26 Luglio 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/07/2012
NEPAL
Quadri maoisti lanciano poltrone contro il primo ministro del Nepal
di Kalpit Parajuli
Oltre 500 ex guerriglieri hanno sferrato l’attacco accusando la dirigenza di corruzione, e chiedendo trasparenza economica. Nell’incidente, anche presidente e vicepresidente sarebbero stati presi di mira. Un comunicato ufficiale parla invece di “semplice discussione”, mentre la leadership si chiude in un no comment.

Kathmandu (AsiaNews) - Più di 500 ex guerriglieri maoisti nepalesi hanno attaccato il presidente del partito comunista Pushpa Kamal Dahal, il vice presidente e il premier Baburam Bhattarai lanciando loro poltrone e sedie, accusandoli di corruzione e chiedendo trasparenza economica. L'aggressione è avvenuta ieri nel bel mezzo del 7mo incontro plenario del Cpn (Communist Party of Nepal). I leader politici non hanno voluto rilasciare alcuna dichiarazione a riguardo. Tuttavia, in tarda serata il partito ha diffuso un comunicato ufficiale, parlando di "semplice discussione" ed escludendo l'aggressione fisica.

Qualche giorno prima, Saral Sahayatri Poudel, ex comandante del People's Liberation Army (Pla, braccio armato del partito comunista), ha presentato un rapporto, in cui si chiede al partito di rendere pubblica la posizione fiscale dei dirigenti e dei quadri saliti al governo dopo il 2006. Inoltre, il documento chiede alla leadership del partito trasparenza nelle spese sostenute, e di garantire gli indennizzi agli ex combattenti con disabilità.

Intanto, il partito ha formato due commissioni d'inchiesta, per indagare sulle irregolarità finanziare interne. A testimonianza del difficile momento che sta attraversando il Cpn, sei dei sette ex comandanti maoisti di divisione si sono dimessi in massa dal partito, accusando il presidente Dahal di cospirazione, per trovare dei capri espiatori per nascondere le irregolarità commesse da persone a lui vicine.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/03/2012 NEPAL - CINA
Nepal alleato di Pechino: arresti arbitrari e torture per i tibetani in esilio
di Kalpit Parajuli
07/08/2007 NEPAL
I maoisti rompono il patto di unità nazionale
di Kalpit Parajuli
24/07/2007 NEPAL – ONU
Miliziani maoisti rompono gli accordi con l’Onu
di Kalpit Parajuli
02/03/2013 NEPAL
Il Nepal nomina un Primo ministro che non può governare
di Kalpit Parajuli
07/01/2010 NEPAL
Rivolte maoiste: New Delhi interferisce nella politica nepalese
di Kalpit Parajuli

In evidenza
VATICANO
Papa: sono con i cristiani perseguitati di Mosul e del Medio Oriente"Il Dio della pace susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza. La violenza si vince con la pace!". All'Angelus Francesco ha commentato la parabola del buon grano e della zizzania. Dio è "paziente", sa che "la stessa zizzania, alla fine, può diventare buon grano". Ma "al tempo della mietitura, cioè del giudizio, i mietitori eseguiranno l'ordine del padrone separando la zizzania per bruciarla".
CINA - VATICANO
Pechino, i seminaristi disertano la consegna dei diplomi: Non celebriamo messa con i vescovi illecitiIl rettore del seminario è il vescovo illecito Giuseppe Ma Yinglin: gli studenti rifiutano di concelebrare con lui e respingono anche mons. Fang Xingyao, che ha partecipato a diverse ordinazioni episcopali illecite. La direzione chiude l'anno senza dare diplomi e rimanda tutti a casa: voci dicono che a settembre alcuni corsi "non ripartiranno". Il precedente del 2000, quando 130 giovani preferirono la fedeltà al Papa piuttosto che il compromesso con il governo.
HONG KONG-VATICANO-CINA
Card. Zen: Libertà religiosa e libertà civili sono unite, per la Cina e per Hong Kong
di Bernardo CervelleraConversazione a tutto campo con il vescovo emerito di Hong Kong: il coraggio di mons. Ma Daqin, che ha inviato un messaggio a papa Francesco; i cattolici sotterranei pronti anche a farsi arrestare; i sospetti sulla sincerità di Pechino nel possibile dialogo con la Santa Sede. E sul fronte di Hong Kong, la marcia per il referendum sulla democrazia; il sostegno a "Occupy Central"; la paura del governo e gli arresti. Per il card. Zen libertà religiosa e libertà civili vanno insieme.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate