31 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 06/09/2004
india
Prima festa ufficiale per la beata Madre Teresa

Calcutta (AsiaNews/Ucan) – Le suore Missionarie della Carità di tutto il mondo hanno festeggiato ieri insieme a numerosi devoti, la loro fondatrice: la beata Teresa di Calcutta. La liturgia cattolica non prevede la celebrazione di feste di santi nella giornata di domenica. L'arcidiocesi di Calcutta e le 719 case delle missionarie hanno avuto però il permesso del Vaticano.

"Era difficile spiegare alla gente che non si poteva ricordare la morte di madre Teresa di domenica", ha raccontato suor Lynn Mascarenhas, vice postulatore per la canonizzazione di madre Teresa. A Calcutta, sede della casa generalizia e base della missione della beata, la  festività è stata particolarmente sentita. Le celebrazioni domenicali hanno seguito una novena di preghiera, iniziata il 26 agosto, giorno della nascita di madre Teresa. Per l'occasione le suore hanno scritto delle preghiere da distribuire ai fedeli. I testi sono tutti "approvati dalla Chiesa", ha spiegato suor Lynn. Centinaia di persone hanno cantato e pregato davanti alla statua della beata nella casa generalizia, dove si trova anche la sua tomba. Il sabato precedente, 4 settembre, religiose, sacerdoti e volontari di varie religioni si sono raccolti nella cappella della casa generalizia. Qui sotto l'altare è conservata e esposta al pubblico una goccia del suo sangue.

Suor Nirmala, la madre generale dell'ordine, ha detto che ieri, durante le funzioni, tutte le suore hanno ringraziato Dio perché madre Teresa dal paradiso intercede per loro. "Lei ci conosce tutte e conosce i nostri bisogni", ha aggiunto suor Nirmala.

Dopo la messa i fedeli si sono raccolti intorno alla tomba  di marmo bianc0, dove hanno deposto fiori, candele e incensi profumati. Membri dell'All India Minority Forum, rappresentanti le comunità cristiana, indù, musulmana e sikh, davanti alla tomba hanno pregato per la pace. Igalorsi Kaoru, un protestante giapponese volontario, ha suonato inni sacri. Antara Purkait, una bambina orfana di 10 anni, adottata da una famiglia indù tramite le suore della carità, ha posto una ghirlanda di fiori sulla statua. Ha detto che tutti i giorni, prima di andare a scuola,  prega madre Teresa.

Le novizie hanno poi ballato e cantato nel cortile, dove su un muro è appeso il ritratto di madre Teresa, che era servito per la beatificazione. Fino al 13 settembre, giorno della sepoltura della beata, le suore offriranno pasti ai poveri.

Madre Teresa era nata nel 1910 a Skopje, Macedonia. Arrivò in India nel 1929. Nel 1950 fondò la congregazione delle missionarie della Carità. È morta per arresto cardiaco a Calcutta il 5 settembre 1997. Il 19 ottobre 2003 ha ricevuto la beatificazione. Alla canonizzazione manca ancora la certificazione di un miracolo avvenuto tramite sua intercessione.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
29/08/2006 India
Kolkata, il 96mo anniversario della nascita di Madre Teresa
25/08/2010 INDIA
Madre Teresa e Nirmal Hriday: il miracolo della gioia nella Casa dei morenti
di Nirmala Carvalho
25/03/2009 INDIA
Una tedesca alla guida delle suore di Madre Teresa di Calcutta
26/08/2005 india
Il Kerala festeggia la Giornata per gli orfani in onore di Madre Teresa
26/08/2009 INDIA
Prepariamoci ai 100 anni dalla nascita di Madre Teresa di Calcutta
di Mary Prema*

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate