28 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/07/2013, 00.00

    SIRIA - VATICANO

    Possibile rapimento del gesuita p. Dall'Oglio. Stupore nella nunziatura di Damasco



    In Siria dagli anni '80, dove ha costituito una comunità monastica islamo-cristiana, p. Paolo Dall'Oglio era stato espulso da Assad nel 2012. Rientra ogni tanto in Siria dalla parte controllata dai ribelli, dei quali è amico. Si stanno verificando le notizie. Il Paese è nel caos e "non si vede la fine del tunnel".

    Damasco (AsiaNews) - Sorpresa, stupore e cautela dominano nella nunziatura vaticana di Damasco alla notizia del rapimento - non confermato - del gesuita p. Paolo Dall'Oglio (v. foto).

    "Qualche volta, quando è in Siria, ci telefona - dice ad AsiaNews il nunzio mons. Mario Zenari -. Questa volta non sapevamo nulla. Anch'io ho appreso la notizia stamane e subito mi ha meravigliato. Attendo di vedere se è vera".

    Dall'Italia, anche il ministero degli esteri sta verificando la notizia.

    Secondo alcune agenzie, p. Paolo sarebbe entrato in Siria nel nord, in una zona controllata dai ribelli e sarebbe stato rapito a Raqqa, da gruppi integralisti, che farebbero parte del gruppo per lo Stato islamico dell'Iraq e del Levante, nemici di Assad.

    "Mi sorprende - continua il nunzio - che a lui sia successo questo. In quelle zone lui è conosciuto, e gode di un certo rispetto nelle zone dei ribelli".

    P. Dall'Oglio, romano di 58 anni, dal 1982 ha lavorato per il restauro del monastero cattolico Mar Musa (Monastero di San Mosè l'Abissino), nel deserto a nord della capitale siriana, costituendo una comunità monastica aperta al dialogo con l'islam. Allo scoppiare della cosiddetta "primavera araba" a Damasco, p. Dall'Oglio ha assunto posizioni critiche verso il regime di Assad e così, nel 2011, Damasco ha decretato la sua espulsione, avvenuta poi nel 2012. Lasciato il Paese, p. Dall'Oglio è spesso rientrato nel nord controllato dai ribelli siriani.

    Mons. Zenari spinge alla cautela: "Qui in Siria girano spesso notizie che poi si sono rivelate false o imprecise, come quella sui tre frati decapitati, che non erano frati; o quella sull'avvenuta liberazione dei due vescovi ortodossi, dimostratasi falsa".

    "Alla fine - conclude il nunzio - in Siria non c'è da sorprendersi più di nulla, dato il caos che regna. All'inizio la situazione era abbastanza chiara, ma ora è  molto complicata e il conflitto si è intrecciato a non finire. Quello che è da sottolineare è la sofferenza della povera gente, i diritti umani violati, ma capire le intenzioni di tutti, come si muovono, chi ci sta dietro, chi ha più ragione e chi più torto, dove si sta andando. È un compito immane e intanto il Paese va a rotoli e non si vede la fine del tunnel".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/10/2012 SIRIA - VATICANO
    Commissione Onu: Centinaia di jihadisti in territorio siriano
    Gruppi legati ad Al Qaeda ricevono armi da Arabia saudita e Qatar e rischiano di "radicalizzare" il conflitto. Per l'Onu la loro presenza è "pericolosa" perché "non combattono per la democrazia e la libertà, ma per una loro agenda". I tentativi di Brahimi per una tregua durante la festa di Eid al-Adha. A Damasco si attende la delegazione vaticana, voluta dal papa per esprimere la vicinanza della Chiesa ai cristiani siriani e alla popolazione. L'unica via è "una soluzione politica".

    26/07/2015 VATICANO-SIRIA
    Papa: Pressante appello per la liberazione di p. Dall’Oglio, rapito da due anni in Siria
    Papa Francesco all’Angelus ricorda il sacerdote gesuita, i due vescovi ortodossi e tutti i rapiti, per i quali fa recitare un’Ave Maria ai presenti. Alla presenza di due giovani, apre le iscrizioni alla Gmg di Cracovia e vi si iscrive con un tablet. Commentando il vangelo di oggi: “Chi di noi non ha i suoi “cinque pani e due pesci”? Se siamo disposti a metterli nelle mani del Signore, basteranno perché nel mondo ci sia un po’ più di amore”.

    31/03/2014 VATICANO-SIRIA
    Mons. Zenari: Il Papa porta nel suo cuore le sofferenze dei siriani
    Il nunzio di Damasco ammette che il conflitto siriano viene "dimenticato". Il pontefice apprezzato da cristiani e musulmani, dal popolo e dalle autorità siriane. L'appello del papa perché vi sia "un più di umanità".

    28/08/2012 SIRIA - VATICANO
    Nunzio vaticano a Damasco: In Siria continua la discesa agli inferi
    Mons. Mario Zenari commenta per AsiaNews le notizie del massacro a Daraya, di cui ribelli e governo si accusano reciprocamente. La fuga in Libano del vescovo melkita di Aleppo. Molti cristiani in Siria salvati proprio per la loro confessione religiosa. Il conflitto in Siria non è una facile "Primavera araba", ma qualcosa di molto più complesso, con conseguenze "tragiche e inimmaginabili".

    20/11/2016 12:19:00 VATICANO-SIRIA
    Il card. Zenari al Papa: Chiesa della Misericordia dove milioni sono “lasciati morti o mezzi morti”

    Nell’indirizzo di saluto al pontefice, il neo cardinale, nunzio apostolico in Siria, traccia alcune linee del pontificato di papa Francesco e l’impegno della Chiesa nell’essere “Buon Samaritano” in molte parti della terra, vivendo la gioia della fede e il martirio.





    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®