22 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/02/2014, 00.00

    THAILANDIA

    Raid islamista nel sud della Thailandia: cinque morti e sei feriti



    Tra le vittime un monaco buddista, obiettivo dell’attacco, e un bambino di nove anni. Ieri sera una donna di 29 anni è stata uccisa e il corpo dato alle fiamme. Dietro gli assalti l’uccisione, avvenuta la scorsa settimana, di tre fratellini di religione musulmana. I ribelli annunciano nuovi attacchi. La crisi politica a Bangkok ha bloccato i colloqui di pace fra governo e islamisti.

    Bangkok (AsiaNews/Agenzie) - Cinque vittime, fra cui un monaco buddista e un bambino di nove anni, e almeno sei feriti sono il bilancio di due diversi attacchi avvenuti nel sud della Thailandia, da tempo teatro di una lotta separatista delle milizie islamiche. Fonti della polizia riferiscono che dietro entrambi gli assalti vi sarebbe la morte violenta, avvenuta nei giorni scorsi, di tre giovani fratelli di religione musulmana.

    Testimoni locali riferiscono che questa mattina quattro uomini armati, a bordo di motociclette, hanno aperto il fuoco contro un monaco mentre era intento a raccogliere offerte. L'attacco è avvenuto nel distretto di Mae Lan, nella provincia meridionale di Pattani. I proiettili hanno colpito e ucciso il religioso e altre tre persone presenti in quel momento sulla scena, fra cui un bambino. Tra i feriti vi sarebbe anche un agente delle forze dell'ordine, impegnato nella scorta del monaco. 

    Nel secondo episodio, avvenuto nella serata di ieri nel distretto di Yaring, sempre a Pattani, è rimasta uccisa una ragazza di 29 anni di fede buddista.  La donna si trovava a bordo della propria motocicletta per fare rientro a casa, quando è stata investita da una raffica di proiettili; dopo averla uccisa, gli assalitori hanno incendiato il cadavere. Sulla scena del delitto hanno lasciato un biglietto indirizzato "al capo dell'esercito", in cui spiegano che "questo non è l'ultimo corpo per [vendicare] i tre fratelli". 

    I tre fratelli di religione musulmana (di tre, cinque e nove anni), originari della confinante provincia di Narathiwat, sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco la scorsa settimana di fronte alla loro abitazione, di ritorno dalla preghiera serale in moschea. Nella sparatoria sono rimasti coinvolti anche il padre e la madre (incinta), ma sono sopravvissuti. 

    Nei giorni scorsi la fazione islamista aveva portato a termine un primo atto di rappresaglia per la morte dei bambini: il 10 febbraio scorso la moglie di un poliziotto è stata uccisa e poi data alle fiamme, in un episodio del tutto analogo a quello avvenuto ieri sera, nel mercato principale della cittadina davanti a una folla terrorizzata. 

    Il sud della Thailandia, lungo i confini con la Malaysia, è teatro di una decennale lotta separatista da parte degli estremisti islamici, che ha causato sinora oltre 5.900 vittime, la maggior parte delle quali civili. Gli islamisti chiedono l'autonomia dalla Thailandia, che ha annesso la regione oltre cent'anni fa, e accusano le autorità thai e buddiste di violazioni ai diritti umani e di non rispettare la cultura locale. Quasi ogni giorno si susseguono attentati dinamitardi e sparatorie; i colloqui di pace fra governo e ribelli sono in una fase di stallo, acuiti da uno scontro politico - fra il premier Yingluck Shinawatra e l'opposizione guidata dal Democrat Party - che da mesi ha paralizzato la vita istituzionale a Bangkok e nel resto della Thailandia. 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/02/2014 THAILANDIA
    Bangkok: nuove proteste, cresce la tensione. Forse un dibattito tv fra premier e opposizione
    I leader della rivolta annunciano manifestazioni oggi nei pressi di ministeri e uffici legati agli Shinawatra. Suthep Thaugsuban lancia la proposta di un confronto televisivo e accusa il governo di aver ucciso “bambini innocenti”. L’esecutivo respinge la proposta. Yingluck è indagata per “negligenza” nelle funzioni, rischia il processo.

    26/02/2014 THAILANDIA
    Bangkok, la crisi politica blocca l’economia: crollano le importazioni, male il turismo
    A gennaio l’import diminuisce del 15,5% rispetto al 2013, il dato peggiore degli ultimi quattro anni. Meno 19% nell’elettronica, segno negativo anche nell’export (-2%). Thai Airways denuncia perdite superiori ai 360 milioni di dollari. Le strutture alberghiere confermano il calo dei visitatori, con un trend in ulteriore diminuzione.

    24/02/2014 THAILANDIA
    Bangkok: granata contro manifestanti anti-governativi, la premier lascia la capitale
    Ieri un'esplosione ha investito un gruppo di persone, uccidendone due sul colpo. Questa mattina è deceduta anche una bambina per le gravi ferite riportate alla testa, 22 i feriti. Il capo dell’esercito esclude un intervento militare, ma chiede il ripristino della legalità. Appello del Segretario Onu Ban Ki-moon.

    18/02/2014 THAILANDIA
    Bangkok, scontri fra polizia e manifestanti: un morto, diversi feriti e un centinaio di arresti
    Le forze dell’ordine sono intervenute per liberare sedi governative e ministeriali nella capitale, scatenando tafferugli con le “Camicie gialle”. L’esecutivo intende riprendere il controllo della situazione entro il fine settimana. Il leader dell’opposizione parla di “riforme a beneficio” del Paese, perché “il solo nemico è il regime dei Thaksin”.

    03/02/2014 THAILANDIA
    Elezioni in Thailandia: luci e ombre di un voto che non risolve la crisi politica
    La tornata elettorale si è svolta in modo pacifico e non si sono registrati gravi incidenti. Si è votato nella maggioranza dei seggi, ma saranno necessari turni suppletivi. In nove province urne chiuse per il boicottaggio dell’opposizione. Fonte di AsiaNews: resta alta la tensione fra i due fronti, ma clima più sereno.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®