18 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/07/2012
NEPAL
Quadri maoisti lanciano poltrone contro il primo ministro del Nepal
di Kalpit Parajuli
Oltre 500 ex guerriglieri hanno sferrato l’attacco accusando la dirigenza di corruzione, e chiedendo trasparenza economica. Nell’incidente, anche presidente e vicepresidente sarebbero stati presi di mira. Un comunicato ufficiale parla invece di “semplice discussione”, mentre la leadership si chiude in un no comment.

Kathmandu (AsiaNews) - Più di 500 ex guerriglieri maoisti nepalesi hanno attaccato il presidente del partito comunista Pushpa Kamal Dahal, il vice presidente e il premier Baburam Bhattarai lanciando loro poltrone e sedie, accusandoli di corruzione e chiedendo trasparenza economica. L'aggressione è avvenuta ieri nel bel mezzo del 7mo incontro plenario del Cpn (Communist Party of Nepal). I leader politici non hanno voluto rilasciare alcuna dichiarazione a riguardo. Tuttavia, in tarda serata il partito ha diffuso un comunicato ufficiale, parlando di "semplice discussione" ed escludendo l'aggressione fisica.

Qualche giorno prima, Saral Sahayatri Poudel, ex comandante del People's Liberation Army (Pla, braccio armato del partito comunista), ha presentato un rapporto, in cui si chiede al partito di rendere pubblica la posizione fiscale dei dirigenti e dei quadri saliti al governo dopo il 2006. Inoltre, il documento chiede alla leadership del partito trasparenza nelle spese sostenute, e di garantire gli indennizzi agli ex combattenti con disabilità.

Intanto, il partito ha formato due commissioni d'inchiesta, per indagare sulle irregolarità finanziare interne. A testimonianza del difficile momento che sta attraversando il Cpn, sei dei sette ex comandanti maoisti di divisione si sono dimessi in massa dal partito, accusando il presidente Dahal di cospirazione, per trovare dei capri espiatori per nascondere le irregolarità commesse da persone a lui vicine.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/03/2012 NEPAL - CINA
Nepal alleato di Pechino: arresti arbitrari e torture per i tibetani in esilio
di Kalpit Parajuli
07/08/2007 NEPAL
I maoisti rompono il patto di unità nazionale
di Kalpit Parajuli
24/07/2007 NEPAL – ONU
Miliziani maoisti rompono gli accordi con l’Onu
di Kalpit Parajuli
02/03/2013 NEPAL
Il Nepal nomina un Primo ministro che non può governare
di Kalpit Parajuli
07/01/2010 NEPAL
Rivolte maoiste: New Delhi interferisce nella politica nepalese
di Kalpit Parajuli

In evidenza
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”
ASIA
Pasqua: il silenzio degli innocenti e il bavaglio
di Bernardo CervelleraLe violazioni alla libertà religiosa e l'atteggiamento ipocrita dell'Occidente su questo argomento rischiano di trascinare il mondo in un caos mai visto prima. Ma anche nel silenzio – della morte accettata per amore o inflitta dal potere – Dio opera. Una speranza indistruttibile sorge al mattino di Pasqua e una piccola apertura del cuore basta per invadere in un attimo tutta la vita. Buona Pasqua.
IRAN
E’ ora di giungere all’accordo con Teheran, partner affidabile nella lotta contro lo Stato islamico
di Bernardo CervelleraUna bozza di accordo sul nucleare iraniano dovrebbe essere pronta per il 31 marzo. Ma i repubblicani Usa, Israele e l’Arabia saudita sono nettamente contrari. I motivi “secondari” della loro opposizione. Con Hassan Rouhani l’Iran vuole tornare nell’alveo della comunità internazionale. La funzione mediatrice di Teheran in Medio oriente. Il nunzio vaticano: “Non vi è una sola prova che l’Iran stia preparando una bomba nucleare”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate