Skin ADV
06 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 21/07/2012, 00.00

    NEPAL

    Quadri maoisti lanciano poltrone contro il primo ministro del Nepal

    Kalpit Parajuli

    Oltre 500 ex guerriglieri hanno sferrato l’attacco accusando la dirigenza di corruzione, e chiedendo trasparenza economica. Nell’incidente, anche presidente e vicepresidente sarebbero stati presi di mira. Un comunicato ufficiale parla invece di “semplice discussione”, mentre la leadership si chiude in un no comment.

    Kathmandu (AsiaNews) - Più di 500 ex guerriglieri maoisti nepalesi hanno attaccato il presidente del partito comunista Pushpa Kamal Dahal, il vice presidente e il premier Baburam Bhattarai lanciando loro poltrone e sedie, accusandoli di corruzione e chiedendo trasparenza economica. L'aggressione è avvenuta ieri nel bel mezzo del 7mo incontro plenario del Cpn (Communist Party of Nepal). I leader politici non hanno voluto rilasciare alcuna dichiarazione a riguardo. Tuttavia, in tarda serata il partito ha diffuso un comunicato ufficiale, parlando di "semplice discussione" ed escludendo l'aggressione fisica.

    Qualche giorno prima, Saral Sahayatri Poudel, ex comandante del People's Liberation Army (Pla, braccio armato del partito comunista), ha presentato un rapporto, in cui si chiede al partito di rendere pubblica la posizione fiscale dei dirigenti e dei quadri saliti al governo dopo il 2006. Inoltre, il documento chiede alla leadership del partito trasparenza nelle spese sostenute, e di garantire gli indennizzi agli ex combattenti con disabilità.

    Intanto, il partito ha formato due commissioni d'inchiesta, per indagare sulle irregolarità finanziare interne. A testimonianza del difficile momento che sta attraversando il Cpn, sei dei sette ex comandanti maoisti di divisione si sono dimessi in massa dal partito, accusando il presidente Dahal di cospirazione, per trovare dei capri espiatori per nascondere le irregolarità commesse da persone a lui vicine.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/03/2012 NEPAL - CINA
    Nepal alleato di Pechino: arresti arbitrari e torture per i tibetani in esilio
    I rifugiati del Tibet denunciano continui controlli da parte della polizia. Il 10 marzo, 22 sono state arrestate durante una manifestazione. Per gli attivisti i campi profughi si sono trasformati in prigioni.

    07/08/2007 NEPAL
    I maoisti rompono il patto di unità nazionale
    Il partito comunista abbandona la coalizione di governo e minaccia agitazioni in vista delle elezioni dell’Assemblea costituente, in programma a novembre. A rischio fallimento la missione Onu che aveva il compito di disarmare i combattenti e portare la pace nel Paese.

    24/07/2007 NEPAL – ONU
    Miliziani maoisti rompono gli accordi con l’Onu
    Un gruppo di soldati fugge dal campo militare di Yangsila, nel Nepal orientale, venendo meno al censimento di armi e truppe avviato dalle Nazioni Unite. Questioni politiche irrisolte alla base della rottura.

    02/03/2013 NEPAL
    Il Nepal nomina un Primo ministro che non può governare
    Khilaraj Regmi, presidente della Corte suprema, non potrà assumere l’incarico fino al 7 marzo. Le due cariche sono imcompatibili e la sua nomina è incostituzionale. A rischio le elezioni del 5 giugno.

    07/01/2010 NEPAL
    Rivolte maoiste: New Delhi interferisce nella politica nepalese
    Proteste sono iniziate oggi nella capitale e in altre 7 città del Paese. Il leader maoista ed ex premier Prachanda accusa l’India di guidare l’attuale governo e invita la popolazione a combattere per l’indipendenza e la sovranità della Nazione.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®