30 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 23/03/2007, 00.00

    CINA

    Protestano contro l'esproprio di terreni: un morto e 10 feriti gravi



    Un gruppo di contadini dell’isola di Guangzhou si è scontrato contro gli operai di un cantiere che costruiva sulle loro terre. Nel Jiangxi, manifestanti bloccano la ferrovia per protestare contro il nuovo piano regolatore.
    Guangzhou (AsiaNews) – Per protestare contro la requisizione delle loro terre, un gruppo composto da circa 100 contadini di una piccola isola della Cina meridionale si è scontrato contro gli operai della ditta che sta costruendo sui loro terreni. Uno dei manifestanti è morto, mentre altri dieci sono ricoverati in gravi condizioni. Lo riporta Radio Free Asia.
     
    Un quotidiano governativo, lo Yangcheng Evening News, conferma lo scontro ma sostiene che esso è nato “per un problema collegato al traffico”: la requisizione dei circa 130 ettari di terreno ad opera del governo contro gli abitanti dell’isola di Guangzhou, che si trova davanti all’omonima metropoli, non viene neanche menzionata.
     
    In effetti, il primo confronto fra contadini ed operai si è verificato il 20 marzo scorso, dopo che un camion in manovra aveva ferito uno degli abitanti locali. La ditta si è rifiutata di pagare le spese mediche del ferito, che si trova tuttora ricoverato in ospedale.
     
    Esasperati, i locali si sono riuniti davanti al cantiere per protestare. Per disperderli, la ditta gli ha mandato contro operai armati di tubi e bastoni e “teppisti non identificati”, che hanno iniziato a colpire all’impazzata. Chen Yongqi, 42 anni, è morto per una ferita alla testa procurata da una mazza di ferro.
     
    Le proteste sociali sono in costante aumento su tutto il territorio cinese, nonostante i ripetuti appelli della leadership comunista, che chiede ai governi locali di costruire una “società armoniosa”. Liu Jinguo, vice ministro per la Sicurezza sociale, aveva già affrontato l’argomento all’inizio di gennaio, nel corso di una conferenza nazionale sull’ordine pubblico. Per il dirigente, nel 2006 gli scontri sociali sono diminuiti del 16,5 %, rispetto alle oltre 87mila proteste del 2005.
     
    Eppure, le proteste diventano sempre più violente ed organizzate, come dimostra il blocco della ferrovia di Guixi, nella provincia meridionale dello Jianxi, attuato da 200 manifestanti che protestavano contro i cambi al piano regolatore della zona.
     
    La protesta si è protratta per oltre quattro ore, e si è conclusa solo dopo che l’intervento della polizia che, in tenuta anti-sommossa, ha sfollato con la violenza i manifestanti.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/01/2007 CINA
    Esproprio delle terre, prima causa di conflitti e scontri sociali
    Secondo il vice direttore dell’Ufficio centrale per gli Affari finanziari ed economici, oltre il 50 % di tutte le proteste nella Cina rurale nasce dalla requisizione di terre ai contadini da parte dei dirigenti locali. Esclusa l’ipotesi privatizzazione.

    13/03/2007 CINA
    Soldati attaccano 20mila contadini: un morto e dozzine di feriti
    Gli abitanti del villaggio di Zhushan, nell’Hunan, protestavano contro l’aumento del costo dei trasporti pubblici. Nata in maniera pacifica, la manifestazione è divenuta violenta dopo che le autorità hanno inviato dei teppisti ad intimidire la folla. La vittima è uno studente liceale.

    14/03/2007 CINA
    Più truppe per sedare la protesta nell’Hunan
    Gli scontri violenti che hanno ucciso uno studente, erano nati per un aumento del costo dei trasporti pubblici. Soldati anche da Guangzhou, per controllare la zona.

    27/08/2007 CINA
    Harbin, contadini in rivolta contro il furto dei terreni: un morto e diversi feriti
    Un gruppo di investitori ha pianificato il furto delle terre di un villaggio nei pressi di Harbin. Per protesta, i contadini hanno montato dei blocchi stradali, ma sono stati attaccati da polizia e uomini in borghese inviati dagli industriali per liberare la zona.

    07/02/2006 Cina
    Cina, contadini difendono attivista per i diritti umani

    Continua la protesta nelle campagne cinesi, sempre di più in tensione per il malgoverno e la corruzione dei leader. Ogni giorno Pechino registra fra le 120 e le 230 proteste sociali.





    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®