24 Aprile 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/11/2009 14:02
SRI LANKA
Piccoli pescatori dello Sri Lanka: il governo calpesta i nostri diritti e l'ambiente
di Melani Manel Perera
Nella Giornata mondiale della pesca il National Fisheries Solidarity Movement accusa il sistema che protegge le grandi società ittiche e danneggia i piccoli pescatori e la fauna marina. Appello al presidente Rajapaksa.

Tangalle (AsiaNews) - Oltre 1200 pescatori artigianali dello Sri Lanka si sono raccolti nella Town Hall di Tangalle per chiedere il rispetto dei loro diritti e la fine della diffusa illegalità che minaccia il mercato ittico nel Paese.
 
Il raduno, promosso dalla National Fisheries Solidarity Movement (Nafso), sé è svolto il 21 novembre, in occasione della Giornata mondiale della pesca (foto). Gli organizzatori hanno scelto per tema: “Verso una pesca sostenibile nello Sri Lanka, assicurando le vittorie del popolo e proteggendo il ruolo della legge”. Il luogo dell’incontro, situato davanti all’abitazione del presidente Mahinda Rajapaksa a Tangalle, era un chiaro riferimento al destinatario delle loro richieste.
 
Ansan Fernando, pescatore del villaggio di Balapitiya e presidente del Conisglio generale del Nafso afferma: “Siamo molto scontenti e scoraggiati al vedere che nel nostro Paese la legge sta andando all’inferno. Quando il presidente Rajapaksa era Ministro della pesca [1997, ndr] abbiamo iniziato a manifestare contro l’uso di reti illegali. Allora ci aveva detto che una volta eletto presidente avrebbe sradicato il problema dal Paese. È stato eletto nel 2005, siamo ormai alla fine de 2009 e le promesse sono ancora lì”.
 
I piccoli pescatori dello Sri Lanka combattono da anni contro i metodi invasivi di pesca usati dalle grandi società ittiche. Essi hanno un impatto ambientale devastante sulla flora marina, decimano la fauna e privano intere famiglie dell’unica fonte di sostentamento economico.
 
Nel 1996 il governo ha varato una legge che bandisce questi metodi illegali ed il 21 luglio 2009 la Corte suprema ha dato ordine di estendere la norma a tutto il Paese. “Ma il problema - dice Ansan Fernando – è che sono gli stessi funzionari ed in particolar modo la polizia a non far rispettare il bando della Corte. Oggi chiediamo al Presidente: Dove sei? Perché non puoi mettere mano a questo problema?”.
 
I piccoli pescatori rappresentano la maggioranza degli operatori del settore, ma lamentano che il governo favorisce solo i grandi operatori. Ananda Peiris, responsabile del Nafso a Trincomalee, afferma: “Al presidente noi chiediamo solo di proteggere il nostro mare, la pesca nelle nostre acque ed il sostentamento dei piccoli pescatori - che sono la maggioranza - facendo rispettare l’rodine della Corte suprema contro le reti illegali”.
 
Per i membri del Nafso il governo di Colombo attua politiche discriminatorie nei loro confronti. I piccoli pescatori devono anche fare i conti con frequenti espropri di terreni costieri per fare spazio a alberghi e ristoranti che limitano il loro accesso al mare e grandi porti in cui non possono attraccare.
 
Intervenendo all’incontro del 21 novembre Herman Kumara, segretario generale del World Forum of Fisher People (Wffp), ha sottolineato che ora, ai disagi e alle discriminazioni, si aggiungono anche le minacce. Negli ultimi mesi i pescatori di Negombo, Mannar e Colombo hanno subito maltrattamenti proprio dalle forze di sicurezza e Kumara dice: “Con la fine della guerra siamo scesi per le strade a festeggiare. Ma che libertà abbiamo guadagnato se il nostro popolo non può permettersi l’auto-sostentamento, se non possiamo vivere senza paura e senza fiducia, se non abbiamo libertà di espressione?”.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
30/10/2009 SRI LANKA
Pescatori di Batticaloa alla fame a causa di pesca illegale e siccità
di Melani Manel Perera
12/12/2009 SRI LANKA
Sri Lanka: pescatori di Negombo protestano contro governo e polizia
di Melani Manel Perera
16/06/2009 SRI LANKA
Preoccupazione per la sorte dei 51 pescatori dello Sri Lanka arrestati nelle Andamane indiane
di Melani Manel Perera
03/07/2010 SRI LANKA
Sri Lanka per gli sfollati della guerra e dello tsunami nasce il Tribunale del popolo
di Melani Manel Perera
21/12/2009 SRI LANKA
Sri Lanka: giovani singalesi e tamil insieme per la pace oltre i pregiudizi
di Melani Manel Perera

In evidenza
ITALIA - ASIA
Pasqua, la vittoria sulla morte e l'impotenza
di Bernardo Cervellera
SIRIA
Gesuita siriano: Mi manchi, p. Frans. Hai ispirato tutti noi
di Tony Homsy*Un giovane sacerdote della Compagnia ricorda la vita e l'operato di p.Frans van der Lugt, ucciso a Homs dopo aver rifiutato di abbandonare la popolazione piagata da fame e guerra: "Ha dato e continua a dare tutto per la Chiesa, per la Siria, per la pace. La sua testimonianza e le sue doti ne hanno fatto un missionario e un testimone del Vangelo eccezionale". Per gentile concessione del "thejesuitpost" (traduzione a cura di AsiaNews).
FRANCIA - IRAQ
Patriarca caldeo: il futuro fosco dei cristiani d'Oriente, ricchezza in via di estinzione per Occidente e Islam
di Mar Louis Raphael I SakoLe guerre in Iraq, Libia e Afghanistan hanno peggiorato la condizione dei popoli, in particolare le minoranze. Le politiche fallimentari promosse dall'Occidente. Cresce il fondamentalismo, la Primavera araba svuotata dagli estremismi. Il ruolo delle autorità musulmane nella tutela di diritti e libertà religiosa. La presenza dei cristiani in Medio oriente è fondamentale per i musulmani.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate