la maggioranza degli operatori del settore, ma lamentano che il governo favorisce solo i grandi operatori. Ananda Peiris, responsabile del Nafso a Trincomalee, afferma: “Al presidente noi chiediamo solo di proteggere il nostro mare, la pesca nelle nostre acque ed il sostentamento dei piccoli pescatori - che sono la maggioranza - facendo rispettare l’rodine della Corte suprema contro le reti illegali”.
     
    Per i membri del Nafso il governo di Colombo attua politiche discriminatorie nei loro confronti. I piccoli pescatori devono anche fare i conti con frequenti espropri di terreni costieri per fare spazio a alberghi e ristoranti che limitano il loro accesso al mare e grandi porti in cui non possono attraccare.
     
    Intervenendo all’incontro del 21 novembre Herman Kumara, segretario generale del World Forum of Fisher People (Wffp), ha sottolineato che ora, ai disagi e alle discriminazioni, si aggiungono anche le minacce. Negli ultimi mesi i pescatori di Negombo, Mannar e Colombo hanno subito maltrattamenti proprio dalle forze di sicurezza e Kumara dice: “Con la fine della guerra siamo scesi per le strade a festeggiare. Ma che libertà abbiamo guadagnato se il nostro popolo non può permettersi l’auto-sostentamento, se non possiamo vivere senza paura e senza fiducia, se non abbiamo libertà di espressione?”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/10/2009 SRI LANKA
    Pescatori di Batticaloa alla fame a causa di pesca illegale e siccità
    La polizia permette metodi di pesca vietati dalla legge e non punisce i trasgressori. I ricavi ridotti da 2 mila rupie a 50.

    12/12/2009 SRI LANKA
    Sri Lanka: pescatori di Negombo protestano contro governo e polizia
    Nel Giornata per la difesa dei diritti umani 500 aderenti al National Fisheries Solidarity Movement e ad altre associazioni del settore ittico hanno manifestato contro la pesca illegale e la latitanza di governo e polizia. Per loro la politica di Colombo favorisce la logica del profitto e lo sviluppo del turismo a danno dei piccoli pescatori.

    16/06/2009 SRI LANKA
    Preoccupazione per la sorte dei 51 pescatori dello Sri Lanka arrestati nelle Andamane indiane
    Da tre mesi sono nelle carceri dell’arcipelago sulla Baia del Bengala. Sono stati arrestati per aver violato le acque territoriali indiane. I familiari chiedono al governo di Colombo di fare pressioni su New Delhi per il rilascio.

    03/07/2010 SRI LANKA
    Sri Lanka per gli sfollati della guerra e dello tsunami nasce il Tribunale del popolo
    Il governo non aiuta le centinaia di migliaia di persone rimaste senza terra. Il network Prajaabhilasha fonda il Tribunale “per eliminare ogni barriera legale che impedisce di risolvere i problemi delle comunità colpite”.

    21/12/2009 SRI LANKA
    Sri Lanka: giovani singalesi e tamil insieme per la pace oltre i pregiudizi
    Dall’11 al 13 dicembre la National Fisheries Solidarity Movement ha promosso tre giorni di convivenza per ragazzi provenienti dal nord e dal sud dell’isola. Il coordinatore dell’iniziativa: La guerra è finita, ma restano le contraddizioni. Uno dei ragazzi partecipanti: ci sono ancora troppe barriere, fisiche e mentali, che noi vogliamo rimuoverle per costruire una libertà vera.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®