31/07/2010, 00.00
PAKISTAN
Invia ad un amico

Quasi 500 morti per le piogge monsoniche nel nord Pakistan

Sono le piogge peggiori da oltre 80 anni. Si temono oltre 6 mila vittime. La zona più colpita è il nord-ovest del Pakistan e la Swat Valley, un luogo di turismo. Molte zone sono isolate.
Peshawar (AsiaNews/Agenzie) – Quasi 500 persone sono state uccise dalle alluvioni o dalle frane fra Pakistan e Afghanistan. La maggior parte è morta nel nord-ovest del Pakistan; circa 60 sono morti in Afghanistan.
 
Forti piogge monsoniche cadute da giorni hanno distrutto strade, ponti, case e isolato centinaia di migliaia di persone.
 
La città di Peshawar è isolata e centinaia di turisti nell’area della Swat Valley sono dispersi. Mian Iftikhar Hussain, ministro dell’informazione, afferma che il bilancio dei morti potrà salire ancora di più. Egli teme possa arrivare fino a 6 mila persone. “Siamo di fronte al peggior disastro nella storia della nostra provincia”, ha detto.
 
L’esercito guida le squadre di emergenza; finora ha fatto evacuare quasi 15 mila persone e ha lanciato da aerei ed elicotteri almeno 50 tonnellate di razioni di cibo nelle zone colpite. Secondo le autorità, le piogge e le alluvioni sono le peggiori da oltre 80 anni.
 
Più di 300 millimetri d’acqua sono cadute in tre giorni, la quota più alta negli ultimi 35 anni, e si attende ancora più pioggia nel weekend. L’ufficio meteorologico prevede piogge per almeno altri 10 giorni. La stagione dei monsoni in Pakistan dura fino agli inizi di settembre.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Altri milioni di sfollati nel Sindh. L’esercito conferma l’uccisione dei volontari
28/08/2010
Aiuti al Pakistan, primo impegno della neonata Charis di Singapore
23/08/2010
Pakistan, l’impegno della Caritas per gli alluvionati
05/08/2010
Anche i talebani in soccorso ai terremotati. Si innalza il bilancio delle vittime
28/10/2015
Talebani del Pakistan “pronti a colpire gli operatori umanitari”
26/08/2010