20/08/2008, 00.00
NEPAL
Invia ad un amico

Prachanda a Pechino per la chiusura delle Olimpiadi, gelo dell’India

di Kalpit Parajuli
New Delhi ha molto insistito perché il neopremier visitasse prima l’India. Kathmandu risponde che non è un viaggio politico, ma solo la partecipazione a un evento sportivo.

Kathmandu (AsiaNews) – Il neopremier nepalese, il maoista Pushpa Kamal Dahal alias Prachanda, con ogni probabilità sarà a Pechino per la cerimonia di chiusura delle Olimpiadi. Gelo dell’India, tradizionale partner nel Nepal, che per prima si è congratulata con Prachanda invitandolo a New Delhi.

E’ tradizione che il premier nepalese vada in India come primo viaggio ufficiale. Ma Prachanda ha già indicato che partirà il 23 agosto per Pechino. Cosa che anche permette al Partito indiano d’opposizione Bharatiya Janata, nazionalista indù, di rinfocolare le sue pretese nazionaliste, dicendosi “preoccupato per i 7 milioni di nepalesi che vivono in India se il nuovo governo va contro l’India, l'hindi e l’induismo in Nepal”.

Il leader maoista Mohan Baidhya, meglio noto come Kiran conferma ad AsiaNews che “l’India ha molto cercato di impedire questa visita in Cina, ha anche detto che non è opportuno andarci così presto. Ma non è un evento politico, il premier parteciperà solo a un evento olimpico e ripartirà”. Il governo nepalese non era rappresentato alla cerimonia d’apertura.

Prachanda è accusato dagli stessi alleati politici di voler mantenere una scorta personale composta da guerriglieri maoisti, ma risponde che è necessaria per la tutela del proprio partito e il precedente governo gli ha consentito una scorta di 30 guerriglieri.

Gli altri partiti osservano che ciò svilisce l’esercito nazionale.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nuove tensioni tra ribelli maoisti e governo
26/10/2009
Calma nella Kathmandu isolata, ma cresce la tensione
20/08/2004
Per il compleanno di Buddha, i maoisti confessano i loro crimini
20/05/2008
I cattolici nepalesi celebrano l'Anno dell'Eucarestia
09/07/2005
Mindanao, la Chiesa "lavora per i tribali, non per i ribelli"
23/08/2006